Mostre » ROBERTO CODA ZABETTA

Roberto Coda Zabetta, Tavola Personale Prima, 2013, smalto e resine su tessuto, cm 200x150

ROBERTO CODA ZABETTA

‘Scudo’, la nuova mostra del celebre artista piemontese

a cura di Valentina Redditi, il 01/07/2013

Dal 7 luglio all’8 agosto 2013 il Complesso post-industriale Ex – Marmi a Pietrasanta ospiterà la mostra ‘Scudo’, 24 nuovi lavori su tessuto e alcuni disegni progettuali di Roberto Coda Zabetta, che con questo evento torna ad esporre in Italia dopo un intenso anno di mostre in giro per il mondo.

Curata da Tony Godfrey, la mostra propone opere appositamente concepite per l’occasione, risultato di un approfondimento e un superamento della tematica affrontata dall’artista nell’ottobre scorso a Rio de Janeiro, al MAC - Museo di Arte Contemporanea di Niteroi, sulla vicenda dei desaparecidos. A partire da questa, infatti, Coda Zabetta si addentra in se stesso e produce, per la prima volta, una serie di lavori introspettivi, che non nascono da un fatto di cronaca.

I grandi volti dipinti

I grandi volti dipinti su vecchi tessuti (200x150 cm) sono come scudi, maschere di guardiani incorruttibili, depositari e protettori di una conoscenza –e di una verità– che nasce da una riflessione sul passato e che genera una bellezza nuova.

Questi volti sono una porta, segnano un confine: da un lato la Storia, personale e universale, che non si può e non si deve dimenticare, dall’altro il futuro che, consapevole della propria memoria, procede con passo animato dalla speranza.

Le parole dell’artista

«Vuole essere una riflessione sul Novecento trascorso su tutte le sofferenze che esso ha generato, un monito a non dimenticare e a trasformare il passato in uno scudo che ci protegge dagli errori già commessi. Un lavoro che nasce sì dall’amarezza, ma che la supera e guarda oltre con nuova fiducia. Oggi ho bisogno di immagini e pensieri esterni che, con una lettura diversa, mi permettano di sentirmi migliore e ancora una volta padrone di qualcosa da esprimere».

Roberto Coda Zabetta, Tavola Corvo Terzo, 2013, smalto e resine su tessuto, cm 200x150

Lo scudo

Lo scudo diventa il protettore e il protetto, dove possiamo riconoscerci e riconquistarci.
Coda Zabetta propone la gestualità della sua cifra stilistica come un punto di partenza in difesa della singolarità dell’individuo contro la massificazione del mondo contemporaneo. Il gesto corrisponde all’affermazione dell’esistenza che è per antonomasia l’atto fondatore della coscienza di sé. Un gesto, dunque, che si fa costruttivo e non più distruttivo.

La predominanza dei “segni del pennello”

Ma limitare l’idea del suo lavoro ad un mero linguaggio espressionista non è sufficiente a delineare un’analisi corretta dei temi presenti nei suoi dipinti: in primo luogo, c’è la predominanza dei “segni del pennello”, della materia che rendono la pittura carne. In secondo luogo, immediata è l’analogia con l’idea del sudario, dell’immagine impressa che rimane l’ultima possibilità di permanere in un corpo. È questo dilemma tra materia e immagine che caratterizza le opere dell’artista qui presentate. I colpi di pennello di Coda Zabetta non producono cicatrici, sono cicatrici che generano però consapevolezza e forza nuove.

Note biografiche di Roberto Coda Zabetta

Roberto Coda Zabetta nasce a Biella nel gennaio del 1975. Nel 1995, conosce Aldo Mondino, di cui dal 1996 al 2000 è assistente di studio. Identità anonime (2000) è il suo primo catalogo, dedicato ai bambini morti nel genocidio in Ruanda. Nel 2001 si stabilisce a Milano. Nel 2006 le prime due mostre pubbliche: a Palazzo Venezia e al Teatro India, a Roma. Seguono mostre personali e partecipazioni a mostre collettive in spazi pubblici e privati, da cui scaturisce un forte movimento di critica attorno al suo lavoro. Esce in questi anni il catalogo curato da Robert C. Morgan: Psychic Persona. Subito dopo parte per Parigi e Londra dove vivrà per un anno e dove frequenterà alcuni corsi alla Saint Martin School. Fondamentale in questo soggiorno è la conoscenza di David Roberts e Martin Holman.

Inizia la serie dedicata all’Oriente. Nell’aprile 2008 la Indonesian National Gallery gli dedica una personale che verrà seguita da mostre a Singapore, Hong Kong e Beijing. Viene pubblicato Koi Dan Trinacria.
Nel 2010 Milano gli dedica una personale a Palazzo Reale, Nuvole Sacre. Successivamente verrà spostata al Pan – Palazzo delle Arti di Napoli. Subito dopo la personale al MAC Museo di Arte Contemporanea di Niteroi a Rio de Janeiro, viene invitato alla mostra Under The Influence che si tiene ogni anno a Londra presso la casa d’aste Phillips (ex Phillips De Pury).

Roberto Coda Zabetta, Tavola Fede Prima, 2013, smalto e resine su tessuto, cm 200x150

I premi prestigiosi

Roberto Coda Zabetta è stato insignito dei più significativi premi italiani - Premio Passaggi a Nord-Ovest Fondazione Pistoletto, Premio Arte-Fiera di Bologna, Premio Giovani Artisti Miart 2003 e 2004, finalista Premio Cairo Communications - e selezionato per la Dena Foundation al Centre International d'Accueil et d'Echanges des Récollets di Parigi e per il BP Portrait Award 2006 di Londra.
Vive a Milano.

Cenni biografici del curatore Tony Godfrey

Tony Godfrey è Director of Research al Sotheby’s Institute of Art. Dopo aver completato gli studi all’Università di Leeds, ha insegnato in vari istituti d’arte inglesi. Dal 1989 lavora per il Sotheby’s Institute e dal 2006 è professore di Belle Arti all’Università di Plymouth. È un esperto d’arte contemporanea e autore di numerose pubblicazioni, tra le quali The New Image: Painting in the Eighties (1986), Drawing Today (1990) e Conceptual Art (1998, Phaidon).

La sua opera più importante è Painting Today (2009) edito da Phaidon. Il volume presenta una panoramica completa sulla pittura degli ultimi trent'anni e raccoglie opere di nomi celebri come Gerard Richter e Neo Rauch e di artisti emergenti come Jumaldi Alfi e Ingrid Calame. Painting Today raccoglie innumerevoli esempi di stili, materiali e tecniche proprie della pittura contemporanea, suddivisi in capitoli tematici.
Oggi lavora tra Londra e Singapore.

Scheda tecnica

  • Roberto Coda Zabetta. Scudo
    dal 7 luglio all’8 agosto 2013
    Inaugurazione: sabato 6 luglio, ore 19
  • Curatore:
    Tony Godfrey
  • Complesso post-industriale Ex – Marmi
    Pietrasanta (LU), via Nazario Sauro 52
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 18-24; lun chiuso
  • Catalogo:
    testo di Tony Godfrey
  • Ufficio Stampa:
    NORA comunicazione - Eleonora Caracciolo di Torchiarolo
    Via A. Sforza 9, Milano
    info@noracomunicazione.it
    www.noracomunicazione.it
  • Info:
    Complesso post-industriale EX-MARMI
    Galleria Poggiali e Forconi
    Tel. (+39) 055 28 77 48
    info@poggialieforconi.it
    www.poggialieforconi.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 23/07/2012

ROBERTO CODA ZABETTA

Sabato 28 luglio negli spazi della Canonica della Certosa di San Giacomo a Capri con la direzione di Rossana Muzii, l’Associazione Culturale ArteAs presenterà la mostra personale di Roberto Coda Zabetta dal titolo “Verdade” a cura di Guilherme Bueno, Maria Savarese e Maurizio Siniscalco. L’esp...

a cura di Bernd Noack, il 01/04/2011

ROBERTO CODA ZABETTA

Curata da Maria Savarese, Igor Zanti e Claudio Composti, la mostra “Lavori Recenti” di Roberto Coda Zabetta (PAN | Palazzo delle Arti Napoli, 2-25 aprile 2011) è di fatto la naturale evoluzione creativa del progetto milanese ‘Nuvole Sacre ‘, ospitato lo scorso luglio al Palazzo Reale di Milano...

a cura di Redazione, il 21/03/2011

Coda Zabetta, Roberto

Roberto Coda Zabetta nasce a Biella nel 1975. Dopo aver frequentato per diversi anni lo studio dell’artista Aldo Mondino, inizia a partecipare a mostre e ad alcuni concorsi per giovani artisti sia in Italia che all’estero. IDENTITÀ ANONIME (2000) è il suo primo catalogo, dedicato ai bambini ...

a cura di Redazione, il 30/03/2008

KOI and TRINACRIA

Dal 2 al 25 aprile 2008, la Indonesian National Gallery di Jakarta ospita una mostra interamente dedicata a due tra le voci più originali della nuova arte italiana, Roberto Coda Zabetta e Filippo Sciascia....