E » Esposito, Enzo

Esposito, Enzo

a cura di Redazione, il 20/01/2005

Enzo Esposito, nato a Benevento nel 1946, vive e lavora a Milano. Studia all’Accademia di Belle Arti di Napoli. Nel 1970 espone a Caserta: i suoi lavori risentono del clima “concettuale” del momento. Nel 1973 inizia a lavorare con il mezzo fotografico. Nel 1975 espone per la prima volta a Milano. Esponente del gruppo dei Nuovi Nuovi fondato da Renato Barilli espone a Palazzo Reale a Milano. Le sue tele astratte, sorrette da una geometria nascosta, hanno accese luminosità coloristiche: blu vibranti, arancio fluò e rossi pieni, scandite da segni netti, aggressivi che creano una forte emozione visiva. Nome di punta nel panorama artistico degli anni ’80, Esposito ha partecipato a tutte le rassegne di quegli anni che puntualizzavano il passaggio dal “concettuale” alla “pittura” come Baroques ’81, organizzata da Catherine Millet al Museo d’Arte Moderna di Parigi. Nel 1984 espone da Giorgio Marconi con tele di grande formato ed inizia un lungo periodo di stimolante collaborazione. Negli anni successivi espone ad Anversa, Londra, Liegi e Basilea. Le sue opere entrano in alcuni Musei italiani. Nel 1992 realizza una scultura in alluminio per il Museo della Scultura di Portofino. Da qualche anno frequenta insieme a Tommaso Cascella, Bruno Ceccobelli, Paolo Iacchetti e Gian Piero Riverberi la bottega di Valter Boj.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader