Eventi » Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij

La locandina della mostra collettiva “Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij”

Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij

Giovani autori a confronto sul tema dell’arte come strumento di rinnovamento

a cura di Valentina Redditi, il 08/09/2009

L’associazione creativa StatArt di Milano presenta dal prossimo 10 settembre una mostra di quattordici opere tra fotografie, sculture, dipinti e installazioni, opera di quattordici artisti, tutti sotto i 30 anni, a confronto sulla figura di Vladimir Majakovskij (1893-1930). Artista e poeta della Rivoluzione d’Ottobre, Majakovskij chiamò l’arte a farsi artefice di un cambiamento e strumento di libertà. Totale era la sua convinzione che l’arte avesse il potere e il dovere di incidere sul tessuto sociale, rinnovandolo profondamente. La rassegna milanese, intitolata “Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij”, vuole dunque essere un omaggio al grande artista georgiano e insieme un momento di riflessione sul potere dell’arte come strumento di rinnovamento.

«Ogni artista ha trovato in Majakovskij un fil rouge con il proprio vissuto» (Bianca Maria Grassi)

Le opere esposte, selezionate dall’associazione StatArt, compongono la “sezione giovani” della grande mostra collettiva organizzata da Associazione Sassetti Cultura appunto intorno alla figura di Majakovskij
«Ogni artista», scrive la critica d’arte Bianca Maria Grassi, «ha trovato in Majakovskij un fil rouge con il proprio vissuto, incanalando quegli insegnamenti ed archetipi attraverso la propria individuale ars. E l’eterogeneità di questa mostra non è altro che la dimostrazione della ricchezza della personalità del grande poeta, e di come i suoi scritti siano una galleria di specchi, ognuno con un diverso, unico riflesso».

Diana Debord, “Lo Schiaffo”, fotografia

I quattordici autori in mostra

In esposizione le opere di: Alice Arisu, Elvira Biatta, Michele Boffelli, Ilaria Borraccino, Diana Debord, Elfo & SFMC, Stefania Infante, Luca Migliore, Federica Piscopo, Stefano Spera, Jack Ravi, Giulio Vesprini (Control Zeta), Leonardo Zuccaro Marchi. Nel corso della serata, performance di 5° Livello.

Programma della serata, giovedì 10 settembre 2009:

18.00 - Inaugurazione e presentazione generale della mostra da parte del presidente della Sassetti Cultura, Francesco Tripodi.
18.15 - Presentazione del profilo di Vladimir Majakovskij nel suo contesto storico-culturale, a cura di Vera Carminati.
18.30 - Presentazione dei lavori degli artisti senior a cura di Vera Carminati.
18.45 - Presentazione dei giovani artisti a cura di StatArt
19.00 - Performance Ring a cura di 5° Livello.
20.00 - Concerto della BANDA DELLE DONNE...in balia della Maria.
21.00 - Brindisi finale.

La collaborazione del Circolo Culturale Bertolt Brecht

La mostra “Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij” è un’iniziativa di Associazione Sassetti Cultura. Presidente: Francesco Tripodi, progetto di Attilio Zanchi, a cura di Lorenzo Argentino e Vera Maria Carminati. Con il patrocinio della Provincia di Milano. In collaborazione con Circolo Culturale Bertolt Brecht.

    Scheda Tecnica

  • “Bruciare i ponti della ritirata - Vladimir Majakovskij”. Mostra collettiva
    dal 10 al 24 settembre 2009
    Inaugurazione: giovedì 10 settembre, ore 18
  • Sede dell’Associazione Sassetti Cultura
    Milano, via Volturno 35
  • Orario di apertura:
    tutti i giorni, ore 15.30-18.30
  • Info:
    StatArt
    Tel. (+39) 392 9398135 (ufficio stampa StatArt)
    statart@gmail.com

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader