Cronaca » Firenze, il Biancone dell’Ammannati e la sua fontana presto restaurati

Firenze, il Biancone dell’Ammannati e la sua fontana presto restaurati

a cura di Redazione, il 13/09/2006

La Fontana del Nettuno di piazza della Signoria a Firenze sarà presto restaurata. A dare la bella notizia, il Comune di Firenze, la Fondazione Città Italia e Save Art in Italy Foundation, che, presentando la loro collaborazione, hanno annunciato che presto comincerà la raccolta delle donazioni da parte di cittadini italiani e americani, il cui ricavato sarà destinato al restauro del complesso monumentale della Fontana, piuttosto deteriorato, che accoglie la statua del Nettuno. Da ricordare che la mano del Nettuno, per i fiorentini il “Biancone”, è stata recentemente riattaccata dopo l’episodio vandalico accaduto nell’agosto 2005, quando un uomo ubriaco, nel tentativo di arrampicarsi, l’aveva staccata di netto. Il progetto di restauro – illustrato nella conferenza stampa di presentazione dalla sovrintendente dell’Opificio delle Pietre Dure Cristina Acidini – si presenta piuttosto laborioso e complesso. Innanzitutto, prima di cominciare i lavori, tutto il complesso monumentale sarà sottoposto ad un’accurata serie di indagini diagnostiche. Questa prima importante fase, che inizierà in autunno, si è resa possibile grazie al finanziamento di 99.000 euro raccolti dal rotary club insieme all’associazione strade di via de’ Tornabuoni, via della Vigna e via degli Strozzi in una serata di gala di alcuni mesi fa. Fatte le verifiche necessarie, potranno quindi partire i lavori veri e propri, dopo avere raccolto, attraverso le donazioni, i circa 900.000 euro necessari. Entrando nel dettaglio, questi soldi serviranno per eliminare la corrosione del marmo e dei bronzi, causata dagli agenti atmosferici e dai continui getti d’acqua della fontana; all’intervento sugli appigli interni visibili solo attraverso un’apposita gammagrafia, che consentirà di individuare i punti precisi e l’eventuale perdita di capacità di tenuta e di presa; alla risistemazione della parte idraulica, attualmente in stato di degrado, soprattutto nel sistema piuttosto complicato di pompaggio dell’acqua.
Nelle parole dell’assessore alla cultura del Comune di Firenze Simone Siliani, tutta la soddisfazione del caso: “Si tratta di un intervento su un’opera d’arte fra le più importanti e più visitate del mondo e siamo felici che le Fondazioni abbiano selezionato questa fontana fra quattro monumenti per i quali queste cercheranno finanziamenti in America e in Italia". A fargli eco, il segretario della Fondazione Città Italia Ledo Prato e il vicepresidente di Save in Italy Foundation Gino Colangelo, che hanno dichiarato: “La Fondazione Città Italia e Save in Italy Foundation sono nate con lo scopo di raccogliere donazioni da parte dei cittadini. Le opere d’arte che hanno bisogno d’aiuto sono tantissime e le risorse pubbliche non bastano. Stiamo lavorando per una grande campagna di sensibilizzazione e di raccolta fondi per il restauro dei beni culturali". Compiacimento anche da parte della sovrintendente Acidini: “Sono soddisfatta di questo convergere di forze che renderà possibile restaurare la Fontana del Nettuno che da secoli è all’attenzione di tutti".
Alla conferenza stampa di presentazione del progetto di restauro del complesso monumentale del Nettuno era presente anche Confartigianato.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader