Special » Nasce la Strozzina, luogo per la cultura contemporanea

Nasce la Strozzina, luogo per la cultura contemporanea

La Fondazione Palazzo Strozzi apre a Firenze uno spazio espositivo dedicato ai nuovi linguaggi dell’arte e della cultura contemporanea

a cura di Redazione, il 20/11/2007

Il 29 Novembre 2007 la Fondazione Palazzo Strozzi di Firenze inaugura il nuovo CCCS - Centro di Cultura Contemporanea Strozzina, uno spazio dedicato al confronto tra i differenti approcci e le diverse pratiche che caratterizzano la produzione artistica e culturale della contemporaneità.

La Fondazione è un’istituzione pubblico/privata, fondata dal Comune di Firenze, dalla Provincia di Firenze, dalla Camera di Commercio di Firenze, dalla Banca CR Firenze e dall’«Associazione Partners di Palazzo Strozzi», un’Associazione di cui fanno parte Ferragamo Finanziaria, Fingen (Corrado e Marcello Fratini), Gucci Group, Rocco Forte Hotels, Intesa Sanpaolo, The Boston Consulting Group, Banca Toscana, Eni, GE Oil & Gas Nuovo Pignone, Emilio Pucci, Sir Rocco Forte & Family, Saatchi&Saatchi.

Le parole del Direttore Generale della Fondazione, James Bradburne

Dalla premessa del catalogo della mostra Sistemi Emotivi: “Il Centro di Cultura Contemporanea Strozzina (CCCS) intende essere una sorta di piattaforma aperta alla vasta gamma di approcci e pratiche che caratterizzano la produzione di arte e cultura contemporanee. Aperta anche nel senso che qui la mediazione culturale non sarà finalizzata allo sviluppo di un’unica interpretazione, bensì a stimolare la cultura del dibattito critico e una lettura degli strati molteplici e multiformi che compongono la realtà complessa e talvolta apparentemente contraddittoria in cui viviamo”. […]

Interno dello spazio espositivo

Lo spazio espositivo, noto come La Strozzina, trova posto negli ambienti, restaurati di recente, situati sotto il magnifico cortile di Palazzo Strozzi. In passato, qui si trovavano le cantine del Palazzo, vero gioiello del Rinascimento italiano; in seguito, dalla fine della Seconda Guerra Mondiale fino all’alluvione del 1966, queste sale hanno ospitato le più importanti mostre fiorentine, che hanno avuto un’eco internazionale. Il Centro comprende 11 sale di dimensioni diverse, per una superficie totale di 850 metri quadrati.

L’approccio fondamentale scelto dal CCCS è quello di ideare un programma pluriennale utilizzando network locali e internazionali. Ciò significa che non solo verranno proposti progetti espositivi tematici, ma saranno regolarmente invitati curatori indipendenti ed istituzioni per concepire iniziative, cicli di film e video, workshop, performance e lectures da tenersi negli spazi del centro.

Franziska Nori, project director del nuovo centro

“Il CCCS è un luogo per la cultura contemporanea, – sottolinea Franziska Nori, project director del nuovo centro – dove saranno presentati progetti che affrontano aspetti urbanistici, economici, di sviluppo sociale e politico, scientifici, tecnologici, come anche estetici ed etici, in virtù del fatto che la stessa arte contemporanea da tempo si è liberata dai canoni classici legati alla logica del singolo approccio disciplinare. Il CCCS è inteso come struttura dalla quale sarà possibile avviare sia un confronto analitico e contemplativo con l’arte, sia una partecipazione diretta ed attiva al processo culturale”.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 20/11/2007

Sistemi Emotivi, artisti contemporanei tra emozione e ragione

Dal 30 novembre l’appuntamento espositivo “Sistemi Emotivi, artisti contemporanei tra emozione e ragione” inaugura il CCCS – Centro di Cultura Contemporanea Strozzina – Fondazione Palazzo Strozzi, uno spazio dedicato al confronto tra i differenti approcci e le diverse pratiche che caratterizza...

a cura di Redazione, il 30/01/2007

Fondazione Strozzi di Firenze, una nuova visione strategica

Un programma che guarda anche al contemporaneo, con una nuova visione strategica che punta a rivalorizzare lo storico edificio Palazzo Strozzi di Firenze, rendendo accoglienti e sfruttando le tre aree pubbliche (Piano Nobile, Strozzina, Cortile) con altrettanti calendari diversi. ...

a cura di Redazione, il 30/01/2007

Mostre, dibattiti, performance, concerti. Il programma della Fondazione Strozzi

A ottobre 2007 è prevista l’apertura di una seconda esposizione (titolo La moda che cambia la moda, cento abiti rivoluzionari della collezione del Los Angeles County Museum of Art), che resterà in cartellone fino alle sfilate di Pitti del prossimo gennaio. ...