Mostre » Tessiture contemporanee

Paola Anziché. Yurta, 2010, juta intrecciata, 99x99 cm

Tessiture contemporanee

A Catania una mostra collettiva temporanea di giovani artisti nazionali. Inaugurazione anche della Sezione d’abiti d’epoca

a cura di Redazione, il 10/06/2015

La Fondazione La Verde La Malfa - Parco dell’Arte, in occasione del settimo anniversario dalla sua istituzione – domenica 14 giugno alle ore 18, presso la propria sede - rinnova il doppio appuntamento con la cultura, proponendo l’inaugurazione della sezione permanente dedicata agli abiti d’epoca, realizzata in collaborazione con il Museo del Costume / Cucina di Scicli, e la mostra collettiva temporanea di giovani artisti nazionali 'Tessiture contemporanee' a cura della storico dell’arte Ilaria Bignotti.

Mission della Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte

Memoria e innovazione sono i poli su cui si fonda la mission della Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte, presieduta e diretta dal 2012 dal Prof. Alfredo La Malfa. Da una parte, infatti, la fondazione propone un progetto di valorizzazione e di archiviazione permanente perché la collezione d’abiti esposta fa parte del fondo la Verde La Malfa; dall’altra, con Tessiture Contemporanee intende riflettere sul rapporto fra tradizione e contemporaneità, sul significato della manualità, del manufatto, della lentezza; sulla persistenza della memoria e sull’adattamento della conoscenza all’esperienza; sul valore del lavoro tra innovazione e reiterazione del gesto.

Il progetto Tessiture contemporanee

A poco più di un mese dalla presentazione presso la Fondazione Bevilacqua la Masa, di Venezia del libro, edito da Mimesis, ‘Resilienza italiana’, dialoghi e riflessioni che introduce alla conoscenza del Movimento di Arte e Cultura Resilienza italiana, la curatrice del testo e del movimento, Ilaria Bignotti è impegnata in Sicilia, precisamente a Catania, con un nuovo progetto espositivo, Tessiture contemporanee.

Laura Renna. Strascico, 2014, Lane di ottone, rame e acciaio inossidabile, cm 230x170x20

Resilienza italiana

Resilienza italiana, ideato e fondato nel 2013 da Ilaria Bignotti e dallo scultore Francesco Arecco, è movimento che riunisce scultori, intellettuali, operatori culturali e non solo all’interno della riflessione sullo stato dell’arte in Italia, in particolare, della scultura. Quest’ultima racchiude in sé diversi elementi centrali del dibattito culturale e sociale odierno: il ruolo del territorio in relazione ai materiali; la dimensione pubblica dell’opera; il significato della presenza dell’artista nel sociale, il valore della peculiarità di ogni luogo quale contesto creativo; il confronto interculturale; il concetto di monumento.

La mostra

Paola Anziché, Alberto Gianfreda, Francesca Pasquali, Laura Renna, sono i nomi degli artisti (gli ultimi tre sono anche membri del collettivo Movimento di Arte e Cultura Resilienza italiana) invitati a partecipare alla collettiva Tessiture Contemporanee. Attraverso le opere esposte, la mostra vuole analizzare le modalità e le motivazioni che stanno alla base delle diverse ricerche artistiche contemporanee proposte dalla Bignotti. Dall’intreccio alla cucitura, dalla filatura alla scultura: sono queste le tecniche utilizzate dagli artisti per rinnovare e inventare nuovi materiali tessili, in seguito, trasformati in sculture di notevoli dimensioni e in installazioni site-specific.

La Sezione d’abiti d’epoca

La Sezione d’abiti d’epoca, collocata al piano superiore della fondazione, in un’ala a essa esclusivamente dedicata, si compone di una ricca collezione di abiti, accessori e intimo d’epoca risalenti ai primi del settecento, a metà dell’ottocento e del novecento, il cui allestimento e la cui visione scientifica sono stati curati dai Responsabili Assoluti del Museo del Costume / Cucina di Scicli, Giovanni Portelli e Giovanna Giallongo.

Scheda tecnica

  • Tessiture Contemporanee
    dal 14 giugno al 30 ottobre 2015
    Inaugurazione: domenica 14 giugno, ore 18
  • Curatore:
    Ilaria Bignotti
  • Sezione d’abiti d’epoca
    Mostra permanente
    Sede: Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte
    via Sottotenente Pietro Nicolosi, 29 – 95037 – S. G.La Punta - Catania
  • Biglietti:
    Ingresso libero solo per l’inaugurazione; su prenotazione e a pagamento (€ 5) nei giorni successivi con visita guidata
  • Catalogo:
    Tessiture contemporanee, edizioni Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte
  • Ufficio Relazioni Pubbliche e Comunicazione:
    Fondazione La Verde La Malfa – Parco dell’Arte
    press@fondazionelaverdelamalfa.it
    www.fondazionelaverdelamalfa.com (area stampa)
  • Info:
    Tel. (+39) 095 7178155
    parcodellarte@libero.it
    www.fondazionelaverdelamalfa.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader