Special » Museo MAGI‘900, un atto d’amore di Giulio Bargellini

L'esterno del Museo Magi

Museo MAGI‘900, un atto d’amore di Giulio Bargellini

Il Museo di Pieve di Cento ospita oltre 2.000 opere di arte moderna e contemporanea

a cura di Redazione, il 09/12/2007

L'imprenditore e collezionista Giulio Bargellini con un atto di amore per la cultura e con grande entusiasmo ha fondato un museo che offre agli appassionati dell’arte un ampio panorama sul Novecento italiano con un attento sguardo all’arte contemporanea. Da silos per lo stoccaggio del grano a museo: la brillante intuizione di Giulio Bargellini ha dato vita al MAGI'900 - Museo delle Generazioni Italiane, un luogo di studio, di ritrovo e di consulenza.

Oltre 2000 opere nella collezione del Magi ‘900

La passione di Giulio Bargellini per l’arte, resa evidente già dai primi anni Settanta con acquisizioni importanti e consapevoli, lo ha portato alla creazione di una collezione che annovera oggi più di 2.000 opere di arte moderna e contemporanea fra pittura, scultura, fotografia e installazioni. Si possono dunque ammirare i capolavori dei grandi nomi che hanno segnato la storia del XX secolo. Sono numerosi infatti gli artisti di spicco del panorama italiano quali Afro, Balla, Burri, Boccioni, Cagli, Campigli, Carrà, Capogrossi, Casorati, Corpora, Crippa, De Chirico, Depero, Dova, Guttuso, Manzù, A. Martini, Melotti, Minguzzi, Modigliani, Arnaldo e Giò Pomodoro, Savinio, Severini, Sironi, Vedova, per citarne solo alcuni di un elenco veramente molto esteso.

Il MAGI abbraccia il secolo concluso con opere di artisti raggruppati per generazioni che vanno dalla fine del XIX secolo fino alla più stretta contemporaneità. La collezione del museo è in continua evoluzione e la già nutrita raccolta si arricchisce ogni anno grazie a nuove acquisizioni e donazioni.

Vittoria Coen, dalla fine del 2006 nuovo direttore artistico

Dalla fine del 2006 Vittoria Coen, il nuovo direttore artistico, ha contribuito con la sua esperienza ad orientare le nuove scelte, come per le mostre tematiche L'astratto presente. Generazioni in scena e Per parole e immagini. Tra poesia visiva ed espressioni segniche che hanno aumentato ulteriormente la notorietà del museo e incrementato notevolmente il numero dei visitatori.

La struttura del Museo, oltre 4000 mq di superficie

L’edificio, nato nel 1933 come silos, è situato a Pieve di Cento, antica cittadina a pochi chilometri da Bologna, ed è stato inaugurato nel febbraio del 2000 grazie agli studi di restauro dall'architetto Giuseppe D'Avanzo, già allievo dei noti Albini e Scarpa, su volontà di Bargellini e dell'Amministrazione Comunale di Pieve di Cento.

Il direttore del Museo, Giulio Bargellini, e Vittoria Coen

La struttura, che si estende su una superficie di 4000 mq, è stata concepita per offrire un'ampia varietà di servizi, oltre agli ambienti adibiti all'esposizione della collezione e a mostre temporanee, si trovano laboratori didattici e spazi ludici per bambini e ragazzi, auditorium e sale per convegni, conferenze, concerti e rappresentazioni, Molto frequentata la nutrita biblioteca comprendente una sala di lettura per studenti e ricercatori, che possono approfondire gli studi sull'arte grazie a cataloghi, monografie, riviste, pubblicazioni, libri d’artista e documenti riguardanti gli artisti presenti nel museo e non solo. Sono inoltre presenti volumi di saggistica, narrativa, editoria per bambini e ragazzi. Dall’autunno 2006 è possibile fare una piacevole sosta al Magi-cafè che offre un selezionato servizio ristorante e visitare il Bookshop, per trovare interessanti pubblicazioni editoriali e oggetti di vario genere per tutte le età.
Il Museo MAGI è una vera e propria cittadina dell'arte dove si possono trascorrere piacevoli giornate e insolite serate all’insegna della cultura.

Impresa e arte

Impresa e arte sono ormai un binomio assodato e per Bargellini non si può scindere l'idea di museo da quella di azienda: per questo motivo il Magi '900 riassume in sé le due realtà, mettendosi a disposizione delle Aziende pubbliche e private che possono diventare finanziatrici degli artisti, sostenere l'attività del museo, investire nella collezione e promuovere mostre ed eventi. Infatti il Museo Magi è una delle rare realtà culturali italiane che vive autonomamente senza alcuna sovvenzione da parte delle istituzioni pubbliche.

Info

  • MAGI '900. Museo delle Generazioni Italiane
    Pieve di Cento (Bo), via Rusticana A/1
  • Orario di apertura:
    Tutti i giorni, ore 10-18; lun chiuso (oltre che a Natale, 1 gennaio, Pasqua e agosto)
  • Biglietti:
    Intero € 5; ridotto € 4; gratuito fino a 12 anni; scolaresche € 3 per studente; famiglia (max 4 persone) € 12
  • Info:
    Segreteria generale
    Tel. (+39) 051 6861545 – Fax (+39) 051 6860364
    info@magi900.com
    Museo Magi

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 09/12/2007

Per parole e immagini. Tra poesia visiva ed espressioni segniche

Il Museo Magi a Pieve di Cento (Bo) ospita fino al 13 gennaio la mostra collettiva “Per parole e immagini. Tra poesia visiva ed espressioni segniche” a cura di Vittoria Coen, dedicata al rapporto tra disegno e significato in cui predomina il movimento artistico della Poesia Visiva. ...