Mostre » Dialoghi di filo

Elisabetta Catamo. Opera Dedar

Dialoghi di filo

Tra arte e tessuto

a cura di Redazione, il 27/06/2016

Fino al 27 novembre 2016 le sale museali di Palazzo Morando - Costume Moda Immagine ospiteranno la mostra Dialoghi di filo a cura di Livia Crispolti, l'evento espositivo è promosso nell’ambito di EXPO IN CITTÀ da Comune di Milano -Cultura, Servizio Musei Storici e da Archivio Crispolti con il patrocinio di Accademia di Belle Arti di Brera, Milano. La mostra ospita i lavori tessili realizzati dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera, testimonianze creative e materiche che dialogando con le opere esposte a Palazzo Morando, con gli abiti in ricostruzione storica di Maria Antonietta Tovini e con le creazioni dell’artista Elisabetta Catamo, mettendo in luce il rapporto tra formazione, produzione e creazione, settori che contraddistinguono la produzione Made in Italy.

Il percorso espositivo tra arte e tessuto

Proprio dalla metodologia didattica di progettazione e realizzazione dei tessuti si è sviluppata l’idea curatoriale che vuole proporre un esempio concreto di modalità operativa nel campo del tessile, valorizzando le proficue connessioni esistenti tra il settore dell’alta formazione, la realtà produttiva italiana e il mondo della creazione artistica, nella cornice ideale delle sale storiche di via Sant’Andrea 6. Il percorso espositivo propone da un lato il lavoro degli studenti con campionature eseguite a telaio durante il corso di “Cultura Tessile” della Scuola di Fashion Design e ricostruzioni di abiti storici per progetti di Tesi del Biennio della Scuola di Scenografia e, dall'altro, le opere di forte carattere simbolico dell’artista Elisabetta Catamo che attraverso la sua esperienza creativa offre nuove e diverse forme espressive. I lavori degli studenti e le opere di Elisabetta Catamo rielaborano il materiale messo a disposizione da tre aziende oggi protagoniste nel settore tessile ‐ Alcantara®, Dedar e Dreamlux - sostenitrici a vario titolo del progetto espositivo. Maria Antonietta Tovini, esperta di costumi storici, ricostruisce tre abiti in ottica di living history movement, modellando i diversi tessuti sulla base di un taglio filologico: il primo elabora il versatile materiale Alcantara®, il secondo rilegge la forza espressiva del tessuto Dedar proponendolo in un nuovo contesto, mentre il terzo disegna la luce attraverso la trama in fibra ottica del tessuto Dreamlux. La mostra Dialoghi di Filo vuole anche accompagnare il visitatore alla scoperta delle componenti che costituiscono il successo del prodotto italiano in campo tessile e creativo: dalla tecnica manuale alle applicazioni industriali, passando per la ricerca filologica, uniti alla creazione artistica che dialoga con l’alta formazione e con le migliori aziende italiane.

Scheda Tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader