Mostre » Voci Silenti

Voci Silenti

Undici artisti a confronto con il tema della censura

a cura di Redazione, il 12/11/2007

A Milano l’Associazione Culturale Erodoto e Atre Spazio presentano una mostra collettiva di arte contemporanea che affronta un argomento delicato e sempre attuale, visto nei suoi molteplici aspetti. Esposte una ventina di opere inedite di video arte, pittura, fotografia e scultura. L’apertura al pubblico è prevista per sabato 17 novembre.

Le parole che non vorremmo sentirci dire

«Ci sono diversi modi per rompere un silenzio. Uno di questi è ridare voce alle parole messe a tacere».

“Voci Silenti” racconta quello che molti di noi non vorremmo sentirci dire. Tratta di ciò che nel tempo abbiamo letto, sentito, percepito senza mai aver avuto tempo, voglia o modo di approfondirlo. Vuol essere un’iniziativa culturale legata al mondo dell’arte che dia adito alla riflessione senza mai arrogarsi il diritto della polemica o dell’imposizione.

L’arte difatti porta con sé un grande privilegio, ed è quello di trasmettere un messaggio che c’era sfuggito, o che volutamente avevamo allontanato, sia esso un problema, una notizia o un fatto di cronaca.

In questo specifico frangente l’arte diviene il mezzo con cui gli artisti invitati, affermati o promettenti giovani, affrontano in maniera personale e indipendente il tema della censura attraverso diversi canali artistici. Pittura, fotografia, scultura e video installazioni sono quindi gli strumenti per parlare di censura politica, militare, religiosa e mediatica per una mostra che ha lo scopo di essere indiretta e riflessiva. Il dialogo con lo spettatore è quindi aperto e soggettivo: sta a chi osserva trovare, capire e approfondire il tema che viene di volta in volta affrontato.

Molte le opere site-specific e realizzate appositamente per la mostra

Nicola Vinci ci presenta due inediti dittici fotografici con cui affronta il tema della censura del corpo e dell’abuso di quello infantile con i lavori titolati “Passo dopo Passo”. Lavori forti ma al contempo fedeli alla poesia e all’impatto estetico dell’immagine a cui egli stesso ci ha abituati.

Sulla morale e la finta-morale lavora anche Pierluca Cetera, presentando alcuni dipinti tratti dal lavoro “Le Ore”.

"Passo dopo Passo", dittico fotografico, di Nicola Vinci

Pier Paolo Koss affronta invece il tema della democrazia e dell’importanza del simbolismo corporeo e politico, incentrando il suo lavoro sulla Russia di ieri e di oggi, sul potere militare e istituzionale che imprigiona un Paese, portando alla luce una realtà spesso nascosta e censurata, attraverso diverse opere, tra video installazioni, sculture e fotografia.

I Koroo (Angelo Foschini e Lavinia Iacomelli), con l’installazione “Wash Your Soul”, affrontano invece i gialli italiani irrisolti, casi di omicidi divenuti affari di stato messi a tacere. Tra la censura politica e religiosa lavorano anche Michelangelo Galliani e Andrej Mussa, rispettivamente presenti in mostra con una statua in marmo di Carrara, “Per Grazia Ricevuta”, e con un video documentario sugli insabbiamenti dei così detti casi X-Files americani.

Michele Lombardelli chiude la rosa degli artisti più affermati con il video-choc “Suicide Solution”, già oggetto di censura.

Il percorso espositivo non manca inoltre di dare spazio a tre giovanissimi artisti, Francesco Petrillo (classe 1981), Gloria Sulli (classe 1982) e lo spagnolo Emilio Cejalvo (classe 1981), che per l’occasione affrontano il tema della censura giornalistica e mediatica in senso più ampio, argomento prediletto anche da Filippo Borella che presenta l’installazione “Emittente Clandestina”, opera prodotta con lo Studio Trickster, associazione mobile di artisti da lui fondato nel 1998.

    Scheda Tecnica

  • “Voci silenti”. Mostra collettiva
    dal 17 novembre al 14 dicembre 2007
  • Curatori:
    Jessica Anais Savoia, Alessandro Trabucco
  • Atre Spazio
    Milano, via Pergolesi 8
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10.30-19.30; dom, ore 11-18; lun chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    (in mostra)
  • Info:
    Tel. (+39) 02 66 71 37 29 (orari ufficio)
    (+39) 347 7627106

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader