Mostre » Giorgio Ciam. Dentro il sogno 1969-1995

Dentro il sogno 1969-1995

Giorgio Ciam. Dentro il sogno 1969-1995

La mostra fa parte del “PROGETTOSETTANTA - Arte e fotografia dalla ricerca anni ‘70 in Italia a cura di Elena Re

a cura di Redazione, il 15/12/2007

Le sale della Galleria Enrico Fornello di Prato ospiteranno fino al 16 gennaio 2008 la mostra dedicata a Giorgio Ciam, artista nato a Pont-Saint-Martin (Aosta) nel 1941 e scomparso a Torino nel 1996. L’idea curatoriale di questa importante personale, si basa essenzialmente nel ripartire da dove, purtroppo, l’autore aveva interrotto per arrivare al compimento di un opera, ma anche di un sogno.

Il progetto espositivo

Infatti, al di là di alcuni lavori che ripropongono momenti diversi della ricerca di Ciam, la mostra, che è organizzata in collaborazione con la Fondazione Giorgio Ciam, è incentrata sulla presentazione di un’unica grande opera -Dentro il sogno 1969-1995- e di tutta la relativa documentazione di progetto, unitamente ad un’ampia raccolta di libri d’artista che sottolinea la profondità e l’articolazione del suo contributo.

Dentro il sogno 1969-1995, flashback della vita artistica di Giorgio Ciam

Dentro il sogno 1969-1995 è un’opera che Giorgio Ciam aveva pensato e progettato in termini esecutivi nel 1995, un anno prima della sua morte. Si tratta di un lavoro unitario che ripercorre come un flashback l’intero arco della sua vita artistica. Una grande installazione composta da 78 + 1 immagini scelte fra quelle realizzate appunto dal 1969 al 1995 e ristampate dai negativi originali.
Un collage senza un ordine cronologico, la “summa” del proprio pensiero, l’estrema verifica della propria identità. Una revisione completa e complessa, concepita quasi preconizzando una fine.

Nella sua dimensione “fisica” l’installazione è composta da 13 montanti metallici ciascuno dei quali sorregge 6 pannelli su ognuno dei quali è montata una fotografia per un totale di 78 pezzi. Disposto “vis-à-vis” rispetto a questo ampio anfiteatro di immagini, un pannello di cm 150 x 200 in cui l’immagine principale dell’artista che sogna “dialoga” con l’altra parte dell’opera.

I disegni preparatori di Dentro il sogno

Di questo grande lavoro Giorgio Ciam ci ha lasciato una serie di disegni preparatori, la maquette da lui stesso costruita, alcuni “prototipi” di stampa e una scheda di presentazione, indicante una tiratura in 4 esemplari. La maquette dell’opera è stata letteralmente “ingegnerizzata”, in modo tale che l’effettiva realizzazione avesse una perfetta corrispondenza con il progetto esecutivo dell’artista. Inoltre, la fase di stampa delle singole fotografie è stata seguita affinché il risultato fosse assolutamente “identico” a quello dei prototipi.

“Giorgio Ciam – Dentro il sogno 1969-1995” è anche un libro

Accompagna l’esposizione il libro Giorgio Ciam – Dentro il sogno 1969-1995 curato da Elena Re (Edizioni Gli Ori). Con questa pubblicazione l’autrice intende segnare l’evento – la prima mostra personale di Giorgio Ciam dopo dodici anni di silenzio – e desidera raccontare l’opera attraverso una lettura critica finalizzata a metterne in luce la singolarità rispetto al percorso. Completano il testo una serie di testimonianze, in forma di intervista, a figure che in vario modo sono state vicine all’artista.

Questo libro si propone come la prima pubblicazione facente parte della collana dedicata al progetto «PROGETTOSETTANTA – Arte e fotografia dalla ricerca anni ‘70 in Italia» che la Galleria Enrico Fornello accoglie nella sua programmazione.

Scheda Tecnica

  • Giorgio Ciam - Dentro il sogno 1969-1995
    fino al 16 gennaio 2008
  • Curatore:
    Elena Re
  • Galleria Enrico Fornello
    Prato, via Paolini 27
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 11-13 e 15-20
  • Info:
    Tel. (+39) 0574 462719
    info@enricofornello.it
    Galleria Enrico Fornello

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 11/12/2007

Ciam, Giorgio

Giorgio Ciam nasce a Pont-Saint-Martin (Aosta) nel 1941. Ultimati gli studi all’Accademia di Belle Arti di Torino, si dedica ad una ricerca antropologica condotta attraverso il mezzo fotografico a cui non è estraneo, nei primi dieci anni, un aspetto performativo-teatrale, che si materializza, ...