Mostre » PIERO BONI. Mondi partecipativi

Piero Boni, “Confine tra i pianeti Giò e Artù. Villaggio cosmico a ridosso della grande siepe”, 2004, olio su tela, cm. 125x138

PIERO BONI. Mondi partecipativi

Alla Biblioteca Angelica di Roma una personale con dipinti di grande formato, fra cui alcuni inediti creati per l’occasione, e un’accurata selezione di disegni e bozzetti su carta

a cura di David Bernacchioni, il 09/05/2009

«Un viaggiatore della ragione e della fantasia»: cosi Claudio Strinati descrive Piero Boni nel catalogo della mostra personale a lui dedicata che inaugura martedì 12 maggio negli spazi adibiti a galleria della Biblioteca Angelica di Roma. L’esposizione - che si intitola “Mondi partecipativi” ed è curata da Andrea D’Agostino e Domenico Montalto - propone dipinti di grande formato, alcuni dei quali inediti creati appositamente per l’occasione, oltre a un’accurata selezione di disegni e bozzetti su carta realizzati dal 1987 ad oggi, evidenziando così il percorso creativo dell’artista.

L’indagine della dimensione spirituale della natura umana

Piero Boni negli anni ha sviluppato uno stile espressivo personale e riconoscibile. Attingendo alla letteratura e alla filosofia (anche quella orientale), l’artista ha incentrato la sua ricerca sull’indagine della dimensione spirituale della natura umana, dando vita a mondi fantastici dominati dalla natura, dalla meditazione e dalla trasparenza dello spirito. Il risultato è una pittura nella quale figurazione e astrazione si fondono per creare immagini visionarie ed eteree.

«La logica di Boni sembra assomigliare a quella di Swift quando inventa i mondi visitati da Gulliver» (Claudio Strinati)

Piero Boni,”Pianeta Artù. La ricerca della perfezione”, 1996, olio su tela, cm. 113x130

Come scrive Claudio Strinati nel testo in catalogo, «l’immagine creata è quanto di più delicato, sensibile, etereo si possa immaginare. È il suo il caso di chi, avendo appreso molto e avendo molto meditato, individua nell’espressione figurativa lo spazio della sintesi e della chiarezza di idee. […] Boni è un artista colto che sa cogliere, con infallibile precisione, ciò che maggiormente gli interessa ricavando talvolta suggestioni segrete».

E prosegue: «Sono note le sue invenzioni dei mondi allegorici che descrive e dispiega davanti ai nostri occhi. È un viaggiatore della ragione e della fantasia e la sua logica sembra assomigliare a quella di Swift quando inventa i mondi visitati da Gulliver. Come nel memorabile romanzo, Boni immagina due pianeti che la pittura crea e descrive, sedi di situazioni e stati mentali diversi su cui la mano dell’artista indaga e spiega. Ciascuno di questi mondi immaginari è dotato di caratteristiche strutturali proprie e la quintessenza del discorso sta nell’idea base a cui i due mondi rappresentano due stadi diversi dalla coscienza che ascende dal male al bene, dalla conflittualità alla pacificazione, dall’oscurità alla luce».

L’influenza di maestri quali Arturo Martini, De Chirico e Alberto Savinio, nonché gli espliciti omaggi a Pollock e Mondrian

Per la sua prima esposizione romana, curata da Andrea D’Agostino e Domenico Montalto, dopo le grandi antologiche degli anni scorsi, sono stati scelti accuratamente alcuni quadri che rappresentano al meglio questo suo immaginario. A tale proposito Andrea D’Agostino afferma: «i pianeti Artù e Giò con le loro pianure, montagne e mari, ma anche con i loro edifici “galattici” rivelano l’influenza di alcuni grandi maestri del ’900 come Arturo Martini o certa pittura metafisica alla De Chirico o alla Alberto Savinio, senza contare gli espliciti omaggi a Pollock o Mondrian presenti in due sue opere.
In mostra risultano particolarmente significativi gli inediti “Angolo del Tempo”, “Dissoluzione entropica delle forme ed eternità del fiore” e “Paesaggio che pensando se stesso si progetta e va costruendosi».

Piero Boni, “Pianeta Giò. Isola in contenitore. Influssi cosmici su vegetazione astrale”, 1995,

L’importanza dei titoli nell’intervista di Domenico Montalto all’artista

I titoli svolgono un ruolo significativo per la comprensione dei lavori di Piero Boni, come afferma Domenico Montalto in un’intervista all’artista: «oltre ad essere descrittivi e complessi, presentano una dose considerevole di humour, quasi fossero consuntivi non solo del lavoro sulla tela, ma di un vissuto e di una filosofia». E Claudio Strinati gli fa eco: “Boni è un narratore che racchiude il senso della storia in una frase».

Il catalogo edito da Lubrina con video cd allegato

Accompagna la mostra un esaustivo catalogo, edito da Lubrina, con testo critico di Claudio Strinati, un’intervista di Domenico Montalto all'artista, testi di Andrea D'Agostino, Marina Panetta e Isabella De Stefano. Completa il volume un filmato su CD contenente una vivace intervista a Piero Boni.
Il pubblico della mostra potrà inoltre visitare la storica Biblioteca Angelica e l’adiacente chiesa rinascimentale di Sant'Agostino, che ospita, tra i tanti capolavori, la “Madonna di Loreto”, detta anche “Madonna dei Pellegrini” del Caravaggio, il “Profeta Isaia” di Raffaello e la “Madonna del Parto” di Jacopo della Quercia.

Note bio-artistiche di Piero Boni

Piero Boni, “Pianeta Giò. Raggi di sole solidificati”, 1992, olio su tela, cm. 140x140

Piero Boni nasce a Senigallia, Ancona. Con la famiglia si trasferisce a Bergamo, dove compie gli studi e dove, dopo la laurea in Giurisprudenza, risiede stabilmente. All’età di dieci anni l’amore per l’arte lo porta ad attingere da pittori locali i rudimenti tecnici della pittura e, in seguito, ad esercitarsi fino a conseguire un linguaggio personale. Negli anni, alla sua professione affianca l’attività artistica che dal 1984 diventa costante ricerca pittorica e creativa.
Tra le mostre che lo hanno visto protagonista, di grande interesse è stata l’esposizione “Piero Boni. Opere 1984-1997” presso la Villa Foscarini-Rossi di Stra (Venezia) a cura di Vittorio Sgarbi.
Rilevante anche la retrospettiva del 2007 al MAM - Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Gazoldo degli Ippoliti (Mantova), a cura di Paola Artoni, con circa cento opere tra dipinti e bozzetti.
Nell’autunno 2008 la Fondazione Mazzotta di Milano ha inoltre esposto un’ampia mostra antologica curata da Claudio Cerritelli, con una sessantina di significativi dipinti e alcuni studi realizzati dalla metà degli anni Ottanta al 2008.

    Scheda Tecnica

  • “Piero Boni. Mondi partecipativi”. Mostra personale
    dal 13 maggio al 13 giugno 2009
    Inaugurazione: martedì 12 maggio, ore 18.30
  • Curatori:
    Andrea D’Agostino, Domenico Montalto
  • Biblioteca Angelica - Galleria
    Roma, Via di Sant’Agostino 11
  • Orario di apertura:
    lun-sab, ore 10-19; dom, ore 10-13
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    Lubrina Editore con testo critico di Claudio Strinati, un’intervista di Domenico Montalto all'artista e testi di Andrea D'Agostino, Marina Panetta e Isabella De Stefano
    CD intervista di Domenico Montalto a Piero Boni
  • Info:
    Biblioteca Angelica: Tel. (+39) 06 840801
    Ufficio Comunicazione, Promozione Culturale: Tel. (+39) 06 68408040

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader