Mostre » Milano, alla galleria Montrasio Arte il linguaggio figurativo di Marco Luzi

Milano, alla galleria Montrasio Arte il linguaggio figurativo di Marco Luzi

a cura di Redazione, il 08/11/2006

Una mostra personale di venti dipinti a olio, tutti inediti, presenterà l’evoluzione del linguaggio figurativo di Marco Luzi, giovane artista nato a Civitanova Marche nel 1971. L’esposizione sarà inaugura giovedì 9 novembre nei locali della galleria Montrasio Arte di Milano e presenta tutte opere realizzate nel corso dell’ultimo anno di lavoro. A due anni dalla prima personale milanese di Luzi, allestita alla galleria Pitturaitaliana, questa iniziativa segue l’importante partecipazione alla mostra “Giovanni Testori - Un ritratto. L’omaggio di quaranta artisti contemporanei“, tenutasi nel 2003 a Palazzo Leone da Perego di Legnano, e i riconoscimenti ottenuti al “Premio di Pittura Carlo Della Zorza” di Milano, al “Premio Morlotti” di Imbersago e al “Premio la Fenice” di Venezia. La cifra espressiva più caratteristica del lavoro di Marco Luzi è quella di scavare all’interno della propria realtà quotidiana. Non è un caso che uno dei suoi soggetti preferiti è proprio lui stesso, e le citazioni che riporta sulle tele sono tratte dall’ambiente domestico e affettivo, e da una dimensione onirica. I corpi, per lo più nudi, sono una delle peculiarità più tipiche della sua pittura. Ma la nudità – come osserva Ivan Quaroni nel testo in catalogo, “non è una semplice esibizione di corpi svestiti o una suadente esposizione di carni erotiche. Finanche protetti dai vestiti, avvolti nei cappotti, i personaggi di Luzi sono nudi. Nudi in una maniera disarmante, persino imbarazzante, insomma tremendamente reale. ‘Nuda Veritas’, senza nascondimenti”. I lavori di Luzi parlano attraverso il linguaggio di una figurazione nuova. Se le sue realizzazioni più antiche si specchiavano nell’ambiente claustrofobico dello studio, in cui il pittore-uomo cercava l’autoreferenzialità, le recenti, che arrivano ad una sintesi maggiore delle forme, producono un nuovo tipo di linguaggio che cerca di mettere in crisi – o in discussione – gli stereotipi della società odierna. Caratteristica di Luzi è infatti quella di non cogliere le immagini dal cinema, dalla televisione, dalla pubblicità o dalla comunicazione mass-mediatica, ma di fabbricare le sue visioni autonomamente, con una tecnica che sfiora l’iperrealismo, ma che va oltre, alterando e deformando le proporzioni.
Accompagna la mostra un catalogo di Montrasio Arte, con testi di Elena Pontiggia, Ivan Quaroni e Marco Mancassola.

Scheda tecnica

Marco Luzi”. Mostra personale
dal 9 novembre al 16 dicembre 2006
Inaugurazione: giovedì 9 novembre, ore 18.30

Galleria Montrasio Arte
Milano, Via Brera 5

Orario di apertura:
mar-sab, ore 10.30-12.30 e 15.30-19.30; dom e lun chiuso.

Biglietti:
Ingresso libero

Catalogo:
Montrasio Arte

Info:
Tel. (+39) 02 878448 – 02 875522
montrasio@montrasioarte.com
Montrasio Arte

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader