Special » PETER SENONER

Peter Senoner, LEM, 2009 (particolare)

PETER SENONER

LEM, la nuova scultura dell’artista altoatesino, in mostra in piazza dei Signori a Vicenza

a cura di Bernd Noack, il 31/10/2009

Nella suggestiva Loggia del Capitaniato a Vicenza è ospitata fino al prossimo 31 dicembre 2009 “LEM”, scultura realizzata da Peter Senoner rappresentante una creatura con attributi amorfo-tecnici che intende mettere in discussione la sua identità in rapporto con il contesto storico-architettonico che l’accoglie. L’iniziativa si inserisce nell’ambito di “Sistemi di Contemporaneo”, al cui interno vi è la programmazione di “Epide®mie”, rassegna curata da Alberto Zanchetta.

Sistemi di Contemporaneo

“Sistemi di Contemporaneo” è un progetto culturale dedicato all’arte contemporanea promosso e organizzato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza che intende coinvolgere i parchi, le piazze, le vie e gli edifici della città. Nel portico della Loggia del Capitaniato, in Piazza dei Signori, sarà collocata una scultura per un periodo di tre mesi (quattro sculture nell’arco di un anno, una per ogni stagione). Le sculture, il cui soggetto sarà esplicitamente figurativo, “guarderanno verso la Basilica” in attesa che venga riconsegnata alla città.

La ricerca di Peter Senoner

La ricerca di Peter Senoner (nato a Bolzano nel 1970, vive e lavora a Laion) si articola su differenti mezzi e stati di aggregazione genetica che alterano la natura umana attraverso il trapianto di protesi artificiali. La tecnologia diventa quindi un’estensione del corpo atta a ridefinire il concetto della metamorfosi e dell’ibridazione, mutamento che è inteso sia come fragilità che come instabilità dell’essere (l’ambiguità fisica-formale dell’opera è un’evidente riflessione sulle pratiche dell’odierna chirurgia, della clonazione, e sulle ricerche genetiche legate alla genesi di creature artificiali o sintetiche). Allo stesso modo, tradizione e tecnologia si mescolano contaminando le tecniche scultoree; dapprima lavorata nel legno di pino e successivamente fusa in bronzo lucidato, la scultura rende questo “proto-tipo d’esistenza” un mezzo plasmabile nonché oggetto di messa in scena.

I migranti di Senorer

La presenza icastica dei “migranti” di Senoner – che sostano negli spazi in attesa di riprendere il loro viaggio, sorta di percorso relazionale e di transizione dall’arte alla vita – sono figure ibride, asessuate, che potrebbero appartenere alla razza dei semi-dei o di una nuova, avveniristica, mitologia.

LEM

Nella Loggia del Capitaniato di Vicenza Senoner collocherà LEM, creatura con attributi amorfo-tecnici che metterà in discussione la sua identità in rapporto con il contesto storico-architettonico, ovvero con un cosmo plastico-metaforico (come usa dire lo stesso artista) in cui la fisionomia post-umana si “spazializza”, combinando la realtà fenomenica con la forza misteriosa del primordiale e l’imprevedibile effetto delle neo-scienze tecnologiche.

Scheda tecnica

  • Peter Senoner. LEM
    fino al 31 dicembre 2009
  • Loggia del Capitaniato
    Vicenza, piazza dei Signori
  • Info:
    Assessorato alla Cultura di Vicenza
    Tel. (+39) 0444 222122 - 222114
    uffmostre@comune.vicenza.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader