Mostre » BLACK BOX

Anno Matthias Henke. Top Gun

BLACK BOX

Anno Matthias Henke in mostra allo Scalo San Donato di Bologna

a cura di David Bernacchioni, il 19/07/2010

Fino al prossimo 8 agosto 2010 gli ultimi lavori dell’artista tedesco Anno Matthias Henke (Marburg, Germania, 1965) saranno in mostra all’interno degli spazi espositivi dello Scalo San Donato del capoluogo emiliano.

Black Box – questo il titolo dell’evento – è il dispositivo che si trova all'interno di un velivolo e serve per registrare tutto quello che succede, tutti i movimenti e le mosse del mezzo in questione e del pilota durante il percorso. In caso di disastro il Black Box (la così detta ‘scatola nera’) ci da la possibilità di ripercorrere ciò che è successo e trovare magari il perché di una disgrazia.

Radici artistiche che affondano nell'espressionismo e nel surrealismo

Così come Anno Matthias Henke (che vive e lavora a Bologna) si percepisce come un cronista che fissa quello che succede o che vede attorno a se, allo stesso modo il suo linguaggio e le sue tele corrispondono all' "eventogramma", le lastre sulle quali è scritto ciò che è successo, codificato e filtrato attraverso la sua concezione di forma e cromaticità e attraverso le sue radici culturali ed artistiche che possono essere ritrovate nell'espressionismo anche astratto e nel surrealismo come anche nelle "Neue Wilde" degli anni '80.

Le parole dello stesso artista

«La mia è una pittura istintiva e spesso del forte gesto, non mi interessa la perfezione del disegno, mi interessa il gesto, la postura delle mie figure che parla di come stanno e cosa vivono” - dichiara l'artista protagonista di Black Box e prosegue - : “Le mie "lastre" spesso riproducono il mondo urbano, metropolitano, l'uomo nel suo ormai naturale habitat, spesso ambientato nelle zone marginali, lungo il muro (di Berlino), sobborghi, lontano dal glamour e dalla ricchezza, zone abbandonate, i "banlieue" delle nostre metropoli.

Anno Matthias Henke. Paris Flesh

Un ricercatore in un lontano futuro, che studi le mie "registrazioni" Black Box, forse potrebbe capire cosa fosse successo a noi o come abbiamo vissuto” e conclude: “D'altronde la mia pittura sicuramente non è del tutto materialista o realista, si avvale sempre anche di elementi onirici, a volte gli scenari sono apocalittici però c'è sempre una codificazione del mondo che mi circonda.»

Leggi il curriculum di Anno Matthias Henke
Leggi alcuni testi critici riferiti all'opera di Anno Matthias Henke

Scheda tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader