Special » Arte per tutti: le iniziative del MiBAC per le persone diversamente abili

Arte per tutti: le iniziative del MiBAC per le persone diversamente abili

di Valentina Redditi, il 21/12/2006

Il ministro per i Beni e le Attività Culturali, Francesco Rutelli, ha recentemente illustrato un pacchetto di iniziative in favore delle persone diversamente abili, con il noto cantante Gianni Morandi, già protagonista di molte iniziative umanitarie e sociali in favore dei disabili, in veste di testimonial.
Le iniziative previste nel circuito dei Beni culturali sono numerose e si articolano in sei punti principali.
Il primo concerne la progressiva eliminazione delle barriere architettoniche che ostacolano o rendono inaccessibili i siti culturali statali. Per giungere a questo obiettivo occorrerà prima completare il censimento sull’accessibilità degli edifici e siti culturali e artistici, da effettuare secondo criteri innovativi che tengano conto delle diverse forme di disabilità; inoltre il censimento verrà esteso a tutti i siti e contesti legati al turismo e alla cultura. Sulla base dei dati raccolti saranno poi pianificati gli interventi attuabili a breve, medio e lungo termine.
Il secondo punto del pacchetto di iniziative riguarda l’istituzione di una commissione permanente sui temi della disabilità presso il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Ne faranno parte tecnici del Ministero, esperti esterni e rappresentanti delle Associazioni. La commissione avrà il compito di seguire l’iter delle proposte avanzate, coordinare le iniziative sul territorio e individuare e proporre linee guida di intervento da tradurre in strumenti operativi.
Un’altra iniziativa promossa dal MiBAC riguarda il “Progetto libro parlato”, che consentirà a 24 biblioteche statali di mettere a disposizione di cittadini diversamente abili (non vedenti, ipovedenti, dislessici) un sistema integrato di consultazione, download e prestito di audio-libri, attivo presso ciascuna Biblioteca ma fruibile anche da casa.
Si tratta di un intervento pubblico di vasta portata che ha un bacino di utenza potenzialmente molto vasto, considerando che in Italia i non vedenti sono stimati in 350.000, gli ipovedenti in 1.200.000, i dislessici in 1.500.000. In questo modo, le biblioteche possono rappresentare anche un luogo e uno strumento di socializzazione e integrazione per i disabili.
Inoltre va segnalato che l’art. 18 comma 656 del Disegno di Legge Finanziaria 2007 prevede un incremento, pari a 10 milioni di euro, dei contributi sul cap. 7595 del MiBAC per l’anno 2007, relativi a “interventi e contributi straordinari per il restauro, la conservazione e la valorizzazione dei beni culturali, nonché per l’istituzione del fondo in favore dell’editoria per ipovedenti e non vedenti”.
La quinta voce del pacchetto di iniziative del MiBAC per i disabili riguarda la cosiddetta “Carta della qualità dei servizi” che il Ministero si accinge a diffondere tra musei, aree archeologiche, archivi e biblioteche, come strumento offerto all’utente per verificare la rispondenza dei livelli qualitativi dei servizi promessi ai livelli qualitativi dei servizi erogati. Tra gli indicatori di qualità troviamo la voce “accesso facilitato per utenti per ridotta capacità motoria”, ma anche l’assistenza qualificata per le categorie svantaggiate, l’esistenza di percorsi specifici, l’eventuale disponibilità di strumenti che facilitino la comprensione o la visione dei beni.
La sesta e ultima iniziativa concerne l’istituzione di un premio nazionale per la migliore tesi di laurea prodotta nelle Facoltà di Architettura italiane, che affronti il tema dell’accessibilità di un edificio o di un sito storico. Il premio avrà cadenza annuale e prevede anche una mostra dei progetti partecipanti, da realizzare ogni anno in una Facoltà diversa. La valutazione dei progetti sarà affidata ad una commissione mista formata dai membri della Commissione permanente sull’accessibilità istituita presso il Ministero, i Direttori per i Beni Architettonici e Paesaggistici, e per l’Arte e l’Architettura Contemporanea del MiBAC, e da docenti proposti dalle Facoltà italiane di Architettura.

Scheda tecnica

Info:
Sito web del Ministero per Beni e le Attività culturali

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader