Mostre » Vangelis Vlahos, structures of influence

Vangelis Vlahos, structures of influence

La mostra del giovane artista greco è il quarto appuntamento del progetto Direct Architecture. Politics and Space di Marco Scotini

a cura di Redazione, il 04/12/2007

Giovedì 6 dicembre inaugura a Como, presso lo spazio per l’arte contemporanea Borgovico 33, structures of influence, la mostra del giovane artista greco Vangelis Vlahos, quarto appuntamento del progetto Direct Architecture. Politics and Space.

Il progetto Direct Architecture. Politics and Space

La rassegna, a cura di Marco Scotini, comprende quattro mostre personali e si svolge nell’arco di un intero anno. E’ iniziata lo scorso febbraio con l’esposizione dedicata all’artista greca Maria Papadimitriou, per proseguire in maggio con quella di Santiago Cirugeda, di Josè Davila in ottobre e concludersi con la prima personale italiana di Vangelis Vlahos, che si terrà fino al 27 gennaio 2008.

Ognuno di questi quattro artisti, considerati tra i più interessanti sulla scena contemporanea internazionale, è stato invitato a immaginare uno spazio urbano flessibile, collettivo e temporaneo, e a produrre dentro l’ex chiesa seicentesca, attuale e suggestiva sede dell’Associazione Culturale Borgovico 33, un padiglione in scala reale, che sia modello di intervento e di azione urbana. Riappropriarsi dello spazio della città contemporanea è l’idea su cui si basa il progetto, che prendendo le mosse dalla concentrazione a Como di modelli d’architettura modernista, intende riflettere sulla trasformazione del paradigma urbano e sociale all’interno della città globale.

L’ area di indagine di Vangelis Vlahos

Vlahos si è reso noto al grande pubblico per la partecipazione alla Biennale di Berlino (2004), a Manifesta 5 a San Sebastian (2004) e all’ultima edizione della Biennale di San Paolo (2006). L’area di indagine scelta da Vlahos è, prima di ogni altra, la realtà urbana di Atene con le sue insormontabili contraddizioni. Il metodo d’indagine, invece, è quello dell’archivista di incidenti politici e di fatti sociali. Gli stessi modelli architettonici che Vlahos realizza - sempre in scala 1:50 e in cartone grigio - nascono da foto tratte da materiali d’archivio o da informazioni trovate piuttosto che da un’esperienza concreta dell’edificio preso in esame.

Al termine del ciclo di mostre verrà realizzata una pubblicazione contenente la documentazione delle quattro mostre personali, apparati biografici e fotografie delle opere in mostra.

Scheda Tecnica

  • Vlahos Vangelis. Structures of influence
    dal 6 dicembre 2007 al 27 gennaio 2008
    Inaugurazione: giovedì 6 dicembre, ore 18
  • Curatore dell’intera rassegna:
    Marco Scotini
  • Associazione Culturale Borgovico 33
    Como, via Borgo Vico 33
  • Orario di apertura:
    ven-dom, ore 15-20 o su appuntamento; durante le festività natalizie si prega di telefonare.
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Segreteria Organizzativa
    Elide Brunati Tel. (+39) 031 576029 - Fax (+39) 031 3385220
    info@bv33.org
    Associazione Culturale Borgovico 33
  • Ufficio Stampa:
    Marta Colombo
    mob. (+39) 340 3442805
    martacolombo@gmail.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 04/12/2007

L’arte di Vangelis Vlahos, indagine contemporanea

“L’artista, all’interno di Borgovico33, mette in scena un duplice fallimento. Da un lato quello del Regime dei Colonnelli tra il 1967 e il 1974 e rappresentato simbolicamente dalla Torre del Pireo, quale proiezione dell’idea di progresso della Grecia sotto la dittatura: un edificio mai portato...