Mostre » QUELL’INSTABILE OGGETTO DEL DESIDERIO

Arno Rafael Minnkkinen, “Self-portrait with Maija-Käärina”, Sysmä, Finland, 1992,©Arno Rafael Minnkkinen

QUELL’INSTABILE OGGETTO DEL DESIDERIO

Nella mostra Alinari a Firenze, l’immaginario del seno femminile nella fotografia d’autore

a cura di Angelo Pinti, il 19/11/2009

A partire da oggi, giovedì 19 novembre, e fino al 10 gennaio 2010, apre al pubblico presso il Museo Nazionale Alinari della Fotografia (Firenze, piazza Santa Maria Novella) la mostra “Quell’instabile oggetto del desiderio - l’immaginario del seno femminile nella fotografia d’autore”, recentemente ospitata negli spazi del Centro Culturale San Gaetano di Padova. La direzione scientifica e il coordinamento del progetto espositivo sono stati curati dalla Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia, in stretta collaborazione con Alberto Sichel, che si è occupato dell’organizzazione e della comunicazione.

La presentazione in catalogo del professor Umberto Veronesi

La mostra e il relativo catalogo, edito dalla Fondazione Alinari, sono invece a cura di Alfonso Pluchinotta, medico chirurgo, storico della senologia e cultore dei suoi aspetti psicologici e sociali, in collaborazione con Jan Taal, direttore della “School voor Imaginatie” di Amsterdam. Il catalogo italiano/inglese ha una presentazione del professor Umberto Veronesi e testi di Taal, Pluchinotta e della sociologa americana Marilyn Yalom.

Il seno, da “oggetto” a “soggetto” nella società, nelle relazioni, nella moda, nello spettacolo…

HAG Ian James Hargraves, “A Pear”, 1986 ©Ian Hargreaves/ Photographer, Chatteris

Le suggestioni della fotografia artistica del seno femminile correlate all’immaginario collettivo in un viaggio culturale alla ricerca delle sue singolarità estetiche e psicologiche. Il fascino più o meno discreto di un attributo anatomico che da “oggetto” (con una sua peculiare forma e funzione) diviene “soggetto” (ossia elemento di attrazione, desiderio, immaginazione) nell’ambito dei diversi “contesti” (società, relazioni individuali, moda, spettacolo...).

Una riflessione su uno dei simboli dell’immaginario relativo alla femminilità

«Certamente non si tratta di fermarsi alle apparenze: semplici rotondità mammarie, dipinte o descritte, nudità garbate, carnagione o volumi, fornite con commenti leggeri sulla bellezza o limitate a qualche proposito disinvolto, testimoniano la povertà del discorso o l’imbarazzo del parlatore». Questa la riflessione di Dominique Gros in “Incanto e Anatomia del Seno” (2004) ed anche l’intento di questa mostra, pensata non solo come messaggio alle donne, ma come momento di riflessione su uno dei simboli dell’immaginario relativo alla femminilità.

    Scheda Tecnica

  • “Quell’instabile oggetto del desiderio - l’immaginario del seno femminile nella fotografia d’autore”
    dal 19 novembre 2009 al 10 gennaio 2010
  • Curatore:
    Alfonso Pluchinotta
  • MNAF - Museo Nazionale Alinari della Fotografia
    Firenze, piazza S. M. Novella 14a r
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 10-19; mer chiuso
  • Biglietti:
    Intero € 9; ridotto € 7,50; convenzioni € 6; scuole € 4; ingresso libero per bambini fino a 5 anni
  • Info:
    Tel. (+39) 055 216310 - Fax (+39) 055 2646990
    mnaf@alinari.it
  • Fratelli Alinari Fondazione per la Storia della Fotografia
    Firenze, Largo Alinari 15
    Tel. (+39) 055 23951 – Fax (+39) 055 2382857
    info@alinarifondazione.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader