Mostre » Leonardo Vecchiarelli. MATER

Leonardo Vecchiarelli, “Grazia Berahkah”, 78 x 100 cm, stampa su fine art paper rag inject montata su lastre di alluminio a vivo con retrodistanziali in alluminio

Leonardo Vecchiarelli. MATER

Negli elaborati scatti del fotografo romano, una riflessione spirituale sull’essenza della donna

a cura di Valentina Redditi, il 20/11/2009

Inaugura questa sera, negli spazi della galleria Oltre Dimore di Bologna, la mostra “MATER”, personale del giovane fotografo romano Leonardo Vecchiarelli, già assistente di Gianpaolo Barbieri, Steven Klein e Douglas Kirkland.
Le 16 immagini esposte, selezionate tra le 54 che compongono il ciclo originale, costituiscono un evocativo percorso attraverso la figura di Maria, massima icona del dolore e della passione, quale celebrazione dell’essere donna inteso nel suo significato più arcaico e originario di genitrice e portatrice di vita.

Un nuovo modello per la “rinascita” della donna nella società contemporanea

Dalle opere di Vecchiarelli emerge una riflessione spirituale sull’essenza della donna che riesce a coniugare una saggezza antica e caduta nell’oblio a una prospettiva che si potrebbe senz’altro definire rivoluzionaria: il senso originario dell’essere donna viene riproposto nell’immagine della Mater, quale sinonimo di generosità, amore, bellezza ma anche forza, coraggio e determinazione, e viene suggerito dall’artista come nuovo modello per la “rinascita” della donna nella società contemporanea.

Culture e spiritualità diverse assemblate per trasmettere un’immagine universale

L’immagine di Maria, incarnata nei suoi lavori da Maria Buccellati, sua musa ispiratrice, è riletta dall’artista attraverso un gioco di richiami continui e incrociati che vanno dai quadri di arte sacra ai ritratti di imperatrici di origini ed epoche differenti. Nelle sue opere, infatti, Vecchiarelli assembla in un ritmo continuo frammenti di culture e spiritualità diverse, nel tentativo di trasmettere un’immagine universale dell’ideale femminile, quella Mater appunto che è al tempo stesso forte e guerriera, materna e concreta in grado di prendersi cura di se stessa e degli altri con uguale intensità e passione.

Leonardo Vecchiarelli, “Buddha Wutai Shon”, 103,5 x 129 cm, stampa su fine art paper rag inject montata su lastre di alluminio a vivo con retrodistanziali in alluminio


Le complesse scenografie degli scatti, personalmente ideate e realizzate da Vecchiarelli e dai suoi collaboratori, donano alla figura femminile un’impronta maestosa. Tutti gli elementi che le compongono, dall’architettura al trucco, dai capelli agli abiti, sono frutto di una ricerca minuziosa e dettagliata che richiama le icone fotografate nei musei e nei palazzi reali dei marajà visitati durante i suoi numerosi viaggi fra oriente e occidente.

Una ricerca durata sette anni, un viaggio spirituale e insieme fisico

Il lavoro esposto in mostra è il risultato di una ricerca durata sette anni e di un percorso divenuto allo stesso tempo viaggio spirituale, quasi di ascesi, nella tensione volta a celebrare la donna come portatrice di un messaggio di salvezza nel mondo contemporaneo, e viaggio fisico. Tutte le immagini, infatti, sono frutto dei numerosi spostamenti compiuti dall’artista in tutte le parti del mondo, dei luoghi visitati e degli incontri avuti con persone che ne hanno segnato profondamente la crescita personale e artistica. Le opere, concepite e realizzate come una stratificazione di differenti segni, immagini, colori e odori, mantengono da una parte la loro singolarità nel richiamarsi ognuna a differenti culture ed epoche, dall’altra si fondono le une con le altre restituendoci scenari inattesi ma carichi di un valore estetico universale.

MATER si può quindi pensare e vivere come un viaggio nel mondo interiore di Leonardo Vecchiarelli, un esteta che usa la fotografia per trasmettere un messaggio spirituale, lontano da scrupoli fondamentalisti e da necessità catechizzanti.

Leggi il testo critico di Carlo Ducci
Leggi il testo critico di Teresa Zambrotta

    Scheda Tecnica

  • Leonardo Vecchiarelli. “MATER”
    dal 20 novembre al 30 dicembre 2009
    Inaugurazione: venerdì 20 novembre, ore 18
  • Oltre Dimore
    Roma, Via d’Azeglio 35/a
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Orario di apertura:
    mar-dom, ore 11-13 e 17-19.30
  • Catalogo:
    Edito da Oltre Dimore (21 x 21 cm, pag. 44, € 10)
  • Info:
    Oltre Dimore
    Tel. (+39) 051 0458715 - Fax (+39) 051 331217
    Cell. (+39) 347 3470477
    info@oltredimore.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader