Mostre » «Cher Tina je t’adore, je t’adore, je t’adore - Francis Picabia»

«Cher Tina je t’adore, je t’adore, je t’adore - Francis Picabia»

Una personale di Gabriele Di Matteo nella sede milanese della galleria annarumma404

a cura di Redazione, il 14/11/2007

Dopo la sede napoletana, la galleria annarumma404 replica con un nuovo spazio espositivo, questa volta a Milano. Per l’occasione inaugura il 15 novembre una personale di Gabriele Di Matteo, alla sua seconda mostra con la galleria.

L’incontro improbabile fra il pittore dadaista Picabia e l’attrice napoletana Tina Pica

È una storia improbabile quella raccontata in mostra, già anticipata nel titolo Cher Tina je t’adore, je t’adore, je t’adore ~ Francis Picabia: l’artista realizza un incontro - linguistico più che storico - tra il pittore dadaista Francis Picabia e l’attrice napoletana Tina Pica, dove quest’ultima diventa immagine speculare del primo, identità incompleta (Pica) che trova in una sillaba (-bia) la sua realizzazione, la sua integrità.

Rappresentative di questo incontro sono due dipinti che offrono un’immagine inedita dei due protagonisti: in uno infatti di grandi dimensioni (Picabia Le Batelier - olio su tela cm 200 x cm 205), l’artista francese veste i panni di un battelliere, nell’altro (Tina Pica-bia olio su tela cm 120 x cm 85) si ritrova invece l’attrice comica partenopea in elegante abito da sera come pronta ad assistere ad una prima teatrale.

«A Di Matteo piacciono gli incontri impossibili perchè è attratto dall'incontro fra impossibilità e realismo, dalla possibilità di ciò che è irrealistico. Ovvero dalla coesistenza pacifica e costruttiva degli opposti».*

Esposta anche la prima opera di Di Matteo, sottoposta a “restyling”

In questo contesto Di Matteo rimette in gioco accanto ai dipinti la sua prima opera 1 + 1 = 0. Presentata per la prima volta in Francia nel 1986 e che per l’occasione ha subito un restyling: questo teorema continua da essere applicato.

«Per arrivare attraverso il calcolo all’inesistente basta fare1+1=0. È il primitivismo futuristico che si tocca alla fine di ogni possibile sottrazione allorché si sarà giunti alla realtà essenziale pura e semplice. La ragione non potrà far altro che riprendere la logica addizionale e di fronte agli oggetti soggetti purgati dalla sottrazione non potrà che iniziare con 1+1=0. Come dire ogni combinazione tra le cose è possibile poiché ogni cosa sarà perfetta e incomunicabile: ogni cosa sarà Dio». (G.D.M.1986)

Altre opere in mostra sono tre piccoli dipinti di nudi femminili in cui l'artista simula un gesto che fu già di Picabia. Le tre immagini sono tratte da alcuni vecchi numeri della rivista Paris Match e sono le stesse a cui Picabia si inspirò ricontestualizzandole in tre famosi dipinti. Di Matteo le ritrova e le riporta uguali all'originale.

* A. Viliani , Le peintre salue la mer- FRAC Languedoc/Roussillon

    Scheda Tecnica

  • Gabriele Di Matteo. "Cher Tina je t’adore, je t’adore, je t’adore - Francis Picabia”
    dal 15 novembre al 15 dicembre 2007
    Inaugurazione: giovedì 15 novembre, ore 19
  • annarumma404
    Milano, via Felice Casati 26
  • Orario di apertura:
    mar- ven, ore 16-19.30 (o su appuntamento)
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 349 1193237
    info@annarumma404.com
    annarumma404

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader