Eventi » UN ANNO D’ORIENTE

MAO: iconografia del Buddha

UN ANNO D’ORIENTE

Il MAO - Museo d’Arte Orientale di Torino apre le sue porte per festeggiare i primi 12 mesi di attività

a cura di Valentina Redditi, il 05/12/2009

Il MAO-Museo d’Arte Orientale ha aperto le sue porte al pubblico il 5 dicembre 2008, offrendo tesori di una cultura lontana. Un anno dopo, la nuova istituzione museale celebra il primo anniversario di vita con un programma speciale di visite guidate, film, un concerto e attività per le famiglie, che si svolgerà per tutta la giornata di oggi (sabato 5 dicembre) con ingresso libero dalle 10 alle 23. Una festa che è anche un modo per ringraziare i tanti visitatori (103.355 nei primi 12 mesi) che hanno dimostrato subito di apprezzare la nascita di questo museo straordinario collocato nel cuore di uno dei quartieri più interessanti e multietnici della città, seguendo con interesse tutti gli appuntamenti offerti in questo primo anno.

I servizi educativi e il successo delle serate estive

Un anno ricco di iniziative, incontri, aperture straordinarie, proiezioni, concerti e serate speciali, oltre che numerose attività per i bambini e ragazzi delle scuole o accompagnati dalle famiglie. 5.262 ragazzi provenienti da classi scolastiche di ogni ordine e grado hanno preso parte alle attività didattiche proposte, e le serate estive hanno quasi sempre segnato il tutto esaurito, a conferma che il museo può trasformarsi anche in un luogo di incontro e di scambio culturale.

Le rotazioni dei materiali esposti: conservazione e valorizzazione delle opere

Durante il primo anno di vita sono state effettuate frequenti rotazioni a fini conservativi dei materiali esposti nella sezione giapponese, caratterizzata da un’alta percentuale di manufatti delicati, che necessitano di parametri ambientali particolari. Oltre ad adempiere ad uno dei doveri fondamentali di un’istituzione museale per garantire condizioni ottimali di conservazione, le rotazioni permettono al pubblico di apprezzare opere nuove che entrano oppure escono dai depositi del MAO.

Una delle stampe del maestro giapponese Utagawa Hiroshige affidate al MAO dal Gruppo Unicredit

Nel corso del 2009, tutti i recipienti laccati e i ventagli dipinti nella vetrina di collegamento tra le sezioni cinese e giapponese, tutti i dipinti (kakemono), tutte le stampe e i libri della sala 2.2, nonché il kakemono esposto nella stanza del tè sono stati oggetto di una doppia rotazione. I grandi paraventi al primo piano e quelli piccoli al secondo, oltre ai kesa, tessuti rituali esposti nella stessa sala, sono stati ruotati una volta. L’impegnativo lavoro di ideazione ed organizzazione di tutte queste sostituzioni ha comportato un aggiornamento dei pannelli esplicativi, delle didascalie, delle audioguide e delle schede inserite nei touch-screen.

Le stampe giapponesi di Utagawa Hiroshige affidate al MAO da Unicredit

Un importante accordo è stato stipulato con l’Unicredit S.p.A. di Milano, che ha affidato al Museo una serie completa di stampe giapponesi di Utagawa Hiroshige (1797-1858) dedicata alle “Cinquantatre stazioni di posta della Tokaido”. Le xilografie sono attualmente sottoposte a preventivi interventi di carattere conservativo e verranno esposte al MAO nel corso dell’anno 2010 (per saperne di più sulla mostra).

    Scheda Tecnica

  • UN ANNO D’ORIENTE. Visite guidate, film, un concerto e attività per le famiglie
    Sabato 5 dicembre 2009, ore 10-23
  • MAO - Museo d’Arte Orientale
    Torino, Via S. Domenico 9
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    MAO - Museo d’Arte Orientale
    Orario di apertura: mar-dom, ore 10-18; lun chiuso
    Tel. (+39) 011 4436927
    mao@fondazionetorinomusei.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Valentina Redditi, il 03/12/2008

Apre il MAO. L’Arte ha nuovi Orienti

A Torino apre il MAO. L’Arte ha nuovi Orienti. Nel clima di rinascita culturale che caratterizza ormai da alcuni anni il capoluogo piemontese, si colloca l’attesa apertura, il 5 dicembre 2008, di una nuova importante istituzione museale dalle ricche e preziose collezioni: il Museo d’Arte Orien...

a cura di Redazione, il 03/12/2008

SPECIAL / Le raccolte esposte al MAO

Sono cinque gli ambiti geografici e le aree culturali - Asia Meridionale, Cina, Regione Himalayana, Paesi Islamici e Giappone - in cui sono state suddivise le raccolte, esposte in distinte “gallerie” ricavate negli ambienti di Palazzo Mazzonis, sede del MAO...