Special » La Tinaia, da trent’anni la forza dell’arte come terapia

La Tinaia, da trent’anni la forza dell’arte come terapia

a cura di Redazione, il 10/09/2006

Era il 1975, quando all’interno dell’Ospedale Psichiatrico San Salvi di Firenze nasceva il laboratorio di attività espressive La Tinaia. Da allora questo vero e proprio laboratorio di arte contemporanea si è inserito a pieno titolo nel quadro delle iniziative tese a valorizzare le risorse umane ed artistiche di persone con problemi psichiatrici. Il laboratorio, ideato da due infermieri artisti, rappresentava, per quei tempi, una duplice innovazione: da un lato, vi era il tentativo d’infrangere le logiche “disumane” della psichiatria tradizionale proponendo un percorso di riabilitazione creativa; dall’altro, la pratica artistica assurgeva al ruolo di comunicazione autonoma, non strettamente subordinata alla terapia psichiatrica.
In seguito all’attuazione della legge Basaglia e alla conseguente abolizione delle strutture manicomiali, il laboratorio, che oggi si chiama La Nuova Tinaia, ha continuato ad esistere accogliendo pazienti psichiatrici provenienti da tutto il territorio fiorentino.
Alcune fra le opere realizzate dagli artisti sono di tale valore estetico che il Museo di Losanna le ha incluse nella collezione di Art Brut.

Gli artisti de La Tinaia:
Ammannati Umberto, Boni Guido, Brizzolati Antonio, Carlesi Vittorio, Cinque Margherita, Cortesia Pierluigi, Fidilio Angela, Galli Giovanni, Gelli Giordano, Malquori Stefano, Modisti Massimo, Motulese Francesco, Monsignori Claudio, Musio Fioretto, Pagnini Giorgio, Paoli Paolo, Pastore Giuseppina, Ravanelli Paolo, Raugei Marco, Risso Daniele, Romiti Francesco, Randelli Fernando, Settembrini Franca, Trinchera Gabriele, Ulivieri Claudio.

Scheda tecnica

Info:
Centro di Attività Espressive la Tinaia, via San Salvi 12 (Firenze)
Tel. (+39) 055 6263578 - Fax (+39) 055 6263901
latinaia@asf.toscana.it
La Tinaia

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader