O » Oppenheim, Dennis

Oppenheim, Dennis

a cura di Redazione, il 02/04/2007

Dennis Oppenheim (Electric City, USA, 1938) fa parte, insieme a Bruce Nauman, Robert Smithson, Michael Heizer, Vito Acconci, Robert Morris e Gunther Uecker, di quella generazione di artisti di area americana che ha contribuito in modo determinante a rinnovare l’idea e i linguaggi dell’arte contemporanea. Già nel 1968, a proposito dei suoi primi “earth-works”, Lucy Lippard conia il termine “dematerializzazione” con ciò sottolineando una caratteristica dominante e originale nel lavoro di Oppenheim, quella di una forma che transita da un materiale o un oggetto all’altro facendosi emblema del fare, ma insieme segno fisico epifanico di un divenire che non ha fine. Sotto questo profilo, esistono molte opere, sia tra quelle della fine degli anni sessanta, sia tra quelle più recenti, che testimoniano la sua predilezione, tra i vari organi di senso, per il tatto, l’idea epidermica della forma, dell’oggetto, delle cose. Il trasferimento di una forma da un contesto all’altro (idea non manipolatoria) si intreccia con quella di impronta che richiama pur sempre la mano e il toccare.  Per la chiesa di San Paolo, nell’ambito del Festival della Filosofia di quest’anno, che ha per tema “i sensi”, Oppenheim propone due sculture realizzate nel 2004, rispettivamente “Device to Cast Light on the Bottom of Feet” (Meccanismo che illumina ai piedi dei piedi) e “Enlarged Object to Cast Light In-between the Toes” (Oggetto allargato per illuminare tra le dita dei piedi), due opere dotate di una forte carica ironica, come è nello stile dell’artista, due opere fuori scala, pantagrueliche e assolutamente visionarie, nelle quali il tatto si concentra sulla sensibilità dei piedi. Importanti le video performances "Two-Stage Transfer Drawing", "Rocked Hand", "Air Pressure", "Fusion Tooth and Nail", "Forming Sounds", "Nail Sharpening", "Identity Transfer" realizzate fra il 1970 e il 1971, opere storiche nelle quali la dimensione tattile viene esperita in diverse situazioni: l’artista traccia un segno sulla schiena del figlio che ripete il segno sul muro e viceversa, oppure ricopre di pietre la propria mano, o ancora affila la propria unghia, dipinge di un unico colore denti e unghie, registra i movimenti trasmessi alla pelle della mano da un getto di aria compressa, varia con le mani il suono emesso da una donna, trasferisce l’impronta del pollice destro a quello sinistro e al palmo della mano. C’è l’aspetto ludico, ma in questo caso compone una sorta di teoria applicata che rivela quanto e come la visionarietà dell’artista sia legata a un aspetto “somatico”. Tra le molte performance di Oppenheim da ricordare, la sequenza fotografica di "Reading Position for Second Degree Burn" realizzata nel 1970 alla Jones Beach di New York, quando l’artista è rimasto steso al sole a torso nudo per cinque ore con un trattato ottocentesco di artiglieria a cavallo aperto sul petto. Un disegno epidermico impresso dal tempo di esposizione alla luce.

 
Articolo correlato: “L’universo creativo di Dennis Oppenheim in mostra alla Montrasio Arte”

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader