T » Tillim, Guy

Tillim, Guy

a cura di Redazione, il 16/01/2007

Nato a Johannesburg nel 1962, Guy Tillim è considerato uno dei più importanti fotografi africani contemporanei. Dopo un esordio come fotoreporter negli anni ’80 durante l’apartheid, Tillim ha preferito liberarsi dai vincoli del lavoro su commissione, volgendo il suo sguardo e il suo obiettivo oltre ‘l’evento’ - tanto apprezzato dai media - verso momenti meno sensazionali e più rivelatori, ed evitando i rischi di banalizzazione e di assuefazione da parte dello spettatore all’inflazione dei ‘disastri in diretta’.
Nella crudele bellezza delle sue immagini emergono la complessità e le sfumature della vita quotidiana nelle cosiddette ‘zone di conflitto’; “of course, there is always this: to change what is ugly and brutal into something sublime and redemptive. So I have photographs I like for reasons I have come to distrust” (G. Tillim).
Il suo modo pacato di operare, il suo viaggiare nella maggior parte dei casi senza uno scopo preciso e senza l’ossessione della caccia allo scoop, il suo stile lontano dallo ‘snap shot’ o dall’angolazione spettacolare ed espressionista (Tillim lavora spesso con il treppiede, accosta i suoi soggetti in modo frontale e lascia alle persone il tempo di accorgersi del fotografo e di prendere confidenza con la sua presenza) creano una tensione, tipica delle sue immagini, tra l’apparente banalità di luoghi, gesti, situazioni e la drammaticità dei contesti storici.
L’artista ha esposto i suoi lavori in numerose mostre personali e collettive in tutto il mondo; ha inoltre ricevuto riconoscimenti e premi prestigiosi come la ‘Robert Gardner Fellowship in Photography’ della Harvard University di Boston nel 2006, il ‘DaimlerChrysler Award for South African Photography’ nel 2004, l’‘Higashikawa Overseas Photographer Award’ nel 2003, il ‘Prix SCAM Roger Pic’ nel 2002, il ‘Mondi Award for photojournalism’ nel 1998.
 
Articolo correlato: “Dalle colonie alle dittature sanguinarie, il Congo negli scatti di Guy Tillim”

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader