Mostre » Can Can, il nuovo progetto d’arte di Carolina Kecskemethy

Can Can, il nuovo progetto d’arte di Carolina Kecskemethy

di Bernd Noack, il 04/12/2006

Il nuovo progetto “Can Can” di Carolina Kecskemethy, in parte appositamente ideato per gli spazi espositivi di Moving In di Berlino, propone, intorno all’installazione centrale, alcuni video, dipinti, disegni e poesie, accompagnati dalla famosa musica di Jaques Offenbach, dalla quale trae il nome la mostra stessa. La migrazione / emigrazione – fisica e ideale – è il tema centrale dell’esposizione, un motivo fondamentale anche nella ricerca artistica della Kecskemethy. La mostra, a cura di Anette Schwarz, sarà aperta al pubblico dal 6 dicembre 2006 fino al 19 gennaio 2007.
La ricerca di una patria, la sensazione di sentirsi a casa, per un’artista come Carolina Kecskemethy - nata nel 1960 a Lima da parenti emigrati dall’Ungheria e da più di venti anni residente a Berlino - non è una condizione normale. E sembra sia proprio a causa della sua biografia, che la Kecskemethy si sia inventata un suo mondo personale. Il progetto del Moving In ci rende partecipi di questo mondo, ci invita in un universo in miniatura ex novo, costituito dall’installazione "Can Can", un assemblage di centinaia di mobili di bambole (vedi la foto), oggetti provenienti da numerose camere di bambini sparse in tutto il mondo, con tracce ancora visibili dei vecchi proprietari. I disegni invece sembrano raffigurare un panorama montano, forse quello del Perù, mentre in uno dei suoi video l’artista stessa grida i fondamenti intorno ai quali ruota la sua vita: avere, possedere, conservare. Everything goes, partire per rimanere, rimanere per partire - sono queste le sensazioni di un’artista che è a casa nel mondo, e non è a casa da nessuna parte? Le opere di Carolina Kecskemethy provengono da diverse culture, che vengono fuse in modo artisticamente convincente ed originale e che emanano allo stesso momento espressività e intensità.

Scheda tecnica

Carolina Kecskemethy. “Can Can – Choreographien: Sekundäre Territorien, umkreisend“
dal 6 dicembre 2006 al 19 gennaio 2007
Inaugurazione: mercoledì 6 dicembre, ore 19.30

Moving In - Die mobile Galerie der Werkstatt der Kulturen/ProjektBüroKunst und Berliner Unternehmen
Berlino, Joachimstaler Str. 20

Info:
Tel. (+49) 030 62005800
Tel. (+49) 0160 844 2200

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader