Mostre » Nei panni di una bambola

Una delle bambole di pezza prodotte dalla Lenci fra il 1919 e il 1940, modelli rimasti nel cuore del pubblico femminile.

Nei panni di una bambola

In mostra a Roma le “Lenci” della collezione di Grazia Caiani (1919-1940)

a cura di Redazione, il 11/12/2007

Una selezione di circa 60 esemplari di bambole riunite sotto il marchio Lenci – provenienti da una più ampia collezione privata che raccoglie oltre 200 pezzi dal 1874 agli anni Sessanta – sarà esposta alla Sala Santa Rita di Roma dal 13 dicembre fino al 15 febbraio 2008 per la mostra “Nei panni di una bambola”, promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Roma e organizzata da Zètema Progetto Cultura.

Le bambole in mostra testimoniano e raccontano la storia di una delle produzioni più note e fortunate che per generazioni ha rappresentato una presenza discreta e familiare nella vita quotidiana di moltissime case italiane e non solo.

I primi esemplari realizzati nel 1919 dall’artista e fotografa Konig Scavini

Ludus Est Nobis Constanter Industria, “Il gioco è per noi costante lavoro”, è il motto scelto da Elena Konig Scavini, singolare figura di artista e fotografa che, nel 1919, ispirata dai poetici e sognanti pupazzi di feltro della ditta tedesca Steiff, inizia a realizzare i primi esemplari di bambole in stoffa.

Dal 1921, con l’introduzione dell’uso di un feltro leggero e morbido al tatto, la produzione incontra il favore del pubblico che in pochi anni ne decreta la fortuna e il successo internazionale.

La partecipazione alle rassegne espositive più importanti e una distribuzione capillare attraverso i molti punti vendita garantiscono alla Lenci una significativa opportunità commerciale, valorizzata dall’iniziativa della famiglia Scavini che chiama a collaborare alla creazione dei modelli artisti come Marcello Dudovich, Gigi Chessa, Mario Sturani e molti altri, attivi anche nella produzione delle celebri ceramiche.

Uno spazio particolare è dedicato alla amatissima “Prosperity Baby”

La mostra romana è l’occasione di ripercorrere, attraverso una scelta mirata, le trasformazioni dei modelli e delle tipologie, dai primi esemplari degli anni Venti alle bambole “Agnesina” degli anni Cinquanta.

Uno spazio particolare è riservato ai Prosperity Baby, un particolare aspetto della produzione Lenci degli anni Trenta, molto amati dal pubblico e destinati a portare prosperità e fortuna.

    Scheda Tecnica

  • Nei panni di una bambola
    dal 13 dicembre 2007 al 15 febbraio 2008
  • Sala Santa Rita
    Roma, Via Montanara (adiacente Piazza Campitelli)
    Come arrivare: Autobus Linee 44, 63, 81, 160, 170, 628, 715, 716
  • Orario di apertura:
    lun-ven, ore 10-18; sab e dom chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 06 67105568
    Sala Santa Rita
    Zètema Progetto Cultura (organizzazione)

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader