Eventi » PARIGI CAPITALE DELLA FOTOGRAFIA 1920-1940

Sougez Emmanuel, “Repos”, 1935, tirage gélatino-argentique tardif, 30,2 x 40,5 cm. © BNF

PARIGI CAPITALE DELLA FOTOGRAFIA 1920-1940

Al MNAF di Firenze in mostra 100 “vintage prints” dalla collezione Bouqueret

a cura di Valentina Redditi, il 19/02/2010

Curata da Marta Ponsa e Michael Roulette, è approdata a Firenze la mostra “Parigi Capitale della Fotografia 1920-1940”, precedentemente ospitata nella capitale francese e oggi visitabile (fino all’11 aprile) presso la sede del MNAF in piazza Santa Maria Novella. L’evento nasce dalla collaborazione fra Jeu de Paume e Fondazione per la Storia della Fotografia Fratelli Alinari.

Esposte opere di oltre quaranta fotografi

Si tratta della prima grande mostra dedicata alla produzione fotografica di questo importante periodo storico. Sono esposte più di 100 opere “vintage prints” di oltre quaranta fotografi che hanno operato a Parigi tra il 1920 ed il 1940, accanto a documenti originali dell’epoca (riviste, libri etc). Curata da Marta Ponsa e Michael Roulette, l’esposizione arriva subito dopo la sede parigina ed offre un’occasione per un appassionante itinerario alla scoperta della ricchezza formale di questa “Nuova Visione Fotografica in Francia”.

Albin Guillot Laure, “La Cantate du Narcisse”,1934, tirage Fresson (charbon) d’époque sur papier vergé 29,8 x 23,8 cm, droits réservés

La Parigi dell’epoca, fulcro della nuova fotografia in Europa

Nei primi anni Venti, Parigi si afferma come il centro dell’avanguardia artistica e, senza dubbio, come il fulcro della nuova fotografia in Europa. La capitale francese è scelta come sede di molti fotografi provenienti da nazionalità e culture diverse a causa della sua centralità come modello di “modernità” e per i suoi segnali di ripresa economica dopo la Prima Guerra mondiale, ma soprattutto per la libertà politica e religiosa garantita anche a coloro che erano stati costretti all’esilio dai loro Paesi.

Da Henri Cartier-Bresson a Man Ray: fotografi francesi accanto a parigini d’adozione

In Francia quello fu un periodo in cui molti artisti e movimenti culturali ebbero grande influenza: fotografi francesi come Florence Henri, Maurice Tabard, Roger Schall, Henri Cartier-Bresson. Emmanuel Sougez, Pierre Boucher, solo per citarne alcuni, vissero fianco a fianco con artisti stranieri che divennero Parigini adottivi per necessità e affinità, come i tedeschi Erwin Blumenfeld, Marianne Breslauer e Ilse Bing, gli ungheresi Andrè Kertész, Rogi André, Frnçois Kollar, Gisèle Freund e Brassa , i russi Hoyningen-Huene e Rudomine, gli americani Man Ray e Berenice Abbott.
È forse improprio utilizzare l’espressione “Scuola parigina di fotografia” per indicare complessivamente un insieme di fotografi con caratteristiche marcatamente eterogenee?

La collezione raccolta dallo storico Christian Bouqueret

Cloche Maurice, “Illusion”, 1928, tirage gélatino-argentique d’époque 30,2 x 24 cm, droits réservés

È questa Francia del periodo tra le due guerre, questo crogiuolo creativo di una moltitudine di scuole fotografiche che è preponderante nella straordinaria collezione raccolta dallo storico Christian Bouqueret, autore di numerosi libri tematici dedicati alla storia della fotografia come “Surrealist Photography, Des annés folles aux annés noires, Histoire de la Photographie en images”, e di studi specifici su Laure Albin Guillot, Raoul Ubac, Germaine Krull, Roger Parry, René Zuber e Jean Moral.

Credits della mostra e catalogo

“Parigi Capitale della Fotografia 1920-1940” è promossa dal Jeu de Paume di Parigi e da Fratelli Alinari, Fondazione per la Storia della Fotografia. A cura di quest’ultima è la direzione del progetto (Monica Maffioli) e il coordinamento organizzativo (Chiara Ruberti e Valeria Cossu). L’allestimento grafico della mostra è di Stefano Rovai.
Il catalogo, bilingue francese/inglese, è una co-edizione Jeu de Paume / La Martiniére, con testi di Christian Bouqueret e Andy Grundberg; colloquio di Christian Bouqueret e Marta Gili; introduzione di Michaël Houlette e Marta Ponsa.

    Scheda Tecnica

  • “Parigi Capitale della Fotografia 1920-1940”
    fino all’11 aprile 2010
  • Curatori:
    Marta Ponsa, Michael Roulette
  • MNAF - Museo Nazionale Alinari della Fotografia
    Firenze, piazza S. M. Novella 14a r
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 10-19; mer chiuso
  • Biglietti:
    Intero € 9; ridotto € 7,50; convenzioni € 6; scuole € 4; ingresso libero bambini fino a 5 anni
  • Catalogo:
    9 x 24 cm; 120 fotografie, 192 pagine; bilingue francese/inglese; co-edizione Jeu de Paume / La Martiniére. Testi di Christian Bouqueret e Andy Grundberg; colloquio di Christian Bouqueret e Marta Gili ; introduzione di Michaël Houlette e Marta Ponsa
  • Info:
    MNAF - Museo Nazionale Alinari della Fotografia
    Tel. (+39) 055 216310 - Fax (+39) 055 2646990
    Fondazione Alinari
    mnaf@alinari.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader