Mostre » KALLE KATAILA. Landscapes and Contemplations

KALLE KATAILA. Landscapes and Contemplations

Alessandro Marena Project presenta a Torino una personale del giovane fotografo finlandese

a cura di Valentina Redditi, il 04/02/2010

È un vero e proprio viaggio dei sensi, la personale di Kalle Kataila intitolata “Landscapes and Contemplations” che inaugura venerdì 5 febbraio a Palazzo Marenco di Torino, aprendo il 2010 espositivo dell’Alessandro Marena Project nel giorno in cui il suo fondatore, Alessandro Marena, compie trentatré anni. La mostra comprende una ventina di fotografie dell’ultima produzione dell’artista finlandese. Nato nel 1978 ad Helsinki, Kataila ha frequentato l’autorevole University of Art and Design della sua città e fa parte della generazione più giovane della cosiddetta “Scuola di Helsinki”.

La Scuola di Helsinki: un modo di pensare

La Scuola di Helsinki include artisti che si esprimono attraverso i linguaggi del video o della fotografia e che si sono laureati, oppure hanno insegnato, all’Università di Art and Design. Il Kunstmuseum di Wolfsburg ha dedicato lo scorso anno un’interessante mostra a questo fenomeno artistico, soffermandosi sulle sue personalità più autorevoli, come Ola Kohlemainen e Pertti Kekarainen.
Il concetto di “Helsinki School” non è definito da una specifica disciplina, nazionalità o regione geografica. Rappresenta un modo di pensare che si è evoluto all’Università di Art and Design dove viene insegnato un approccio unico nel modo di adoperare la macchina fotografica come se fosse un attrezzo concettuale.

L’intensa attività espositiva di Kataila

Oltre a lavorare insieme in esposizioni che irradiano un forte spirito di co-operazione, molti di loro hanno intrapreso una carriera individuale.
Kalle Kataila, nonostante la giovane età, ha già all’attivo numerose mostre in musei e gallerie, dalla recente collettiva alla Kunsthalle Helsinki alla personale all’Harbourfront Centre di Toronto. Le sue suggestive fotografie hanno viaggiato dalla Scandinavia alla Francia, dalla Russia alla Corea del Sud, in occasione dell’Ulsan International Photography Festival.

L’uomo è paesaggio e il paesaggio è interno all’uomo

Kataila evoca i panorami romantici di Caspar David Friedrich, invitando lo spettatore ad immergersi nella quiete atemporale dei suoi paesaggi, ora urbani, ora rurali, ora nordici o indefinibili, quasi surreali.
Piccole figure umane si stagliano al centro della composizione dove regna una stasi apparente, una sorta di stato di magia. Tutti gli elementi si fondono perfettamente in una concertazione che non prevede situazioni dominanti, ma dove l’uomo è paesaggio e il paesaggio è interno all’uomo.
Viene naturale identificarsi allora con quell’osservatore silenzioso che pare essere null’altro se non lo stesso mondo che rimira.

    Scheda Tecnica

  • Kalle Kataila. Landscapes and Contemplations
    dal 5 febbraio al 5 marzo 2010
    Inaugurazione: venerdì 5 febbraio, ore 19
  • Curatrice:
    Monica Trigona
  • Palazzo Marenco
    Torino, Via Giuseppe Pomba 17
  • Info:
    +39 3387685679 , +39 0118170419 (fax)
    info@marenaroomsgallery.com
    Palazzo Marenco

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader