Special » Mostre, dibattiti, performance, concerti. Il programma della Fondazione Strozzi

Mostre, dibattiti, performance, concerti. Il programma della Fondazione Strozzi

a cura di Redazione, il 30/01/2007

A ottobre 2007 è prevista l’apertura di una seconda esposizione (titolo La moda che cambia la moda, cento abiti rivoluzionari della collezione del Los Angeles County Museum of Art), che resterà in cartellone fino alle sfilate di Pitti del prossimo gennaio. Entro dicembre debutterà il programma della Strozzina.

Con il 2008 Palazzo Strozzi a Firenze funzionerà dunque a pieno regime. Il programma delle grandi mostre si differenzia per impegno economico, target (interno, scolastico, turistico) e stagione. Ovvero: mostre per un’audience più selezionata in autunno e primavera, per il grande pubblico in estate. Eventi auto-prodotti e/o sviluppati in collaborazione con altre istituzioni, oppure in prestito: tutti arricchiti da iniziative collaterali: conferenze, festival, film, percorsi culturali.

Questi i tre appuntamenti del 2008: in primavera Impero Celeste, seconda mostra di una trilogia sull’arte cinese antica (la prima allestita a Roma, la terza a Milano); in estate Dipingere la luce (tecniche e segreti dei maestri dell’Impressionismo svelati attraverso 60 capolavori); in autunno Donne al potere, prima assoluta sulla famosa serie di arazzi realizzati per celebrare due grandi regine di Francia, Caterina e Maria de’ Medici, entrambe di origine fiorentina.

Nel 2009, anno di Galileo, una spettacolare mostra di carattere storico-scientifico, organizzata in collaborazione con il Museo di Storia della Scienza, abbraccerà tutto il periodo primavera/estate.Tema: la concezione dell’Universo prima e dopo la scoperta del cannocchiale. Titolo: Macrocosmo. In autunno, infine, Dolci inganni, 200 opere straordinarie per raccontare la fortunata storia del trompe l’oeil nella pittura e nelle arti cosiddette minori.

Per la Strozzina, il Direttore Generale della Fondazione Strozzi Bradburne sta lavorando a un programma diversificato: mostre storiche che attingono alle collezioni fiorentine; brevi e provocatorie esposizioni d’arte contemporanea con artisti di fama internazionale come Bill Viola, Damien Hirst, James Turrell e Candida Hofer; arti digitali da esplorare con istallazioni e workshop; esibizioni di talenti emergenti toscani. E ancora: letture su Firenze e la sua storia; conferenze e seminari di tema storico - artistico in collaborazione con l’Università di Firenze e le molte istituzioni italiane e straniere che in città hanno sede.

Il Cortile, vero cuore di Firenze, è la piazza-galleria ideale, privilegiata dai tre affacci su via Tornabuoni, via Strozzi e piazza Strozzi, che resteranno aperti in permanenza. Ospiterà alcuni servizi alle mostre (la biglietteria) e sarà appunto dotato di Bar/Caffetteria e Libreria aperti a tutti.Arricchito dalla Mostra Permanente, il Cortile presenterà anche un intenso programma culturale: concerti di musica classica (in collaborazione con il Maggio e le scuole musicali fiorentine) e di jazz (con partner come i Jazz Festival di Spoleto o di New Orleans), proiezioni di visual art, video jockeying, esibizioni e istallazioni luminose.

   

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader