Special » Giampaolo Talani: «La mia Rosa dei Venti»

Una notte di luna piena, 1998 (cm 100 x 100)

Giampaolo Talani: «La mia Rosa dei Venti»

Il Maestro racconta ad Artelab alcuni retroscena della realizzazione dell'affresco di Santa Maria Novella e svela in anteprima come sarà la mostra antologica in programma a primavera

di David Bernacchioni, il 13/02/2008

Nel suo percorso di artista aveva già realizzato opere di notevole rilievo, ma i titoli dei giornali, Giampaolo Talani, li ha conquistati nell’estate 2006, nei mesi afosi in cui, insieme con altri maestri fiorentini, metteva mano al grande affresco di 70 metri quadri che oggi sovrasta il salone centrale della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella.

Un successo anche internazionale, se si pensa ai complimenti giunti da artisti di tutto il mondo, o a quel privato giapponese che offrì una somma a sei zeri per portarsi a casa l’affresco. Talani rifiutò: l’opera era un dono a Firenze, dichiarò il maestro, e sarebbe rimasta nella città a cui era dedicata.

A distanza di oltre un anno dall’inaugurazione, un nuovo incontro con Giampaolo Talani è l’occasione per tracciare un bilancio dell’avventura di "Partenze" e gettare uno sguardo su "Rosa dei Venti", la grande mostra antologica che Firenze dedica all'opera del maestro livornese.

Maestro, a distanza di sicurezza dal clamore dell’estate scorsa, si può ben dire che con l’affresco di Santa Maria Novella lei abbia firmato un’opera per certi aspetti “storica”.
«”Partenze” è la prima opera pubblica di grandi dimensioni realizzata in Italia negli ultimi 60-70 anni. Mi risulta che Il 97% dei viaggiatori invitati ad esprimere un parere abbia dichiarato di apprezzare l’affresco. Pensi che ricevo molte lettere di persone che dicono: “mi fa compagnia”. Sono queste le gioie più grandi per un artista. Anche il Presidente della Repubblica Napolitano si è espresso a favore dell’opera».

Anche la fase di realizzazione ha suscitato l’interesse dei giornali. Si sapeva di un gruppo di maestri della pittura a fresco che vi lavorava di notte, dietro quei teli che negavano alla vista altrui l’opera in fieri.
«È stata un’esperienza fantastica, lo dico anche dal punto di vista umano. Circa cinquanta persone si sono dedicate all’affresco, compresi i tecnici. La sfida consisteva nel realizzare l’opera durante l’estate, una stagione poco adatta a questo tipo di pittura per via delle alte temperature che danno agli intonaci condizioni di lavorazione non favorevoli. Per questo si lavorava nelle ore notturne».

Alla pittura dell’affresco hanno collaborato tre maestri della fiorentina "Bottega del Bon Fresco", ovvero Luigi Falai, Massimo Callossi e Mario Passivanti. Come ricorda il loro contributo?
«Falai, Callossi e Passavanti sono tre “ragazzi di Annigoni”: sanno cos’è la pittura. Mi hanno dato un aiuto prezioso senza chiedere un soldo, praticamente li ho ripagati a cene. Ricordo che in quelle notti di lavoro si andava avanti a bicchieri di Gallo Nero, e dire che io sono quasi astemio…».

Parlando con Talani dell’affresco di Santa Maria Novella c‘è spazio anche per una punta di amarezza. Qualcuno ha criticato la sua iniziativa con argomenti che all'artista sono parsi pretestuosi. La risposta del maestro livornese è affilata:
«Dico che mi si attacca per invidia… Mi criticano perché non mi servo del “sistema”, in un mondo in cui o lo fai o non sei nessuno. Io mi sono sempre avvalso di collaboratori da me scelti, e questo è il prezzo. Ma la realtà è che l’affresco è costato pochissimo alla città di Firenze, così come la mostra personale che inaugura il 7 marzo».

Si riferisce a “Rosa dei venti”, la grande antologica che resterà aperta al pubblico fino al 27 aprile (con catalogo di Elisa Gradi, pubblicato da De Paoli Edizioni d’Arte, ndr). Di cosa si tratta?
«È un regalo che mi fa la città di Firenze, ma gestito interamente dal mio gruppo di collaboratori. Continuando il discorso fatto per l’affresco, degli sponsor privati copriranno tutti i costi e non sarà speso un solo soldo pubblico, tanto meno dal Comune. Quanto alla mostra, sarà allestita nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio e presenterà 55 mie opere provenienti da collezioni italiane ed estere».

Cosa ci può dire dell’allestimento?
«Impiegherà antichi infissi e sarà a raggiera, a rappresentare la rosa dei venti marinara, con otto punte come il numero dei periodi della mia produzione documentati dall’esposizione. Ho voluto affidare l’allestimento agli artigiani Paolo Nocentini e Giacomo Bioli Pini, gli stessi che si sono occupati della mostra ospitata nelle sale del Museo Archeologico di Fiesole nel 2005. Ho sempre pensato che gli artigiani lavorino con il cuore».

“Una rosa per ippolita”, olio e tempera su tavola, 2007, cm. 23,5 x 33,5

Perché la mostra è intitolata “Rosa dei venti”?
«Guarda la rosa e il vento che la porta via… La rosa è la nostra vita, quindi è un altro modo per dire “carpe diem”, un concetto che mi è caro».

Come ricordato dall’artista, le 8 sezioni della mostra antologica (curata da Laura Farina per Oltremare Arte) documenteranno altrettanti periodi salienti della sua produzione, da “Storie del marinaio” a “Un forte vento di mare”, da “Storie salate” a “Cercatori di pesci” e “Musicisti”, da “Finisterre-Partenze” ad “Animali di battigia” e “Ombre”. Delle 55 opere esposte a Palazzo Vecchio, in particolare, due provengono dagli Stati Uniti e una dal Giappone

Si può dire allora dire che la mostra di Palazzo Vecchio rappresenterà una buona sintesi del “mondo” di Giampaolo Talani?
«Direi di sì, ma voglio che anche il pubblico si senta protagonista, che l’esposizione sia un’occasione di incontro. Per questo ho pensato ad una serie di eventi collaterali come benvenuto alla mostra».

Il più sorprendente di questi eventi sarà una grande installazione che il maestro livornese allestirà su tutta piazza Signoria: una sorpresa su cui ha deciso di mantenere il segreto fino all’ultimo. Una certezza è invece il bronzo alto tre metri che sarà collocato sotto la Loggia degli Uffizi per tutto il periodo dell’esposizione, in mezzo al colonnato che guarda l’Arno. Una scultura per ricordare a tutti che il “mondo” di Giampaolo Talani è sì grande pittura - quella su tela, o tavola, e quella a fresco di “Partenze” - ma soprattutto arte a trecentosessanta gradi.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

di Valentina Redditi, il 08/03/2008

A Firenze la “Rosa dei Venti” di Giampaolo Talani

Ha aperto i battenti l’attesa mostra antologica di Giampaolo Talani, “Rosa dei Venti” , allestita fino al 27 aprile nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio a Firenze. L’esposizione presenta 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, italiane ed estere, fra cui due dagli Stati Uniti...

a cura di Redazione, il 06/03/2008

Talani a Firenze: in arrivo "Rosa dei Venti"

Inaugura domani nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, a Firenze, la grande antologica di Giampaolo Talani intitolata "Rosa dei Venti", con 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, dall’Italia e dall’estero (due, in particolare, dagli USA e uno dal Giappone). E poi un...

a cura di Redazione, il 28/01/2008

Talani, Giampaolo

Nato nel 1955 a San Vincenzo (Livorno), dove tuttora vive a lavora, Giampaolo Talani ha maturato una profonda preparazione artistica frequentando prima il Liceo Artistico poi l’Accademia di Belle Arti di Firenze dove è stato tra gli allievi prediletti del Maestro Goffredo Trovarelli. Ancora st...

a cura di Redazione, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, tradizione e carica innovativa

Tra le numerose personalità del mondo dell’arte e della cultura che hanno scritto di Giampaolo Talani, Vittorio Sgarbi è senza dubbio una delle più note e carismatiche. ...

di David Bernacchioni, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, il realismo magico di un artista in costante evoluzione

Allievo prediletto del Maestro Goffredo Trovatelli, Giampaolo Talani è uno dei pochi artisti contemporanei a padroneggiare tecniche oggi quasi dimenticate – ma che fecero grande l’arte del passato – come l’incisione e la pittura a fresco. ...

di David Bernacchioni, il 20/09/2006

Sgarbi inaugura l’affresco di Giampaolo Talani alla stazione di Firenze

L’antica arte dell’affresco torna d’attualità a Firenze grazie al pittore Giampaolo Talani, che ha inaugurato questa mattina una monumentale opera di 70 metri quadri, intitolata “Partenze”, all’interno della stazione di Santa Maria Novella. ...

di Elisa Gradi, il 20/09/2006

Partenze, la scommessa rinascimentale di Giampaolo Talani

Un grande affresco, posto in uno spazio nevralgico della vita della città, implica in sostanza una scelta estetica che condizionerà, senza alcuna distinzione di categoria sociale, lo spazio di tutti i cittadini ed i visitatori. ...