Eventi » JEROME ZODO CONTEMPORARY

Jerome Zodo Contemporary - rendering

JEROME ZODO CONTEMPORARY

Con la collettiva “(Ex)comunicate” inaugura a Milano un nuovo e innovativo spazio per l’arte contemporanea

a cura di Angelo Pinti, il 30/12/2009

Nasce nei locali riconvertiti dell’ex Artdecò café, ma sarà una galleria d’arte del tutto nuova e lontana dalla tradizione, pensata come luogo espositivo diverso, non più semplice sfondo per le opere d’arte, bensì protagonista “partecipe” del contenuto, in grado di dialogare e di fondersi con le opere esposte in un’unica esperienza artistica: è Jerome Zodo Contemporary, il nuovo spazio espositivo per l’arte contemporanea che apre a Milano giovedì 21 gennaio 2010, in via Lambro (angolo via Melzo), a ridosso della cerchia dei Bastioni di Porta Venezia, una delle zone più attive e in rapida trasformazione della metropoli lombarda.

La mostra inaugurale e la performance di Zackary Druker

Ben Grasso, "After gold rush", 127 x 177,8 cm , olio su tela

Due eventi accompagneranno l’inaugurazione della nuova galleria: una performance di Zackary Druker, che si terrà la sera stessa del 21 gennaio, alle ore 20, e l’apertura al pubblico dello spazio espositivo con la mostra “(Ex)communicate”, che fino al 27 febbraio presenterà una collettiva di artisti italiani e internazionali, quali Simmons & Burke, Terry Chatkupt, Zackary Drucker, Ben Grasso, Tigran Khachatryan, Simon Senn, Andrew Schoultz, Federico Solmi, Bertold Stallmach.
Il progetto curatoriale ha portato a selezionare artisti che condividono la medesima filosofia della galleria, ovvero restituire un ruolo centrale al fruitore dell’opera d’arte.

Restituire un ruolo centrale al fruitore dell’opera d’arte

Come afferma Jerome Zodo, «Questa centralità ha rischiato di perdersi a causa dell’aggressività e dell’arroganza dei media nei confronti dell’arte. Un dato oramai evidente è che i mass media tendono a comunicare soprattutto se stessi a scapito dei contenuti e che qualsiasi “valore” venga a contatto con essi, viene assorbito e banalizzato nel meccanismo dell’auto citazione».
Ciascuno di questi artisti suggerisce allo spettatore un percorso che lo condurrà a creare una propria percezione del reale, a farsi un’idea sul contenuto. Spesso sfruttando i meccanismi tipici della quotidiana fruizione della comunicazione di massa, gli artisti invitati non la collocano al centro del progetto, bensì ne sfruttano i meccanismi, trasferendo l’attenzione immediatamente oltre il processo cognitivo.

Zackary Drucker, “The Inability to Be Looked at and the Horror of Nothing to See”, performance, 2009

L’innovativa architettura dello spazio espositivo

La filosofia di Jerome Zodo Contemporary si rispecchia nel design dello spazio espositivo. Come spiega l’architetto Paolo Colombo (studio A++ di Milano), «il soffitto diventa luogo di aggregazione: dalle volte scendono infatti cubi di vetro che definiscono, fra le antiche colonne in ferro, un nuovo piano d’esposizione. L’attenzione si sposta verso l’alto dove i cubi, come geometrici nidi, disegnano un ambiente quasi “organico”, fatto di linee decise e trasparenze. Il pavimento assume una funzione neutra, di semplice percorso. Così facendo il messaggio dell’artista non è più racchiuso entro i confini dell’opera, ma si fonde con lo spazio circostante, avvolgendo lo spettatore».

La collettiva “(Ex)communicate” è un’anteprima della programmazione futura della Jerome Zodo Contemporary, che vedrà alternarsi nei mesi a venire ciascuno degli artisti presenti a questa collettiva.
La mostra sarà accompagnata da un catalogo con testi di Irina Zucca Alessandrelli.

    Scheda Tecnica

  • “(Ex)communicate”
    dal 21 gennaio al 27 febbraio 2010
    Inaugurazione: giovedì 21 gennaio, ore 18
    Performance di Zackary Drucker: giovedì 21 gennaio, ore 20
  • Jerome Zodo Contemporary
    Milano, via Lambro, ang. via Melzo
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 10-19; dom-lun chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    con testi di Irina Zucca Alessandrelli
  • Info:
    Jerome Zodo Contemporary
    Tel. (+39) 02 20241935
    Fax (+39) 02 20244861
    info@jerome-zodo.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader