Eventi » Berlino oltre il muro. Gli ombrelli della libertà

Gli ombrelloni di Giampaolo Talani lungo l'East Side Gallery a Berlino

Berlino oltre il muro. Gli ombrelli della libertà

Con una suggestiva istallazione, il maestro Giampaolo Talani aprirà le manifestazioni berlinesi nel ventesimo anniversario della caduta del Muro

a cura di Angelo Pinti, il 20/06/2009

Una grande metafora di libertà. Questo il senso dell’installazione che Giampaolo Talani realizzerà in occasione dell’apertura degli eventi berlinesi organizzati in occasione del ventesimo anniversario della caduta del Muro, previsti nella capitale tedesca dal 23 al 27 giugno 2009. L'artista toscano farà “volare” circa cento ombrelli da spiaggia a righe bianche e blu oltre l’East Side Gallery, il tratto di 1300 metri del vecchio muro, ormai consacrato alla storia e interamente dipinto da artisti di tutto il mondo.

Gli ombrelli “nasceranno” dal busto di una grande statua di marinaio, collocata al centro della piazza che interrompe la linea del muro, ai margini della Sprea, il fiume di Berlino.

Il precedente fiorentino

Le autorità berlinesi hanno voluto ospitare l’istallazione di Talani in occasione del ventennale, avendone riconosciuto il valore di forte metafora di libertà già nel 2008 quando, con una garbata “follia”, Talani salutò Firenze e l’inaugurazione della sua personale a Palazzo Vecchio, con la colorata teoria bianco-blu di tanti ombrelli da spiaggia disposti a forma di giglio sul suolo di una delle piazze più ammirate d’Italia: Piazza Signoria. In quell’occasione fu collocata una statua in bronzo del maestro Talani sotto il loggiato degli Uffizi.

Gli ombrelloni simboli ricorrenti nell’arte di Giampaolo Talani

Gli ombrelloni nell’arte di Giampaolo Talani sono simboli ricorrenti. Per l’artista, nato sul mare ed intimamente legato alla sua battigia e al vento della sua costa, rappresentano i pensieri, che volano via assieme all’anima e che vanno chissà dove in balia dei venti della vita. Sono soprattutto i testimoni silenziosi e gentili della fragilità degli esseri umani.

Le parole del maestro

Oggetti familiari e romantici che non portano la libertà ma sono liberi di andare dove vogliono; non gridano, sussurrano pensieri leggeri. Ci aiutano a ricordare che tutto sarà portato via alla fine da un vento.

Così Talani racconta: “Spesso accade che il vento si confonde e fa volare, di qua o di là da un muro anche gli uomini assieme agli ombrelli. Bisogna capire però che tra gli uni e gli altri non c’è poi tanta differenza. Tutti e due hanno scheletro, meccanismi ad incastro ed estremità che si aprono e si chiudono, ricoperti di stoffa colorata. E’ facile sbagliare! Il vento poi non ha occhi, è solo un respiro forte e veloce, e gli ombrelli non sono interessati dal pensiero della libertà o da quello della prigione. Sta dunque solo, e come sempre, agli uomini dover scegliere quali ombrelli prendere al volo e stringere forte. Quando il vento arriva a portarli via.”

Studio per Partenze, il celebre affresco della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella a Firenze (particolare)

La East Side Gallery

Proprio Berlino ha colto appieno la forte valenza metafisica degli ombrelli di Talani e li ha voluti accostare a quanto di più metafisico ancora possiede, l’ultimo frammento del muro, ormai diventato la più grande galleria d’arte all’aperto: la East Side Gallery. Dal muro gli ombrelli ripartiranno, testimoni di una staffetta ideale che congiunge i luoghi in cui l’uomo prima si è negato la libertà, che poi ha riconquistato; luoghi in cui si è più manifestata quella fragilità umana che non dobbiamo mai confondere con la debolezza ma riconoscere come reale valore aggiunto dell’uomo.

Talani, un protagonista dell’arte internazionale

Con questa installazione Talani ripropone un momento fondamentale della sua poetica, che da oltre trent’anni lo contraddistingue, ponendolo tra i protagonisti dell'arte internazionale: dal giovanile ciclo di affreschi di fine anni '70 per la Chiesa di San Vincenzo (Livorno), suo paese natale, alle mostre americane ed europee degli anni '80 e '90, alle grandi esperienze pubbliche di Napoli, Arezzo, Fiesole, Milano, Bologna, Palermo degli anni 2000. Fino al noto e ammiratissimo affresco della Stazione di Firenze Santa Maria Novella, Partenze, con cui ha saputo richiamare l'attenzione mondiale sull'attualità artistica di quella città.

Il maestro livornese si distingue per la sua abilità di incisore, ma soprattutto per la pittura a fresco di cui è - tra i contemporanei – uno dei pochi profondi conoscitori. Ha esposto a New York, Washington, Parigi, New Orleans, Innsbruck, Colonia, Amburgo, Düsseldorf, Beirut, Parigi, Berlino.

Le sue opere sono oggi in importanti collezioni pubbliche e private, collabora con importanti gallerie italiane ed estere (la sua pittura è amatissima negli Stati Uniti ed in Giappone).

Scheda tecnica

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 20/05/2008

Genio Fiorentino: da Talani un saggio dell’antico “a fresco”

In occasione delle manifestazioni del Genio Fiorentino 2008, sabato 24 maggio dalle 14.30 nel cortile di Michelozzo in Palazzo Medici Riccardi (via Cavour 3, Firenze) sarà possibile osservare il maestro Giampaolo Talani mentre esegue un affresco dai bozzetti allo spolvero, dai cartoni alla pit...

di David Bernacchioni, il 30/04/2008

Talani a Firenze: il successo di “Rosa dei Venti”

Ha chiuso i battenti domenica pomeriggio, in una Piazza della Signoria baciata dal sole di aprile, la grande mostra antologica con cui Firenze ha omaggiato Giampaolo Talani, il maestro dell’affresco della stazione di Santa Maria Novella. In quasi due mesi di esposizione, “Rosa dei Venti” ha fa...

a cura di Redazione, il 18/04/2008

TALANI: il gran finale di "Rosa dei Venti"

A un mese dall’inaugurazione, Rosa dei Venti - l’antologica di Giampaolo Talani in piazza della Signoria a Firenze - continua a riscuotere grandi apprezzamenti da parte del pubblico e della critica. L’interesse per questo importante evento artistico non accenna a diminuire, tant’è che la Sala ...

di Angelo Pinti, il 14/04/2008

DE PAOLI EDIZIONI D'ARTE

Una casa editrice giovane, attenta alla qualità grafica dei propri cataloghi come a quella dei testi critici pubblicati. È la De Paoli Edizioni d’Arte, una breve ma già prestigiosa storia alle spalle, oggi sotto i riflettori come editrice del catalogo che accompagna l’antologica di Giampaolo T...

di Fabio Canessa, il 03/04/2008

Tom Hanks sulla spiaggia di Talani

Sulla battigia, gli “animali” antropomorfi di Giampaolo Talani sono pronti per un’improbabile partenza, con le valigie, le cravatte svolazzanti, i pensieri, i ricordi e un’espressione di disarmante perplessità. Eroi senza avventura, mantengono però il fascino misterioso di un Corto Maltese...

di Elisa Gradi, il 17/03/2008

Il viaggio di Giampaolo Talani

Il calore con il quale la città di Firenze ha accolto l’apertura della mostra “Rosa dei Venti” di Giampaolo Talani è stato al di là delle aspettative di tutti quanti hanno partecipato all’organizzazione dell’evento. A partire dalla mattina, quando ha avuto luogo la conferenza stampa e la “prev...

di Valentina Redditi, il 08/03/2008

"Rosa dei Venti"

Ha aperto i battenti l’attesa mostra antologica di Giampaolo Talani, “Rosa dei Venti” , allestita fino al 27 aprile nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio a Firenze. L’esposizione presenta 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, italiane ed estere, fra cui due dagli Stati Uniti...

di Valentina Redditi, il 08/03/2008

A Firenze la “Rosa dei Venti” di Giampaolo Talani

Ha aperto i battenti l’attesa mostra antologica di Giampaolo Talani, “Rosa dei Venti” , allestita fino al 27 aprile nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio a Firenze. L’esposizione presenta 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, italiane ed estere, fra cui due dagli Stati Uniti...

a cura di Redazione, il 06/03/2008

Talani a Firenze: in arrivo "Rosa dei Venti"

Inaugura domani nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio, a Firenze, la grande antologica di Giampaolo Talani intitolata "Rosa dei Venti", con 55 dipinti provenienti da collezioni pubbliche e private, dall’Italia e dall’estero (due, in particolare, dagli USA e uno dal Giappone). E poi un...

di David Bernacchioni, il 13/02/2008

Giampaolo Talani: «La mia Rosa dei Venti»

Dopo l’enorme successo dell'affresco realizzato per la Stazione di Santa Maria Novella, l’artista livornese prepara per la prossima primavera una grande mostra personale....

a cura di Editorial Staff, il 28/01/2008

Florence tributes an unprecedented exhibition to Giampaolo Talani

In the cradle of the Renaissance an unprecedented anthological exhibition dedicated to the contemporary artist Giampaolo Talani: 55 paintings of public and private collections coming from Italy and abroad (some pieces, in particular, from USA and Japan) staged in Palazzo Vecchio. For two month...

a cura di Editorial Staff, il 28/01/2008

Giampaolo Talani: a XXI century Master for Florence

Giampaolo Talani: astonishing modern Florence. A biography of the artist who has called back the international attention on the present artistic vivacity of the Tuscan capital...

a cura di Redazione, il 28/01/2008

Talani, Giampaolo

Nato nel 1955 a San Vincenzo (Livorno), dove tuttora vive a lavora, Giampaolo Talani ha maturato una profonda preparazione artistica frequentando prima il Liceo Artistico poi l’Accademia di Belle Arti di Firenze dove è stato tra gli allievi prediletti del Maestro Goffredo Trovarelli. Ancora st...

di David Bernacchioni, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, il realismo magico di un artista in costante evoluzione

Allievo prediletto del Maestro Goffredo Trovatelli, Giampaolo Talani è uno dei pochi artisti contemporanei a padroneggiare tecniche oggi quasi dimenticate – ma che fecero grande l’arte del passato – come l’incisione e la pittura a fresco. ...

a cura di Redazione, il 01/10/2006

Giampaolo Talani, tradizione e carica innovativa

Tra le numerose personalità del mondo dell’arte e della cultura che hanno scritto di Giampaolo Talani, Vittorio Sgarbi è senza dubbio una delle più note e carismatiche. ...

di Elisa Gradi, il 20/09/2006

Partenze, la scommessa rinascimentale di Giampaolo Talani

Un grande affresco, posto in uno spazio nevralgico della vita della città, implica in sostanza una scelta estetica che condizionerà, senza alcuna distinzione di categoria sociale, lo spazio di tutti i cittadini ed i visitatori. ...

di David Bernacchioni, il 20/09/2006

Sgarbi inaugura l’affresco di Giampaolo Talani alla stazione di Firenze

L’antica arte dell’affresco torna d’attualità a Firenze grazie al pittore Giampaolo Talani, che ha inaugurato questa mattina una monumentale opera di 70 metri quadri, intitolata “Partenze”, all’interno della stazione di Santa Maria Novella. ...