Eventi » I Segni della Terra: l’antico “reinventato” da Paolo Staccioli in mostra a Fiesole

I Segni della Terra: l’antico “reinventato” da Paolo Staccioli in mostra a Fiesole

a cura di Redazione, il 30/05/2007

Le sale del Museo Archeologico di Fiesole (Firenze) ospiteranno, a partire da sabato 2 giugno, la mostra “I Segni della Terra”, dedicata al ceramista e scultore fiorentino Paolo Staccioli. L’esposizione è curata da Elisa Gradi e
intende ripercorrere, attraverso un itinerario suggestivo di commistione fra arte antica e contemporanea – fra vasi di grandi dimensioni e sculture in ceramica e in bronzo – il percorso artistico e culturale di Staccioli, una delle figure di primo piano nel panorama della scultura toscana contemporanea, con una storia di circa trent’anni di intensa attività.
L’idea che ha mosso la predisposizione del percorso espositivo vuole, innanzitutto, sottolineare la rivisitazione, da parte dell’artista, del patrimonio artistico antico, etrusco in particolare, che Staccioli ha eletto, fin dagli esordi, come una preziosa fonte di ispirazione, interpretandone e reinventandone le forme ed i significati. Per questo si dovrà leggere la miriade di temi che Staccioli propone con un filo di continuità con la collezione permanente del Museo Archeologico fiesolano: la sua, rimane un’arte che ha il merito di offrire allo spettatore lo spunto per una visione rinnovata, ed ancora attuale, del patrimonio artistico millenario della nostra terra. È un percorso che volge a sottolineare dunque una sintesi, una contaminazione fra tradizione e sperimentazione, e che esplica, con estrema chiarezza, quanto il dialogo con le proprie radici storiche possa coniugarsi con il linguaggio fresco ed innovativo dell’arte contemporanea.
Le opere in mostra costituiscono una scelta antologica della vastissima attività dell’artista, e sono indicative sia della produzione fittile che, soprattutto, di quella scultorea.
Un cammino attraverso il quale Staccioli ha reso forma, con la complicità del colore squillante ed iridescente della ceramica, ai temi cari al suo immaginario. Temi che, nelle varie versioni affrontate in un trentennio intenso di attività, saranno esposti in varie installazioni, nelle Sale del Museo Archeologico. Il visitatore potrà ammirare vasi di grandi dimensioni, sempre rinnovati nel colore e nel motivo decorativo, nonché sculture di viaggiatori, guerrieri, cavalli, e quanti altri soggetti sono stati cari all’immaginario di Staccioli, dall’esordio nei primi anni Settanta fino ai giorni nostri.
La mostra continuerà inoltre nell’area antistante l’ingresso del Museo, poiché saranno esposte sculture, in ceramica ed in bronzo, di grandi dimensioni.
Il giorno del vernissage, sabato 2 giugno (dalle ore 18.30), sarà allora l’occasione per cogliere la spettacolarità e la freschezza del linguaggio di Paolo Staccioli, nonché una festosa occasione per celebrare una tappa così significativa del suo itinerario artistico, e di vita.
A disposizione dei visitatori vi sarà il catalogo “Paolo Staccioli. I segni della terra” (versione bilingue italiano-inglese), a cura di Elisa Gradi, De Paoli edizioni d’Arte, con ampia sezione illustrativa delle opere.

Scheda tecnica

“I Segni della Terra”. Paolo Staccioli
dal 2 giugno al 17 Settembre 2007
Inaugurazione: sabato 2 giugno, ore 18.30

Curatore:
Elisa Gradi

Museo ed Area Archeologica di Fiesole
Fiesole (Firenze), Via Portigiani 1

Orario di apertura:
tutti i giorni: ore 10-18

Catalogo:
“I segni della Terra”, a cura di Elisa Gradi (De Paoli ediz. d’Arte, 2007)

Info:
Tel. (+39) 055 59477
Fiesole Musei

Sito web di Paolo Staccioli

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader