Mostre » Francisco Goya, a settembre in mostra a Milano la sua satira dei capricci

Francisco Goya, a settembre in mostra a Milano la sua satira dei capricci

di Valentina Redditi, il 22/08/2006

’’I Capricci’’, la serie più famosa di incisioni di Francisco Goya, torna in Italia per una lunga mostra che aprirà i battenti il 7 settembre a Milano, nello spazio espositivo della Galleria Bellinzona. La serie si compone di 80 tavole di grande formato realizzate nel 1799. Il titolo indica la natura dei soggetti delle opere, ovvero raffigurazioni di fantasia che però alludono in chiave satirica alla società spagnola del tempo. Come scrisse lo stesso Goya nel Diario de Madrid del 6 febbraio 1799, ’’L’autore, essendo persuaso del fatto che la censura degli errori e dei vizi umani, benché propria dell’Eloquenza e della Poesia, possa anche essere oggetto della Pittura, ha scelto come argomenti adatti alla sua opera, tra la moltitudine di stravaganze e falli comuni di ogni società civile, e tra i pregiudizi e menzogne popolari, autorizzati dalla consuetudine, dall’ignoranza o dall’interesse, quelli che ha ritenuto più idonei a fornir materia per il ridicolo e a esercitare allo stesso tempo la fantasia dell’artefice’’. Nonostante il tono un po’ sfumato della dichiarazione, la satira delle incisioni di Goya è affilata come una lama e non risparmia alcuna classe o categoria sociale. Non fu dunque un caso, se i “Capricci” di Goya ebbero problemi con le istituzioni, almeno all’inizio. La serie di incisioni, stampata in 300 copie, venne messa in vendita nel febbraio 1799 in un negozio poco distante dall’abitazione dell’artista, ma venne subito travolta dallo scandalo: alcuni potenti dell’epoca si riconobbero infatti nei soggetti rappresentati, e alla fine si mosse perfino l’Inquisizione per far sparire le incisioni, ritenute scandalose e addirittura blasfeme. La vicenda si appianò con il tempo, e nel 1803 lo stesso Francisco Goya cedette la prima edizione dei “Capricci” al re di Spagna, Carlo IV, in cambio di una sistemazione per il figlio. Le 80 incisioni godettero però di una vera diffusione solo mezzo secolo dopo, a partire dal 1855, quando venne pubblicata la seconda edizione, fino a diventare una delle opere grafiche più importanti della storia dell’arte.
 
Biografia di Francisco Goya

Scheda tecnica

“I Capricci di Goya”
dal 7 settembre al 28 ottobre 2006

Galleria Bellinzona
Milano, via Volta 10

Info:
Tel. (+39) 02 6598 631
info@galleriabellinzona.com
Galleria Bellinzona

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader