P » Pozzati, Concetto

Pozzati, Concetto

a cura di Redazione, il 05/10/2005

Concetto Pozzati nasce nel 1935 a Vò di Padova. Nel 1949, trasferitosi a Bologna, dove risiede attualmente, frequenta il locale Istituto d’Arte. Si interessa di architettura e di grafica pubblicitaria. Nel 1955 è a Parigi per perfezionarsi nello studio della pubblicità nell’atelier di Sepo, con il quale nel 1960 fonda a Bologna la Scuola d’Arte Pubblicitaria dedicata a suo padre, Mario Pozzati. Insegna grafica pubblicitaria fino al 1967. Dal 1967 insegna all’Accademia di Belle Arti di Urbino, che poi dirige fino al 1973. Successivamente insegna a Venezia, Firenze e infine a Bologna come titolare della cattedra di pittura all’Accademia. E’ accademico di San Luca e dal 1993 al 1996 è stato Assessore alla Cultura di Bologna. Nel 1998 è direttore artistico della Casa del Mantegna di Mantova. Nella sua lunga carriera ha avuto numerosi incarichi da musei italiani e stranieri per allestire rassegne d’arte contemporanea e dal 1960 scrive su numerose riviste specializzate, interessandosi ai problemi di critica e teoria dell’arte viste dalla parte del pittore. Dal 1955 partecipa alle principali manifestazioni nazionali ed internazionali quali: Quadriennali di Roma del 1959, 1965, 1974 e 1986; Biennali di Venezia del 1964, 1972, 1982; alla Biennale di S. Paolo del Brasile e Biennale di Tokio nel 1963; Biennale di Parigi e Documenta di Kassel nel 1969. Partecipa inoltre alle rassegne italiane di Mosca, Belgrado, Bucarest, Copenhagen, Rotterdam, Ginevra, Città del Messico, Marsiglia, Vienna, Barcellona, Bremen, Johannesburg, Chicago, Parigi, Londra, Atene, Zurigo, Bradford, Kyoto, Tolosa, Francoforte, Berlino. Tra le mostre antologiche più significative a lui dedicate si segnalano: "Pozzati 1958-1968" presso la Pinacoteca e l’Università di Parma al Palazzo della Pilotta, 1968; Palazzo Grassi, Venezia, 1974; Palazzo delle Esposizioni di Roma, 1976; Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Forti, Verona, 1986; San Paolo del Brasile, 1987;Istituto Italiano di Cultura, Parigi, 1989; Galleria Comunale d’Arte Moderna, Bologna, 1991; Palazzo Massari, Ferrara e Pinacoteca dei Concordi, Rovigo, 1997; Palazzo della Pilotta, Parma e Artcurial Centre d’Art Contemporain, Montecarlo.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader