Mostre » Maria Mulas

Maria Mulas, Andy Warhol #1, 1987, cm 50x75

Maria Mulas

Ritratti e architetture: i temi più cari della carriera dell'artista in una suggestiva mostra a Milano

a cura di David Bernacchioni, il 19/05/2014

La Galleria Francesco Zanuso di Milano dal 21 maggio al 5 giugno 2014 presenta la mostra fotografica “Maria Mulas. Ritratti e architettura”. La rassegna apre in contemporanea con il Photofestival di Milano, dove Mulas è presente e si collega alla Biennale di Venezia 2014 sul tema dell'architettura.

I ritratti

I ritratti di celebri artisti e di grandi personaggi mettono in luce con estremo realismo e a volte con una vena ironica i caratteri personali dei soggetti ripresi, stili di vita, abitudini, atteggiamenti, in un racconto trasversale fra arte, storia e contemporaneità narrato con un occhio critico e allo stesso tempo altamente descrittivo. La carrellata degli scatti esposti mostra una variegata panoramica di personalità, squarci di vita sociale tra naturalezza e artificiosità, fra cui spiccano la storica critica dell’arte Lea Vergine, affermati artisti quali Louise Bougeois, Henry Moore, Keith Haring, Christo; i ritratti doppi di Joseph Beuys, Claes Oldenburg, Coosje van Bruggen, Bruce Nauman e il nucleo di lavori che ritraggono Andy Warhol.

Così Rossana Bossaglia sul concetto di fare arte di Mulas

“Maria Mulas, celebre fotografa – e non soltanto di persone – è ricercata e ambita per la libera schiettezza del suo rapporto con l’individuo che ritrae; usa tagli, modi, luci differenti a seconda dei casi, non intendendo ridurre il ritratto a un esercizio di stile; coglie fisionomie ed espressioni, soprattutto capisce subito se il personaggio debba essere fissato in un gesto caratterizzante o sorpreso nel suo dinamismo, se gli giovi un effetto di luce a grandi risalti o l’immersione in un’atmosfera diffusa. È, insomma, se stessa senza prevaricazioni, attenta a restituirci non solo figure, bensì personalità…”

Le architetture

Seppure con soggetti completamente differenti, negli scatti delle architetture, continua il sottile gioco fra la visione reale e simbolica di ciò che viene rappresentato. Grazie a manipolazioni della pellicola, realizzate attraverso rielaborazioni manuali, sovrapposizioni, deformazioni, scomposizioni e ricomposizioni, i fotogrammi vengono trasformati in composizioni astratte, dove i richiami alla forme originali sono poco evidenti e talvolta impercettibili.

Maria Mulas, Venezia Astratta, 1993, cm 150x100

In Omaggio al Terragni e nelle Astrazione#1 e Astrazione#2 incentrate su New York, create negli anni Settanta e Ottanta, è evidente un forte limite di leggibilità e di visibilità delle strutture reali, celate da elementi simmetrici e speculari, mentre nello scatto Rotonda della Besana del 1972 sono più visibili, nel vorticoso alternarsi di volte e colonne, riferimenti alla struttura architettonica di origine. Un’espressività in continua evoluzione, infatti in Venezia Astratta, così come in altri lavori realizzati negli anni Novanta, il luogo creativamente rappresentato è di più facile identificazione.

Un perfetto connubio fra estetica e tecnica

Nei ritratti e nelle architetture di Maria Mulas emerge il perfetto connubio fra estetica e tecnica ed affiorano l’armonia, il ritmo e il sentimento, tratti evidenti della sua poetica.

Note biografiche di Maria Mulas

Il percorso creativo di Maria Mulas prende avvio a Milano negli anni Sessanta, con la realizzazione di fotografie ispirate al mondo del teatro e al tema del ritratto, soggetto che sarà ripreso costantemente nell’itinerario espressivo dell'artista e che costituirà uno degli elementi poetici sostanziali del suo lavoro.

Maria Mulas, Joseph Beuys, Ritratto doppio, Düsseldorf, 1984, cm 100x75

La prima mostra personale della Mulas è dedicata ad una selezione di ritratti che rivelano uno sguardo attento alla critica sociale e viene ospitata alla Galleria Diaframma di Milano nel 1976; a questa occasione espositiva segue nel 1979 la rassegna alla Galleria Il Milione di Milano, dove sono presentati al pubblico ritratti di intellettuali, risultato di un esperimento tecnico con l’obiettivo grandangolare 20 mm effettuato durante la Biennale '78 e al P.A.C. nel '79.

Nello stesso anno, con Lea Vergine, in alcune città europee, esegue un lavoro sulle artiste attive nelle avanguardie storiche, arrivando a realizzare ritratti che verranno esposti nella mostra “L’altra metà dell’avanguardia”, tenuta al Palazzo Reale di Milano e al Palazzo delle Esposizioni di Roma, nel 1980. Successivamente espone con mostre personali e collettive in importanti gallerie e spazi pubblici fra cui la Galleria d’Arte Moderna di Bologna nel 1990, Palazzo dei Diamanti di Ferrara nel 1991, Palazzo Reale di Milano nel 1998 e nel 2012, il Museo Pecci di Prato nel 2013.

L’arte di Maria Mulas è esposta stabilmente in vari musei e sul suo lavoro hanno scritto importanti personalità del mondo dell’arte quali Francesco Bonami, Achille Bonito Oliva, Rossana Bossaglia, Vittorio Sgarbi, Lea Vergine, Stefano Zecchi.

Scheda tecnica

  • Maria Mulas. Ritratti e architetture
    dal 21 maggio al 5 giugno 2014
    Inaugurazione: mercoledì 21 maggio, ore 18
    Incontro con l’artista e cocktail: giovedì 29 maggio, ore 18-21
  • Galleria Francesco Zanuso
    Milano, Corso di Porta Vigentina 26
  • Orario di apertura:
    lun-ven, ore 15-19. Su appuntamento per mattino e altri orari
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Ufficio stampa:
    Irma Bianchi Comunicazione
    Tel. (+39) 02 8940 4694
    info@irmabianchi.it
  • Info:
    info@galleriafrancescozanuso.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader