Eventi » Ponteggio d’artista MISE EN SCENE

Emilio Farina, particolare de “Mise en scene”

Ponteggio d’artista MISE EN SCENE

Il progetto site-specific di Emilio Farina per la Cappella del Voto del Duomo di Siena

a cura di Redazione, il 11/03/2010

Dopo il “Ponteggio d’Artista” realizzato durante i lavori di restauro sul prospetto della Libreria Piccolomini nel 2009, Emilio Farina - artista vicentino che vive e lavora a Roma - torna all’interno del Duomo di Siena con un progetto site-specific sul fronte della berniniana Cappella del Voto. Il “Ponteggio d’Artista MISE EN SCENE” sarà visibile al pubblico dal 12 marzo al 31 luglio 2010.

Un’occasione di arricchimento formale e di momentanea sperimentazione

Grazie al sostegno dell’Opera del Duomo, con il contributo dell’Impresa PT Color, responsabile dei lavori di restauro, l’artista ha dimostrato ancora una volta che è possibile eseguire impegnativi interventi su monumenti, senza che l’inevitabile ingombro del cantiere costituisca una diminuzione dei valori del contesto. Al contrario, ha trasformato la temporanea situazione di disagio in un’occasione di arricchimento formale e di momentanea sperimentazione.

L’installazione di Farina

Emilio Farina, particolare de “Mise en scene”

Per questo progetto Emilio Farina ha realizzato, sulle strutture esterne del cantiere, un’opera d’arte contemporanea che interagisce con l’antico che ha, per il limitato tempo dei lavori, il raro privilegio di confrontarsi con i massimi capolavori conservati all’interno della chiesa. Per il suo dipinto - che avvolge il basamento del ponteggio per oltre 30 metri di base per 2,50 di altezza - ha tratto ispirazione dalla ricchissima pavimentazione intarsiata che è uno degli elementi che s’imprimono con maggiore e duratura forza nel ricordo dei molti visitatori del Duomo.

Il confronto tra l’Antico e il Contemporaneo ricercato dall’artista

Le figure disegnate dal Pintoricchio nel suo “Colle della Virtù” s’insinuano sotto la recinzione del cantiere e ricompaiono, prospetticamente scorciate, come moderne anamorfosi, quasi a proclamare ufficialmente aperto il confronto tra l’Antico e il Contemporaneo ricercato dall’artista. Si snoda così un variopinto filo di Arianna che, partendo dalle rappresentazioni quattrocentesche del pavimento, arriva a ricongiungersi con la memoria delle statue barocche conservate all’interno della Cappella, qui riproposte per allusive citazioni. Sulla facciata, intesa non come barriera di chiusura ma come proiezione di ciò che accade all’interno della Cappella nel corso del restauro, disegna una nuova mappa del percorso artistico, resa comprensibile per accordi e dissonanze spaziali, preludio ad altre invenzioni, con labirinti policromi e volute cancellazioni, colature e innesti materici, che prefigurano un nuovo ordine formale.
Predomina, come del resto nella bicromia bianco-nero delle pietre del paramento interno, un deciso andamento orizzontale che si oppone allo slancio verticale degli alti pilastri e del grande ponteggio soprastante, che si arrampica, ammantato in un candido velario, fino alle volte a crociera.

Emilio Farina, rendering dell’installazione nella Cappella del Voto del Duomo di Siena

Il muto balletto dei restauratori, allo stesso tempo protagonisti e comparse

All’interno di questa programmata macchina scenica si svolge, ritualizzato e a tratti visibile, il muto balletto dei restauratori, allo stesso tempo protagonisti e comparse di un serrato discorso operativo, teso a recuperare l’immagine pura dell’arte e a proporre nuovi impensati equilibri. In trasparenza, dentro una velatura di oltre 16 metri, l’artista accompagna il loro lavoro con bianche sagome sospese, baluginanti di oro, a richiamare concettualmente i molti ex-voto che nei secoli si sono stratificati, fratelli minori, accanto al messaggio di fede testimoniato dalla fastosa Cappella secentesca.

Precedenti interventi e installazioni in monumenti storici di Emilio Farina

Emilio Farina non è nuovo a interventi e installazioni in monumenti storici, sempre in collaborazione con gli Enti o con le Soprintendenze del luogo, tesi ad una reinterpretazione o anche integrazione del monumento storico e delle opere in esso contenute, che modifica e talora quasi cancella l’originale suggestione visiva, fino a sovrapporsi ad essa in un approccio del tutto personale. Solo per ricordarne alcuni, richiamiamo lo “storico” allestimento nel Pantheon del 1992, il monumentale Crocefisso nel Duomo di Prato del 2000, l’installazione “Un’assenza rituale” a Palazzo Altemps a Roma - in occasione del temporaneo allontanamento dal Museo del Trono Ludovisi (2007) - e altre opere a Villa d’Este a Tivoli, nella Libreria di Palazzo Altieri (2006 e 2008), a San Michele a Ripa (2007), a Palazzo Spada (2008), fino alla collocazione permanente dello spettacolare “Cristo della Valle” nella Chiesa di S. Michele a Sasseta di Vernio, inaugurata nel 2008.

    Scheda Tecnica

  • Emilio Farina. “MISE EN SCENE - Ponteggio d’artista”
    dal 12 marzo al 31 luglio 2010
  • Duomo di Siena
    Siena, Piazza Duomo
  • Orario di apertura:
    giorni feriali, ore 10.30-19.30; giorni festivi, ore 13.30-17.30
  • Info:
    Sito web dell’artista

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader