Mostre » DEVELOPING THE FUTURE

Carlo Valsecchi, # 01001 Crespellano, Bologna, 2016; © Carlo Valsecchi. Courtesy of Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna

DEVELOPING THE FUTURE

Il progetto di Carlo Valsecchi alla terza edizione della biennale Foto/Industria 2017

a cura di Redazione, il 23/10/2017

In occasione della terza edizione della biennale FOTO/INDUSTRIA 2017, promossa dalla Fondazione MAST, Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna annuncia la sua collaborazione con il fotografo Carlo Valsecchi (Brescia, 1965) nell’ambito della mostra DEVELOPING THE FUTURE, a cura di Urs Stahel, in programma fino al 19 novembre 2017 negli spazi dell'Ex Ospedale dei Bastardini a Bologna.

Trentasei scatti che racconatno il sito produttivo di Philip Morris

In mostra 36 fotografie di grande formato realizzate nel sito produttivo di Philip Morris, inaugurato nel 2016 a Crespellano – Valsomaggia (Bologna), stabilimento che rappresenta l’eccellenza degli ultimi vent’anni nell’ambito del settore industriale italiano, e che conferma l’Emilia Romagna tra le regioni più produttive e innovative d’Europa.
Per raccontare questo luogo e questa nuova avventura imprenditoriale, l’azienda ha chiesto a Carlo Valsecchi di esplorare attraverso l’unicità del suo sguardo e della sua poetica questo sito produttivo.

Tra imponenza e segreto

Il fotografo si è confrontato con due sfide: l’imponenza ed il segreto. Valsecchi restituisce le dimensioni attraverso linee infinite costituite da pilastri d’acciaio che strutturano gli edifici a perdita d’occhio. Delle macchine Valsecchi coglie dei particolari invariabilmente geometrici. Tutto il suo lavoro si può riassumere in un costante rapporto analogico tra macro e micro, tra interno ed esterno, tra giorno e notte, tra movimento e staticità, tra forma-funzione. Il risultato evoca il tempio o il minimalismo più radicale, non lontano dalla pittura di Robert Ryman. Il lavoro di Valsecchi ha dato vita a stampe di grande formato inondate da forti luci che proiettano il visitatore in un infinito corrispondente a una dimensione cosmica e insieme a uno spazio dallo sviluppo vertiginoso.

Mauro Sirani Fornasini, AD di Philip Morris Manufacturing & Technology Bologna ha così commentato l’adesione dell’azienda all’iniziativa:

“Credo che la realizzazione del nuovo stabilimento di Crespellano rappresenti un momento storico per il nostro territorio, e per questo abbiamo pensato che fosse importante immortalarne la bellezza e il mistero attraverso il lavoro artistico di Carlo Valsecchi. La collaborazione con la Fondazione MAST in questo senso è stata fondamentale e ci ha permesso di sviluppare un’idea affascinante che oggi, con questa mostra, trova un compimento concreto”.

Mostra inserita nel programma della biennale Foto/Industria 2017

L’esposizione DEVELOPING THE FUTURE fa parte del programma di quattordici mostre di FOTO/INDUSTRIA, biennale che vede protagonisti i fotografi più rilevanti del panorama internazionale.
La Fondazione MAST, nata con la vocazione verso la tecnologia, l’innovazione e la sperimentazione applicate per creare valore nella società e positive ricadute sul territorio, ha affiancato il progetto coraggioso di Philip Morris, di affidare alla fotografia d’autore la rappresentazione non encomiastica di un modello industriale evoluto, attraverso un linguaggio fotografico che fa della segretezza la sua cifra.
La mostra DEVELOPING THE FUTURE si inserisce coerentemente nel percorso proposto dal Direttore Artistico della Biennale 2017 e dal Curatore della mostra Urs Stahel; il reportage commissionato a Carlo Valsecchi riesce a sollecitare una riflessione sulla transizione verso una tecnologia alternativa a beneficio della società con leggerezza e approccio estetico raffinato.

Carlo Valsecchi

Carlo Valsecchi nasce a Brescia nel 1965. Nel 1992 espone alla Biennale di Architettura di Venezia e successivamente in Italia ed all’estero. Tra le sue esposizioni ricordiamo: Istituto di cultura Italiano, New York 1999; Fondazione Guggenheim, Venezia 2000; Galerie 213, Parigi 2001; Studio Casoli, Milano 2001; Semaines européennes de l’image – Le bàti, le vivant, Lussemburgo 2002; GAMeC, Bergamo 2003; “A ferro e fuoco” Triennale, Milano 2006; Guido Costa Projects, Torino 2006; Paris Photo, Statements, Parigi 2007; “Past, Present, Future”, Highlights from the UniCredit Group Collection, Bank Austria Kunstforum, Vienna 2009; “Lumen”, a mid-career retrospective, Musée de l’Elysèe, Losanna 2009, esposta alla Walter Keller Gallery, Zurigo 2009 e alla Galleria Carla Sozzani, Milano, 2011; “San Luis” al Museo MART di Rovereto 2011; 54. Biennale di Venezia, Padiglione Italia, invitato da Norman Foster, Corderie dell’Arsenale di Venezia, Venezia, 2011; “Subverted”, Ivorypress, Madrid, 2012; “Landmark: The Fields of Photography", Somerset House, Londra, 2013; “Mare Nostrum”, Walter Keller Gallery, Zurigo, 2013; Museo della Merda, Castelbosco, Piacenza, 2015; “Industry Now", MAST Gallery, Bologna 2015; “No Man Nature”, Palazzo da Mosto, Fotografia Europea, Effetto Terra, Reggio Emilia, 2015; Ceramica, Latte, Macchine e Logistica Fotografie dell’Emilia- Romagna al lavoro, MAST Gallery, Bologna, 2016. La pubblicazione Lumen, Hatje Cantz 2009, è stata premiata con la medaglia d’argento al Deutscher Fotobuchpreis, il premio tedesco per i migliori libri di fotografia dell’anno.

Scheda tecnica

  • Carlo Valsecchi. DEVELOPING THE FUTURE
    fino al 19 novembre 2017
    In occasione di FOTO/INDUSTRIA 2017, BIENNALE DI FOTOGRAFIA DELL'INDUSTRIA E DEL LAVORO
  • Curatore:
    Urs Stahel
  • Ex Ospedale dei Bastardini
    Bologna, via D’Azeglio 41
  • Ufficio stampa:
    Paridevitale Communication & PR
    Chiara Valentini
    chiara@paridevitale.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader