Special » Il Giardino di Daniel Spoerri: dal ’97 un parco di sculture e una Fondazione

Il Giardino di Daniel Spoerri: dal ’97 un parco di sculture e una Fondazione

a cura di Redazione, il 03/03/2007

Circa 80 chilometri a sud di Siena, alle pendici del Monte Amiata, sorge il piccolo paese di Seggiano, noto soprattutto per la produzione di un olio di grande qualità tratto da una cultivar locale, l’Olivastra Seggianese.
Ma come numerosi altri piccoli centri della Toscana, oltre alla bellezza naturale Seggiano vanta quella che sgorga dall’arte, in particolare da quella contemporanea. È qui, infatti, che all’inizio degli anni ‘90 l’artista svizzero Daniel Spoerri ha cominciato ad installare un parco di sculture, chiamato appunto “Il Giardino di Daniel Spoerri”, che oggi ospita anche l’omonima Fondazione.
Profondo conoscitore dei giardini storici e di testi letterari sui giardini, Spoerri per questa sua opera ambientale si è ispirato al cinquecentesco Sacro Parco di Bomarzo, che tanto lo aveva colpito in occasione del suo primo viaggio in Italia nel 1964. Aperto al pubblico nel 1997, il parco di Seggiano può essere visitato da Pasqua fino ad ottobre. Attualmente vi sono installate 87 opere di 42 artisti diversi, compresi i bronzi di Daniel Spoerri, da scoprire in un terreno di circa 16 ettari la cui visita richiede circa tre ore: una passeggiata salutare per il corpo quanto per l’anima.
Il motto latino “Hic Terminus Haeret”, scritto sul cancello all’ingresso al Giardino, significa “Qui aderiscono i confini”. “Terminus” in questo caso più che confine vorrebbe dire passaggio, in quanto Daniel Spoerri sicuramente non aveva l’intenzione di portare a termine la sua opera artistica con l’installazione del parco di sculture. Piuttosto, è rimasto incantato in questo motto manieristico dal verbo “haeret”, che ci ricorda la forza aderente di una colla.


[Immagine: un angolo suggestivo del Giardino]


Sempre nel 1997, “Il Giardino” è stato riconosciuto e ufficialmente inaugurato come Fondazione. Quanto agli scopi, oltre alla conservazione e alla cura del parco di sculture e alla sua apertura al pubblico, la Fondazione si impegna ad essere un’istituzione di formazione in cui è possibile soggiornare per effettuare ricerche nel campo della storia dell’arte (grazie a una vasta biblioteca), oppure per organizzare eventi culturali come mostre nella villa, workshop, conferenze scientifiche e altro ancora. In quest’ottica, la Fondazione dà ospitalità anche a borsisti che non lavorano nell’ambito delle arti figurative. Fino ad oggi ne ha ospitato una decina, pagati da privati o da altre fondazioni, per soggiorni di lavoro della durata di 2–3 mesi.
L’attività della Fondazione si finanzia con il contributo dei soci, che versano quote annuali di 100 e 340 euro, impegnandosi a contribuire per almeno tre anni. Chi però versa un minimo di 22.500 euro – per esempio come sostegno ai borsisti o come copertura delle spese di una nuova installazione – diventa socio a vita.
A sottolineare il legame del parco e della Fondazione con il territorio in cui sorgono, ad ogni membro ed artista viene dedicata una piantina di olivo della varietà “Olivastra seggianese”, che viene piantata in un campo dietro la casa-laboratorio di Daniel Spoerri, vero cuore pulsante della Fondazione.

Scheda tecnica

Fondazione "Il Giardino di Daniel Spoerri - HIC TERMINUS HAERET"
Seggiano (Grosseto), località Giardino

Orario di apertura:
da Pasqua al 1° luglio, tutti i giorni (tranne lunedì), ore 11-20
1° luglio - 15 settembre, tutti i giorni, ore 11-20
15 settembre - 31 ottobre, tutti i giorni (tranne lunedÌ), ore 11-19
da novembre a marzo solo su prenotazione
Lunedì chiuso ad eccezione di 1° luglio - 15 settembre

Info:
Tel. (+39) 0564 950026
Sito web di Daniel Spoerri

Prenotazioni visite:
Tel. (+39) 0564 950805
ilgiardino@ilsilene.it

Associazione di sostegno “Il Giardino”
Alte Landstrasse 18 CH-2542 Pieterlen (Svizzera)
(+41) 32 377 21 31 / 32 377 21 32
osterliz@bluewin.ch

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader