Eventi » LA ROSA E IL CAVOLFIORE. L’IMMAGINAZIONE AL BIVIO

La sede e il giardino interno della Fondazione Baruchello

LA ROSA E IL CAVOLFIORE. L’IMMAGINAZIONE AL BIVIO

La Fondazione Baruchello di Roma istituisce e promuove un progetto per la realizzazione di un Parco Internazionale d’Artista indirizzato alla messa in coltura della terra

di Cristina Nisticò, il 22/05/2009

“La rosa e il cavolfiore. L’immaginazione al bivio”, è un nuovo innovativo progetto della Fondazione Baruchello di Roma. Concepito a partire dal 2009, nasce dall’idea che l’arte è uno strumento in grado di reinventare, costruire, immaginare la natura e il paesaggio che, come afferma Carla Subrizi, è uno spazio sia fisico che mentale, etico, politico, ma soprattutto spazio sociale. Il progetto sarà realizzato con il sostegno dell’Assessorato all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli, dell’Assessorato all’Agricoltura e dell’Assessorato alla Cultura della Regione Lazio, della BIIS (Banca Infrastrutture Innovazione e Sviluppo), con il patrocinio del PARC - Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la collaborazione della Galleria nazionale d’arte moderna.

Il progetto: un nuovo organismo che nasce dall’humus fertile della Fondazione

Fondazione Baruchello, “La rosa e il cavolfiore”, 2009

L’idea nasce per promuovere e sostenere la realizzazione di progetti d’artista indirizzati all’impiego della terra, tenendo presente la messa a cultura nella direzione dell’orto, del giardino e dell’abitare, ma senza escludere altri usi possibili. Lo spazio a disposizione degli artisti è quello dei vasti spazi esterni della Fondazione, ben 12 ettari nel territorio etrusco del Parco di Veio.

La scelta della rosa e del cavolfiore come emblemi delle due essenze della natura

Fondazione Baruchello, “Parco di Veio”

Il titolo riconduce alla coltura ortiva e del giardino. La rosa, elemento estetico per eccellenza del giardino, quindi immaginazione e fantasia; il cavolfiore, il più antico dei vegetali coltivati dall’uomo per sfamarsi, rappresentante per antonomasia dell’orto, quindi della sopravvivenza. Il rispetto dell’ambiente, il risparmio energetico, lo sviluppo sostenibile, l’interazione tra la natura e le nuove tecnologie, sono parametri inscritti nel progetto de “La rosa e il cavolfiore”.

Un simposio per presentare il progetto alla GNAM di Roma

Sopra e sotto, altre immagini del parco in cui ha sede la Fondazione

La giornata di studi di presentazione del progetto, a cura di Carla Subrizi, instancabile Direttore artistico della Fondazione, organizzata il 13 maggio 2009, presso la Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma, si è rivolta al rapporto tra arte, territorio e ambiente, considerando gli attuali problemi dell’ecologia. Le geografie, le storie, le culture, le specie differenti, sia animali che vegetali, possono riuscire a sperimentare nuove forme di convivenza, per far nascere paesaggi di confine, nei quali la combinazione delle biodiversità sia un aspetto di cambiamento e crescita, tra bios e politica culturale. All’incontro hanno partecipato artisti, critici, architetti, poeti, filosofi: Carla Subrizi, Maria Vittoria Marini Clarelli, Angelandreina Rorro, Francesco Prosperetti, Giovanna Bargagna, Gianfranco Baruchello, Paolo Fabbri, Silvia Bordini, Felice Cimatti, Nanni Balestrini, Massimo Venturi Ferriolo, Beppe Sebaste, Rossana Buono, lacasasullalbero, Tommaso Ottonieri, Fabrizia Giuliani, Iefke van Kampen, Enzo Ciarravano, Giulia Rodano, Giairo Daghini, Belleuropa, Maura Favero, Caterina Iaquinta, Annie Ratti.

Le attività della Fondazione Baruchello

La Fondazione, istituita a Roma nel 1998, con sede nella casa-studio archivio di Gianfranco Baruchello, si propone un'attività ad ampio raggio sulla ricerca e la promozione artistica contemporanea: pubblicazione di opere inedite, la redazione di una rivista, borse di studio, seminari con studiosi di fama internazionale, la creazione di ateliers e di stages per artisti. La Fondazione collabora attivamente con artisti internazionali come, tra gli altri, Jacopo Benci, Rogelio Lopez Cuenca, Neil Ferguson, Mauro Folci, lacasasullalbero, Cesare Pietroiusti, Stalker.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader