Eventi » L’Arte delle Donne

L’Arte delle Donne

Dal Rinascimento al Surrealismo, in mostra a Milano cinque secoli di arte al femminile

a cura di Redazione, il 06/12/2007

Valorizzare la figura della donna come pittrice e non più solo come soggetto dipinto, assegnandole il ruolo di protagonista della scena artistica a lungo dominata dalla figura maschile, è quello che si propone la mostra “L’Arte delle Donne, dal Rinascimento al Surrealismo”, in programma a Milano, Palazzo Reale, fino al 9 marzo 2008.

L’iniziativa si propone, nell’Anno Europeo delle Pari Opportunità, di promuovere ed evidenziare il ruolo della donna nell’arte e di recuperare il valore scientifico, sociale e antropologico delle opere di alcune fra le più illustri artiste della storia, così come di figure meno note, ma egualmente rilevanti nel panorama creativo internazionale, nonché analizzare com’è cambiata l’immagine della donna artista nel corso degli ultimi cinque secoli.

La mostra presenta oltre 200 opere ed è curata da un comitato scientifico presieduto da Hans Albert Peters

La mostra presenterà oltre 200 opere realizzate tra il XVI e il XX secolo da 110 artiste, tra cui Rosalba Carriera, Artemisia Gentileschi, Lavinia Fontana, Elisabetta Sirani, Nathalie Gontcharova, Camille Claudel, Tamara de Lempicka, provenienti da musei e collezioni di 14 paesi europei e mondiali, quali il Museo Nacional del Prado e il Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid, il Centre National d’Art et de Culture Georges Pompidou di Parigi, il National Museum of Women in the Arts di Washington, la Galleria degli Uffizi di Firenze, il Museo Nazionale di Capodimonte di Napoli.

Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e col patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, l’esposizione è curata da un comitato scientifico presieduto da Hans Albert Peters, storico dell’arte, ex direttore del Kunstmuseum di Düsseldorf, e composto da Elena Pontiggia, storica dell’arte, Accademia di Brera, Milano, Sergio Benedetti, curatore capo della National Gallery of Ireland, Francesco Petrucci, direttore del Museo di Palazzo Chigi in Ariccia, Marco Vallora, professore di Storia dell'Arte Contemporanea all'Università di Urbino, di Estetica al Politecnico di Milano e di Storia dell'arte e Storia della Critica alla Facoltà di Architettura di Parma, Nicola Spinosa, sovrintendente Polo Museale Napoletano, Beatrice Buscaroli, storica dell’arte, docente di Storia dell'Arte Contemporanea all'Università di Bologna-Ravenna, direttore artistico delle collezioni d’Arte della Fondazione Cassa di Risparmio di Bologna, Edoardo Testori, critico d’arte, Susan Fischer Sterling, curatore capo National Museum of Women in the Arts, Washington, Gutman Ilene, direttore Affari Nazionali ed Internazionali del National Museum of Women in the Arts, Washington.
Accompagna la mostra un catalogo edito da Motta.

"L'Arte delle Donne" sostiene la Fondazione Umberto Veronesi e ABO PROJECT

Artematica, in partnership con ABO Project, organizzazione nata con il compito di sostenere la ricerca contro il cancro, e Fondazione Umberto Veronesi, destinerà il 5% degli incassi della mostra al finanziamento del progetto di ricerca “Radioterapia Intraoperatoria e Radioterapia Fast”, un nuovo schema terapeutico nel trattamento del carcinoma della mammella, realizzato dall’Istituto Europeo di Oncologia di Milano (IEO).

Scheda Tecnica

  • L'arte delle donne. Dal Rinascimento al Surrealismo
    fino al 9 marzo 2008
  • Palazzo Reale
    Milano, Piazza Duomo, 12
  • Orario di apertura:
    lun, ore 14.30-19.30; mar-dom, ore 9.30-19.30; gio, ore 9.30-22.30
  • Biglietti:
    Intero € 9; ridotto (studenti, tesserati TCI, over 60) € 7; ridotto(fino a 18 anni) €6; gratuiti fino a 3 anni, disabili con accompagnatore.
  • Info e prenotazioni:
    Tel. (+39) 02 54915
    Prenotazioni biglietti

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 06/12/2007

Il percorso espositivo de L' Arte delle Donne

“Certo in nessun’altra età”, ebbe modo di scrivere Giorgio Vasari nelle sue Vite, “s’è ciò meglio potuto conoscere, che nella nostra; dove le donne hanno acquistato grandissime lettere”. Il percorso espositivo non poteva quindi che prendere inizio proprio dal Rinascimento, quando, in Italia e ...