E » Erwitt, Elliott

Elliott Erwitt, Usa. New York. 1974. Felix Gladys and Rover © Elliott Erwitt

Erwitt, Elliott

a cura di Redazione, il 23/11/2007

Nato il 26 Luglio 1928 a Parigi, con il nome di Elio Romano, trascorre la sua infanzia in Italia, a Milano.
Nel 1938 la sua famiglia si sposta nuovamente a Parigi, per poi emigrare a New York l'anno seguente e trasferirsi definitivamente a Los Angeles nel 1941. Fin da ragazzo, ad Hollywood, Elliott si interessa alla fotografia.

Nel 1944, ancora al liceo, trova lavoro in una camera oscura. Fissa la sua residenza a New York nel 1948, che elegge sua base operativa fondamentale anche se nel linguaggio di Erwitt per residenza si intende “luogo dove ti trovi in un dato momento, dal momento che non stai andando in nessun altro luogo”: qui incontra Edward Steichen, Robert Capa e Roy Stryker che amano le sue fotografie al punto di coinvolgersi nel suo lavoro come veri e propri mentori.

Dopo aver passato il 1949 viaggiando tra la Francia e l'Italia, Erwitt torna a New York e comincia a lavorare come fotografo professionista. Arruolatosi nell'esercito americano nel 1951, continua a fotografare anche di stanza in Germania e in Francia.

Chiamato all’agenzia Magnum da Robert Capa, Erwitt ne è stato presidente per tre volte

Nel 1953 Robert Capa lo invita ad entrare a far parte di Magnum Photos. Membro da allora di questa prestigiosa agenzia, Elliott ne è stato tre volte presidente, la prima delle quali nel 1968.
I suoi reportage, le sue immagini “personali”, i suoi lavori pubblicitari sono apparsi in innumerevoli riviste, giornali e pubblicazioni in tutto il mondo per oltre 40 anni.

Negli anni ‘70, pur continuando a lavorare come fotografo, comincia a girare dei film. La sua produzione di documentari include “Beauty knows no pain” (1971), “Red White and Bluegrass” (1973 - realizzato con il sostegno di una sovvenzione dell'American Film Institute) e il premiato “Glass makers of Herat” (1977).
Negli anni ’80 si dedica alla produzione di commedie e special satirici realizzandone 17 per la televisione e per la Home Box Office.

Dagli anni ’90 fino ad oggi ha continuato a svolgere una intensa e varia vita professionale che tocca gli aspetti più disparati della fotografia. Mentre lavora per giornali e clienti industriali e pubblicitari, Erwitt dedica il suo tempo restante alla creazione di libri e mostre destinate a gallerie e musei.

La sua lunga lista di mostre personali di grande richiamo per il pubblico include tra le altre: The Museum of Modern Art New York – The Chicago Art Institute – The Smithsonian Institution Washington D.C. – The Museum of Modern Art Parigi (Palais de Tokyo) – The Kunsthaus a Zurigo – il Reina Sofia di Madrid – The Barbican a Londra – The Royal Photographic Society a Bath – The Museum of Art of New South Wales a Sidney – lo Spazio Oberdan a Milano, vari musei asiatici ecc. Gallerie private disseminate in tutto il mondo promuovono il suo lavoro nel campo della fotografia e della Fine Art.

Elliott Erwitt vive a New York City ma viaggia continuamente in modo ossessivo.
Ama i bambini e i cani.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 23/11/2007

Lucca Digital Photo Fest '07

Terzo click per il Lucca Digital Photo Fest che dal 24 novembre al 16 dicembre 2007 trasformerà Lucca in un grande atelier fotografico. La manifestazione, divenuta in soli tre anni uno degli appuntamenti più significativi nel settore, vale come terza tappa del World Press Photo, il concorso di...