Mostre » MARK TOBEY. Mediatore tra Oriente ed Occidente

Mark Tobey, Senza titolo (1966), tempera su carta, cm 57 x 44

MARK TOBEY. Mediatore tra Oriente ed Occidente

Alla Galleria Blu di Milano, una mostra personale del grande artista americano con venti opere scelte realizzate fra il 1953 e il 1972

a cura di Valentina Redditi, il 12/05/2009

Quarant’anni dopo la prima esposizione datata ottobre 1968, l’arte di Mark Tobey torna ad essere ospitata negli spazi della Galleria Blu di Milano con una mostra personale intitolata “Mark Tobey. Mediatore tra Oriente ed Occidente”, che apre al pubblico da oggi, martedì 12 maggio, al 17 luglio 2009. E se all’epoca fu una singola opera dell’artista americano a comparire nella rassegna intitolata “L’Immortale”, che presentava importanti maestri internazionali come Arp, Ernst, Fontana, Goetz, Magnelli, Matta e Picasso, nella nuova esposizione saranno presentate venti opere scelte, realizzate tra il 1953 e il 1972, negli anni di una maturità ormai piena.

Il debutto italiano alla Biennale di Venezia del 1948

La prima comparsa di Tobey in Italia si era avuta alla Biennale di Venezia del 1948, cui sarebbero seguite altre presenze nelle esposizioni del 1956 e del 1958, edizione quest’ultima che gli valse il Gran Premio per la pittura. Un bel gruppo di suoi lavori facevano bella mostra di sé nel padiglione degli Stati Uniti assieme a dipinti di Mark Rothko e alle sculture di David Smith e Seymour Lipton.

La predilezione per la linea in opposizione alla massa, come nell’arte orientale

Mark Tobey, “Image” (1970), tempera su cartoncino, cm 53 x 47

In quell’occasione, nel catalogo della Biennale, Frank O’Hara faceva lucidamente il punto sugli esiti fino a quel momento raggiunti dall’artista e parlava della sua pittura facendo riferimento alla sua «predilezione per la linea in opposizione alla massa» (la massa come elemento tipico della cultura e dell’arte dell’Occidente, la linea di quelle dell’Oriente) citando il confronto che egli aveva cercato con alcuni maestri della pittura orientale e che Tobey stesso riassumeva sottolineando di essere giunto «a scoprire da me stesso che si può ‘vedere’ un albero non solo in termini di luce e di massa, ma anche come linea dinamica».
Su questi presupposti si è poi sviluppata tutta la sua arte, segnata dapprima dalla “scrittura bianca” (la white writing), fondata sulla calligrafia orientale, e poi evoluta nella scrittura di colore, a volte in una costruzione spaziale densa e composita, altre volte in una semplicità grafica disar-mante.

Il catalogo con saggio introduttivo di Heiner Hachmeister, del Comitato Mark Tobey di Muenster

La mostra è accompagnata da un catalogo introdotto da un saggio di Heiner Ha-chmeister, del Comitato Mark Tobey di Muenster, che definisce Tobey «mediatore tra Oriente e Occidente» e sottolinea i «contatti» italiani del maestro americano, da quelli iniziali con Piero della Francesca e i suoi affreschi di Arezzo a quelli con Piero Dorazio, i cui «lavori degli anni ’50 - scrive - anche se alimentati concettualmente da fonti costruttiviste, sono stati senza dubbio influenzati da Tobey, almeno per quanto riguarda la loro superficie visiva». Ma anche, da non trascurare, gli influssi sulla prima produzione di Tancredi.

    Scheda Tecnica

  • “Mark Tobey. Mediatore tra Oriente ed Occidente”
    fino al 17 luglio 2009
  • Galleria Blu
    Milano, Via Senato 18
  • Orario di apertura:
    lun-ven, ore 10-12.30 e 15.30-19; sab, ore 15.30-19; dom e festivi chiuso
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Catalogo:
    con saggio introduttivo di Heiner Hachmeister (Comitato Mark Tobey di Muenster)
  • Info:
    Tel. (+39) 02 76022404

    Uessearte
    Como, Via Natta 22
    Tel. (+39) 031 269393 - Fax (+39) 031 267265
    info@uessearte.it

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di David Bernacchioni, il 20/03/2009

MARK TOBEY

Prenderà il via la prossima settimana, con inaugurazione venerdì 27 marzo 2009, l'importante mostra antologica dedicata al grande pittore astratto americano Mark Tobey (Centerville, 11 dicembre 1890 – Basilea, 24 aprile 1976). ...

a cura di Angelo Pinti, il 20/02/2009

L'ARTISTA VIAGGIATORE. Da Gauguin a Klee, da Matisse a Ontani

La mostra dedicata all'artista viaggiatore ("L'artista viaggiatore. Da Gauguin a Klee, da Matisse a Ontani", Museo d'Arte della città di Ravenna, dal 22 febbraio 2009), intende presentare i percorsi di alcuni dei più significativi pittori che hanno viaggiato e vissuto ...

a cura di David Bernacchioni, il 11/02/2009

Mark Tobey poeticamente astratto

La neonata Galleria Agnellini Arte Moderna di Brescia presenta un altro grande protagonista della storia dell’arte con la mostra antologica “Mark Tobey poeticamente astratto”, a cura di Philippe Daverio e Dominique....

a cura di Redazione, il 11/02/2009

Tobey, Mark (1890-1976)

Mark Tobey è nato nel 1890 nel Midwest (USA), dove ha trascorso gran parte dell’infanzia. Scopre sin da giovane la passione e l’attitudine al disegno, in cui si cimenta partendo dalla copia delle copertine delle riviste e dai disegni di ritratti per le illustrazioni di cataloghi....