Mostre » ANDREA VENTURA. Storie d'amore

Andrea Ventura, Interior N.3, 2007, acrilico su tela, 152x122 cm. Courtesy Galleria Rubin, Milano

ANDREA VENTURA. Storie d'amore

La figura umana al centro della nuova mostra personale del pittore e illustratore milanese, protagonista di una straordinaria carriera negli Stati Uniti

a cura di Angelo Pinti, il 06/04/2009

La Galleria Rubin di Milano, dopo il successo ottenuto nell’esposizione di cinque anni fa, dal 23 aprile 2009 ripresenta nelle proprie sale l’opera di Andrea Ventura (nato a Milano nel 1968, vive e lavora a Berlino), protagonista della mostra personale “Storie d’amore”.

Vincitore della medaglia d’oro dell’American Society of Illustrators

Andrea Ventura è un illustratore di straordinario successo negli Stati Uniti dove ha risieduto per vent’anni. Ha creato immagini per le copertine dei maggiori periodici americani e ha vinto la prestigiosa medaglia d’oro della American Society of Illustrators.

Radici umane ed artistiche saldamente ancorate in Italia

Parallelamente, ha perseguito una ricerca importante, anche se meno conosciuta, nel campo dell’arte, traendo spunto sul piano iconografico dal suo lavoro di illustratore e concentrandosi solo su alcuni temi scandagliando a fondo i suoi sentimenti e le sue memorie personali. Il suo vagabondaggio lo ha ora portato a Berlino ma Andrea Ventura ha le radici umane ed artistiche saldamente ancorate in Italia. Dotato di una naturale inclinazione all’espressione pittorica, il suo linguaggio è lirico nelle immagini e totalmente libero e spontaneo nel gesto.

La mostra del 2004 alla galleria Rubin

La sua prima mostra, presentata alla galleria Rubin nel 2004, recuperava le emozioni di un vissuto legato ai luoghi della sua infanzia e alla loro fascinazione malinconica e inquietante. Erano interni di un appartamento portati alla luce da un lavoro di scavo che, quasi senza frapporre l’intervento della coscienza, faceva affiorare sulla tela tutta l’emozione del ricordo e dello stato d’animo, evitando una puntigliosa ricostruzione con il disegno ma affidandosi direttamente alla pittura modulata in una ristretta gamma di grigi.

Andrea Ventura, Interior N.2, 2007, acrilico su tela, 152 x 183 cm. Courtesy Galleria Rubin, Milano

La figura umana al centro di “Storie d'amore”

Questa nuova mostra testimonia un mutamento significativo. Compare, anzi diventa protagonista, la figura umana. E al ricordo vivido ma distante degli interni milanesi si sostituisce un autobiografismo legato a circostanze di attuale e più tangibile serenità affettiva.

Le radici italiane di Ventura sono sempre presenti ma sostituite da un clima culturale che aleggia nel lavoro piuttosto che da puntuali riferimenti a elementi fisici e concreti. La solidità statuaria delle figure sembra alludere alla pittura di Carrà e Sironi e a tutto il classicismo del novecento reso però attuale da uno stile pittorico formatosi a stretto contatto con il mondo dei “media”.

Un’accennata e gradevole policromia

Fa anche la sua comparsa un’appena accennata, gradevole policromia che attenua la ruvidezza dei suoi primi lavori e testimonia di una completa maturazione tecnica oltre che artistica. Ventura si pone in una posizione centrale tra coloro che propongono una rivisitazione del patrimonio pittorico italiano e classico avendo sicuramente accumulato un’esperienza del mondo che non fa sospettare di provincialismo e avuto modo di riflettere acutamente e in solitudine sulle sue ragioni di artista.

Naturalmente non si tratta soltanto di motivazioni stilistiche o estetiche ma di una sincera meditazione su sè stesso che è capace di tradursi in un autentico e commovente autoritratto.

Scheda tecnica

  • Andrea Ventura. “Storie d'amore”
    dal 24 aprile al 23 maggio 2009
    Inaugurazione: giovedì 23 aprile, ore 19
  • Galleria Rubin
    Milano, via Bonvesin de la Riva 5
  • Orario di apertura:
    mar-sab, ore 14.30-19.30 o su appuntamento
  • Biglietti:
    Ingresso libero
  • Info:
    Tel. (+39) 02 36561080
    inforubin@galleriarubin.com
    Galleria Rubin

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader