Special » SPECIAL / MAXXI: un campus per la cultura

SPECIAL / MAXXI: un campus per la cultura

Alla scoperta del primo museo nazionale dedicato all’arte contemporaneo

a cura di Redazione, il 17/11/2009

Il MAXXI è il primo museo pubblico nazionale dedicato alla creatività contemporanea. Il complesso ospita due istituzioni: MAXXI Arte e MAXXI Architettura. Ad oggi, fanno parte della collezione del MAXXI Arte oltre 350 opere, tra cui quelle di Boetti, Clemente, Kapoor, Kentridge, Merz, Penone, Pintaldi, Richter, Warhol e molti altri. Il MAXXI Architettura, con oltre 75mila documenti, comprende gli archivi dei disegni di Carlo Scarpa, Aldo Rossi, Pierluigi Nervi ed altri, oltre ai progetti di autori contemporanei come Toyo Ito, Italo Rota e Giancarlo De Carlo, e alle collezioni di fotografia di autori tra cui Basilico, Barbieri, Jodice, Guidi. Le collezioni sono incrementate sia attraverso l’acquisizione diretta di opere sia tramite progetti di committenza, concorsi tematici, premi, donazioni, affidamenti.
Oltre ai due musei, il MAXXI ospita un auditorium, una biblioteca e una mediateca specializzate, bookshop, una caffetteria e un bar/ristorante, gallerie per esposizioni temporanee, performance, progetti formativi. La grande piazza che disegna gli spazi esterni potrà accogliere opere ed eventi live.

L’architettura del MAXXI

Il MAXXI si trova nel quartiere Flaminio di Roma, nell’area dell’ex caserma Montello.
Il complesso architettonico – con i suoi 27mila mq circa – si integra nel tessuto della città e costituisce un nuovo spazio urbano aperto, articolato e “permeabile” al passaggio, con forme innovative e spettacolari. Un percorso pedonale esterno segue la sagoma dell’edificio, scivola sotto i volumi in aggetto e si apre in una grande piazza che, ripristinando un collegamento urbano interrotto per quasi un secolo dal precedente impianto militare, offre ai visitatori un luogo di sosta e di svago.
All’interno una grande hall a tutta altezza conduce ai servizi di accoglienza, alla caffetteria e al bookshop, all’auditorium e alle gallerie destinate a ospitare a rotazione le collezioni permanenti dei due musei, le mostre e gli eventi culturali. A fronte del segno architettonico deciso che predomina negli spazi aperti e nell’atrio, una spazialità sobria caratterizza le gallerie.

Materiali come vetro, acciaio e cemento conferiscono allo spazio espositivo un aspetto neutro mentre i pannelli mobili garantiscono la flessibilità degli allestimenti. Le forme fluide e sinuose, il variare e l’intrecciarsi dei livelli determinano - anche grazie all’uso modulato della luce naturale - una trama spaziale e funzionale di grande complessità, offrendo itinerari di visita sempre differenti e inaspettati.
Il carattere fondamentale del progetto architettonico e strutturale consiste nell’utilizzo delle pareti come elementi ordinatori dello spazio. Gli spazi interni delle gallerie, quasi sempre lineari, sono delimitati da coppie di pareti parallele che seguono l’andamento longitudinale dell'edificio. Il rivestimento interno in cartongesso crea una cavità tecnica che ospita la complessa dotazione impiantistica del museo.

Il sistema di copertura è un elemento particolarmente complesso sia sotto il profilo tecnologico che impiantistico. Esso integra gli elementi di serramento, i complessi dispositivi di controllo dell’illuminazione naturale (tende, lame orientabili, etc.), gli apparecchi per l’illuminazione artificiale, i meccanismi di controllo termoigrometrico, i supporti per le pannellature mobili. Le lame verticali che lo caratterizzano sono state realizzate in struttura metallica rivestita. La copertura vetrata è protetta all’esterno da un grigliato metallico che scherma la luce e consente la manutenzione. Tutti i collegamenti verticali, così come i pilastri che all’esterno sostengono i volumi in aggetto, sono invece in acciaio.

MAXXI dà i numeri

Superficie totale del lotto: 29.000 mq |Spazi esterni: 19.640 mq | Spazi interni: 21.200 mq | Superficie espositiva: 10.000 mq | Servizi (auditorium, bibliomediateca, caffeteria, ristorante, ecc.): 6.000 mq | MAXXI arte: 4.077 mq| MAXXI architettura: 1.935 mq | Cubatura totale: 113.000 mc |Altezza massima: 22,90 mt | Demolizioni presistenze: 100.000 mc | Acciaio per le strutture: 6.000.000 kg | Acciaio per le carpenterie della copertura: 700.000 kg | Calcestruzzo gettato in opera per la realizzazione delle strutture: 50.000 mc | Superficie di cassero 40.000 mq di cui 20.000 mq facciavista | Superfici vetrate lucernai: 2.600 mq| Occupati nel cantiere MAXXI: 100 persone in media al giorno (tecnici e operai) per 1500 giorni | Ore di lavoro nel cantiere: 1.250.000 | Costo dell'opera: 150 milioni di euro| Visitatori previsti: tra 200 e 400mila l’anno.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di David Bernacchioni, il 17/11/2009

MAXXI VEDE LA LUCE

L’architectural preview e l’apertura straordinaria degli spazi museali con un’installazione coreografica di Sasha Waltz hanno accompagnato la presentazione alla stampa italiana e internazionale del MAXXI - Museo nazionale delle arti del XXI secolo, svoltasi giovedì 12 novembre a Roma....