Eventi » TWISTER, la rete dei musei lombardi per l’arte contemporanea

GAM Civica Galleria d’Arte Moderna, Gallarate (Varese), esterno

TWISTER, la rete dei musei lombardi per l’arte contemporanea

Presentato a Milano l’importante progetto e la prima iniziativa correlata: un concorso internazionale a inviti per opere site specific / site related che saranno acquisite dalle dieci istituzioni coinvolte

a cura di David Bernacchioni, il 30/04/2009

Un modello innovativo di alleanza virtuosa tra dieci musei della Lombardia nato allo scopo di selezionare, esporre ed acquisire opere di arte contemporanea site specific / site related, progettate e prodotte ad hoc tramite un concorso internazionale. Stiamo parlando di TWISTER, la Rete dei musei della Lombardia per l’arte contemporanea, presentata pochi giorni fa a Milano. Un progetto di grande valenza culturale e sociale che raggiunge un triplice obbiettivo: arricchire i singoli musei di significative opere d’arte contemporanea, promuovere e sostenere il lavoro degli artisti, al di fuori di logiche di mercato, favorire l’apprezzamento dell’arte di oggi da parte del grande pubblico.

La Fondazione Stelline di Milano è una delle istituzioni coinvolte in “Twister”. Nell’immagine: Massimo Uberti, “Dreams of a possible city”, 2008 © Franco Mascolo

I protagonisti: dieci musei di arte contemporanea lombardi

Fanno parte della rete di Twister le seguenti istituzioni museali: i Civici Musei di Milano con il Museo del Novecento, Il FAI con la Villa e la Collezione Panza, la Fondazione Stelline di Milano, la Galleria del Premio Suzzara (MN), la GAM Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate (VA), la GAMec Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, il MAM Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Gazoldo degli Ippoliti (MN), il Museo Civico Floriano Bodini di Gemonio (VA), il Museo d’arte contemporanea di Lissone (MI) e il Premio Nazionale Arti Visive Città di Gallarate.

Il contributo di Fondazione Cariplo e il concorso internazionale a inviti

Grazie al sostegno fattivo della Regione Lombardia (leggi la presentazione di Massimo Zanello - Assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia), e con il contributo di Fondazione Cariplo, nasce dunque il progetto TWISTER. La rete dei dieci musei vara un importante concorso internazionale a inviti strutturato con due diverse fasi di selezione: un primo momento di disamina dei curricula e dei lavori di repertorio presentati dagli artisti, un secondo di esame dei veri e propri progetti di massima.

Museo d’Arte Contemporanea di Lissone (Milano), esterno

Commissionate undici opere per le collezioni permanenti dei musei della rete

Si è richiesto agli artisti di progettare un’opera studiata ad hoc per ciascuno dei dieci musei o in relazione con essi, non invasiva né monumentale, realizzata per rimanere stabilmente nelle collezioni permanenti.
Gli spazi a disposizione per gli interventi artistici non sono le sale espositive, ma lo spazio di ogni museo in senso ampio, all’interno e all’esterno, con una attenzione agli “spazi di rispetto” attorno al museo stesso e al tessuto urbano e territoriale circostante.

Gli “advisor” e la Commissione giudicatrice

A dimostrazione del forte orientamento verso una effettiva prospettiva internazionale di TWISTER, la rete dei musei ha cercato e ottenuto la collaborazione, in qualità di advisor, di dieci tra curatori e critici d’arte contemporanea operanti nelle maggiori istituzioni europee. Gli advisor hanno affiancato la Commissione giudicatrice composta dai dieci responsabili degli enti coinvolti.

Sala interna della Galleria del Premio Suzzara, Suzzara (Mantova)

I dieci artisti selezionati il 6 e 7 aprile 2009

Da una prima selezione di sessanta artisti (tra singoli e gruppi), si è arrivati ad una rosa di venti nomi: Mario Airò, Margarita Andreu, Massimo Bartolini, Carlo Bernardini, Michael Beutler, Enrica Borghi, Loris Cecchini, Madame Duplok, Chiara Dynys, Lara Favaretto, Flavio Favelli, Alice Guareschi, Lang/Baumann, Maik e Dirk Lobbert, Marcello Maloberti, Marzia Migliora, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini, Riccardo Previdi, Emilia Sharfe e PatriK Tuttofuoco.
La selezione finale avvenuta il 6 e 7 aprile scorso ha indicato i dieci prescelti, la cui opera verrà realizzata e acquisita: Mario Airò, Massimo Bartolini, Carlo Bernardini, Loris Cecchini, Madame Duplok, Chiara Dynys, Lara Favaretto, Maik e Dirk Lobbert, Marzia Migliora, Ottonella Mocellin e Nicola Pellegrini.

L’artista Ofri Cnaani scelto per realizzare un intervento artistico in rete

FAI Villa e Collezione Panza (Varese), esterno © foto Giorgio Majno

Il concorso prevede inoltre la realizzazione di un intervento artistico in rete, che coinvolge i dieci musei/enti della rete regionale per mostrare ad un tempo l’unicità e la coesione del progetto TWISTER e le specificità di ogni realtà museale, rendendo visibile la rete dedicata all’arte contemporanea in Lombardia. Per questo intervento sono stati selezionati quattro artisti: Ofri Cnaani, Matteo Rubbi, Luca Trevisani e Enzo Umbaca. Ha vinto il concorso Ofri Cnaani.

A settembre la grande mostra di tutti i progetti vincitori

Gli undici progetti prescelti saranno esposti e inaugurati in contemporanea nelle sedi di ogni museo coinvolto, e saranno i protagonisti di un unica grande mostra, che verrà inaugurata giovedì 24 settembre prossimo, per proseguire nelle diverse sedi durante il week end di venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 settembre 2009.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader