Eventi » Arte e omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles

Arte e omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles

Ha inaugurato a Firenze la mostra delle polemiche chiusa dal Comune di Milano

a cura di Redazione, il 27/10/2007

Alla Palazzina Reale di Firenze, presso la stazione ferroviaria di Santa Maria Novella, ha aperto oggi al pubblico una delle esposizioni più attese degli ultimi anni, “Arte e Omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles”.
Originariamente pensata per un' altra città, Milano, e per un’altra sede, Palazzo della Ragione, e passata alle cronache per la nota vicenda legata al veto espresso dalla giunta comunale milanese alla sua apertura, la mostra, promossa da Vittorio Sgarbi, curata da Eugenio Viola e organizzata da Artematica, presenterà 220 opere di 150 artisti, in grado di indagare, per la prima volta in Italia in maniera così ampia, le connessioni tra arte e omosessualità, dalla nascita della fotografia ad oggi.

La rappresentazione dell’omoerotismo nella storia dell’arte

La rappresentazione visiva di soggetti strettamente connessi all'omoerotismo è presente nella storia dell'essere umano dalla notte dei tempi, anche se le valenze culturali che esprime e i significati che sottende sono ovviamente il riflesso di contesti storici e socio-culturali particolari. Scene a sfondo omoerotico compaiono nella produzione vascolare dell'antica Grecia e nei bassorilievi persiani, agli albori dell'arte orientale come nella rinascenza italiana e nel barocco; un fil rouge sottile che attraverso cortocircuiti e passaggi fondamentali giunge sino ad oggi, sviluppandosi autonomamente e molto tempo prima dell'elaborazione del moderno concetto di diversità di genere.

Arte omosessuale: una definizione controversa

Ma cosa si dovrebbe intendere esattamente per “arte omoerotica”? Opere create da artisti della cui omosessualità siamo certi e in cui spesso, ma non necessariamente, è riscontrabile qualcosa che rimanda ad un gusto omoerotico? Oppure bisogna prendere in considerazione l'opera di autori che ufficialmente non risultano omosessuali ma le cui creazioni rivelano uno straordinario erotismo che spinge verso questa interpretazione? Partire dall'omosessualità di un artista per l'interpretazione della sua opera presenta una serie di questioni spinosissime. La conoscenza dell'orientamento (omo)sessuale dell'autore in genere allerta circa la possibile presenza di una rappresentazione metaforica dell'omosessualità. Quale rapporto s'instaura tra biografia dell'artista e interpretazione dell'opera?

Tom of Finland, Untitled, 1981, 32,5x25 cm, matita su carta

A Firenze un percorso espositivo "per exempla"

Il criterio di selezione delle opere in mostra non tiene conto di questo rapporto ma si basa sulle caratteristiche specifiche delle singole opere, individuando, oltre le convenzionali identità di genere, un filone tematico all'interno di un comune modo di sentire, di esprimere stati d'animo, attitudini, emozioni, senza alcuna pretesa di definire i canoni di uno “specifico omosessuale” nell'arte.

In base a questa logica alcune opere esibiscono un contenuto apertamente omoerotico, mentre in altre questo si esprime in modo latente attraverso codici specifici, simboli, allusioni, allegorie, metafore. Un percorso che dalle fotografie arcadiche del barone von Gloeden ripercorre i territori della fotografia omoerotica, da Herb Ritts e Bruce Weber a Mapplethorpe e Jack Pierson, con uno sguardo all'estetica camp di James Bidgood recuperata in anni più recenti da David Lachapelle.

Artisti che operano ormai in un momento storico in cui è possibile affrontare liberamente tematiche gay, lesbiche o transgender, proponendo turbamenti e questioni preponderanti e spesso cruciali per buona parte dell'arte della fine del secolo scorso e dello schiudersi del nuovo millennio. Un percorso per exempla che da Tamara de Lempicka e Carol Rama arriva a David Hockney, passando per le peregrinazioni identitarie di Ugo Rondinone, Yasumasa Morimura, EVA &ADELE.

Abbattere le distinzioni fra arte, erotismo e pornografia

Un itinerario per immagini attraverso l'evoluzione della percezione e la conseguente rappresentazione della diversità esistenziale, mettendo in risalto l'opera dell'ultima generazione di artisti che utilizzano l'amore omoerotico come espediente per mettere in questione sovrastrutture di razza, desiderio, genere e identità sessuale, e di abbattere le convenzionali distinzioni tra arte, erotismo e pornografia.

    Scheda Tecnica

  • “Arte e omosessualità. Da von Gloeden a Pierre et Gilles”. Mostra collettiva
    dal 27 ottobre 2007 al 2 gennaio 2008
    Inaugurazione: venerdì 26 ottobre, ore 19.30
  • Curatore:
    Eugenio Viola
  • Palazzina Reale (Stazione FS di Santa Maria Novella)
    Firenze, Piazza Adua 50
  • Orario di apertura:
    mar-gio, ore 14-22; ven, ore 14-24; sab e dom, ore 11-22; lun chiuso
  • Biglietti:
    Intero € 7; ridotto € 5
    Box Office Italia
    Infoline h24 e prenotazioni: Tel. (+39) 02 54915
  • Catalogo:
    Electa
  • Info:
    Tel. (+39) 0422 410886
    Artematica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

di Angelo Pinti, il 27/10/2007

Arte omosex, la Miss Kitty velata conquista Firenze

La terracotta policroma di Paolo Schmidlin raffigurante Papa Benedetto XVI en travesti, opera censurata dalla Giunta del Comune di Milano perché ritenuta lesiva della dignità del pontefice, è stata esposta dietro una tendina bianca....

a cura di Redazione, il 27/10/2007

Arte e omosessualità, la mostra secondo Sgarbi

«L’invasione quasi ossessiva di nudi maschili provocanti ha preso il campo dell’offerta del nudo femminile sui giornali e nelle pubblicità, dominante fino a qualche tempo fa. E dunque il percorso da von Gloeden a Pierre et Gilles ha ragioni formali molto motivate ed esteticamente definite come...