Eventi » Tullio Pericoli, SEDENDO E MIRANDO, i paesaggi

Tullio Pericoli, SEDENDO E MIRANDO, i paesaggi

Ad Ascoli Piceno il grande artista marchigiano in mostra con 130 opere in gran parte inedite

a cura di Valentina Redditi, il 21/03/2009

Si apre oggi sabato 21 marzo 2009 negli spazi della Galleria d’Arte Contemporanea di Ascoli Piceno una mostra che prende in esame l’intera ricerca sul paesaggio condotta dal celebre artista marchigiano Tullio Pericoli (nato a Colli del Tronto in provincia di Ascoli, nel 1936 e vissuto dal 1961 a Milano) notissimo come disegnatore e ritrattista.

L’esposizione “Tullio Pericoli, SEDENDO E MIRANDO, i paesaggi (1966 al 2009)”, citazione leopardiana che dà il nome anche a un dipinto in mostra, è la più grande finora realizzata da Pericoli su questo tema.

La mostra evento clou del Festival Saggi Paesaggi

La mostra, curata da Elena Pontiggia e organizzata dalla Provincia di Ascoli Piceno con il contributo della Fondazione Carisap ed il sostegno della Regione Marche e del Comune di Ascoli Piceno, costituisce l’evento più prestigioso del ricco programma del Festival Saggi Paesaggi.

Una mostra destinata a bissare il successo di quella che l’edizione 2008 del Festival ha dedicato ad Osvaldo Licini, artista prediletto da Pericoli e con il quale non sono poche le affinità di segno e di visioni.

L’evoluzione dell’artista nel suo rapporto con il paesaggio

“Sedendo e Mirando” offre al pubblico una scelta articolata ed organica delle opere realizzate dal 1967 ad oggi in un percorso che segue l’evoluzione dell’artista nel suo rapporto con il paesaggio, rivelando la continuità del tema nella poetica di Pericoli, su un arco di oltre 40 anni di attività, per quanto in mostra prevalgano le opere degli ultimi quattro, cinque anni.

“Si tratta di un tema che non ho mai abbandonato, che ho trattato in periodi diversi, ora in forma di racconto, ora in modo più astratto”, racconta lo stesso Tullio Pericoli.

130 opere in esposizione

In mostra presso la Galleria d’Arte Contemporanea di Ascoli Piceno, all’interno di uno splendido edificio conventuale rinascimentale, 130 opere per gran parte inedite. Soprattutto olii sulla cui materia pastosa l’artista spesso interviene con incisioni che danno spessore al dipinto e lasciano vibrare la superficie.

I lavori in mostra

Si parte da Studio per la città in fiamme, 1966, si prosegue con la serie delle Geologie degli anni Settanta e, attraverso la serie intensa degli acquerelli della seconda metà del decennio, si giunge alle opere più recenti. Tra queste sono compresi tutti i più significativi lavori dell’artista, a partire dalla monumentale e spettacolare Lunetta per Torrecchia, eseguita nel 2002 per la residenza di campagna di Carlo Caracciolo.

Spiccano inoltre in mostra opere come Terra rossa (2004), Terreni (2007) e Alta collina (2008), quest’ultima nota perché adottata come logo della campagna di difesa del paesaggio condotta da Italia Nostra nel 2008.

Paesaggi reinventati

Pericoli allude nei suoi titoli ai paesaggi italiani, più spesso, marchigiani.
Vi allude cautamente, perché sono paesaggi non descritti ma reinventati, divenendo un paesaggio della fantasia e dell’anima: una sorta di linguaggio di valore universale. Riaffiora l’eco e l’atmosfera delle colline intorno ad Ascoli, quei campi, quelle distese della sua terra familiari fin dall’infanzia.

Le parole della curatrice Elena Pontiggia

“Tuttavia non è la realtà che interessa Pericoli, ma la realtà della pittura. Il suo è un viaggio nei territori del segno e del colore, tra le pieghe delle tele e delle carte per approdare a un oltre misterioso”, scrive Elena Pontiggia. Questi quadri diventano ritratti e autoritratti: immagini dell’artista e immagini di noi, del nostro tempo. “Come in gran parte dell’arte moderna il paesaggio diventa un pretesto per una cartografia interiore e visionaria, una geografia di idee e di affetti”, continua la curatrice.

Colori minerali che esplorano le estensioni dell’argento e dell’ardesia, i bianchi e le tante sfumature di grigio scabro dei canali o dei solchi tracciati come leggere incisioni. O al contrario si accendono di toni ferruginosi, materici, caldi, bruni, arancio e ocra; di verdi in simpatia di azzurro, di rosa albeggianti e teneri.
“La bellezza non manca in questa opere - sottolinea Elena Pontiggia - che raccontano di luci magiche e di segni alchemici, tramutando acque e terre in continui incantesimi.”

E quelle dello stesso artista

“Io, dentro il mio dipingere metto il piacere di trasformare in pittura la bellezza del mondo usando i graffi del disegno come antiche cicatrici di un volto, i solchi del pennello, la sapienza dell’impaginazione, la capacità di leggere con gli occhi le stratificazioni e le relazioni presenti nella natura” afferma Pericoli.

Un’ unità segnica nuova

L’artista inventa nei suoi quadri un’unità segnica nuova: i suoi mosaici dipinti nascono da porzioni di materia segnata, vergata. Un’unità di forma-segno che raccoglie l’eredità materica dell’informale alla quale Pericoli è giunto seguendo un lungo percorso che inizia appunto negli anni sessanta.

Le “geologie”

Nei paesaggi invece della fine degli anni Sessanta, che Pericoli chiamava “geologie” in cui prevaleva una visione sotterranea attenta ad esplorare stratificazioni profonde, lo spazio non era ancora articolato in tarsie ma si presentava già scandito da andamenti linearistici che lo imprigionavano in un ostinato reticolo.

Una splendida veduta della campagna marchigiana, che lascia intravedere questa ispirazione alla terra natia

Seguono opere impostate su un orizzonte virtuale intorno al quale fiorisce una famiglia di figurazioni embrionali e fantastiche (L’Orizzonte, 1976). Spazi visionari e fiabeschi compaiono compaiono anche nelle opere dei primi anni ottanta (Aria di pioggia, 1980; Paesaggio italiano, 1981) caratterizzate da una presenza lussureggiante di elementi lirici ed evocativi, disseminati in uno spazio rarefatto.

Gli anni Novanta

E’ a partire dagli anni novanta che, (da Terre d’ombra e Colline, 1999 a Lunetta per Torrecchia, 2002) la tela si struttura come un accostamento di forme-segni. Colline e città antiche, pianure e boschi, campi coltivati e cieli diventano un’enciclopedia di segmenti, un catalogo di punteggiature, un diario di ricami strappati e di graffi.

Le opere più recenti

Opere dense di segni e di materia, quelle più recenti, meno letterali, apparentemente lontane da riferimenti alla natura. Superfici che modificano la forma, anche per quello che nascosto o misterioso c’è sotto, in un rapporto continuo tra la parte esteriore e quella interna. Una mappatura di intensa emotività che costituisce una sorta di idioma espressivo nell’invenzione e nella partitura di spazi altamente lirici. Ma cosa vogliono dirci questi segni che non sono meri esercizi grafici? Si domanda Elena Pontiggia.

“I paesaggi di Pericoli sono paesaggi abitati, non dall’uomo ma dal tempo. Da quelle stagioni che Leopardi si figurava sedendo e mirando la siepe dell’Infinito, appunto. E forse proprio questo heideggeriano essere-nel-tempo costituisce uno dei più alti insegnamenti di questi quadri. Perché la “favola bella” che ci mostrano è anche una favola breve.”

Scheda tecnica

  • Tullio Pericoli. Sedendo e Mirando i paesaggi (1966-2009)
    dal 21 marzo al 13 settembre 2009
  • Curatore:
    Elena Pontiggia
  • Galleria d’Arte Contemporanea
    Ascoli Piceno, C.so Mazzini 90
    Tel. (+39) 0736 248663
  • Orario di apertura:
    continuato, ore 10-19; lun chiuso
  • Biglietti:
    Intero € 6; ridotto € 4
  • Catalogo:
    Skira. Testi di Elena Pontiggia, Stefano Papetti, Arturo Carlo Quintavalle, Antonio Tabacchi, Fabrizio D’Amico
  • Ufficio stampa:
    LR COMUNICAZIONE
    Laura Ruggieri
    Tel. (+39) 06 6631305 – (+39) 339 4755329
    l.r.comunicazione@libero.it
  • Info:
    Tel. (+39) 0736 277552
    info@saggipaesaggi.it
    Saggi paesaggi

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader

Articoli correlati

a cura di Redazione, il 21/03/2009

Pericoli, Tullio

Tullio Pericoli nasce a Colli del Tronto (Ascoli Piceno). Dal 1961 vive a Milano dove si afferma come pittore e disegnatore. A partire dagli anni '70 inizia a collaborare con la rivista "Linus", con il "Corriere della Sera" (dal 1974) e con il settimanale "L'...

a cura di Redazione, il 16/04/2008

OSVALDO LICINI, la stagione dei paesaggi

La seconda mostra organizzata per celebrare i cinquant'anni dalla scomparsa dell’artista, “Osvaldo Licini da Monte Vidon Corrado. La stagione dei paesaggi: i dipinti, i disegni, l’epistolario”, che si tiene nel Centro Studi Osvaldo Licini di Monte Vidon Corrado dal 18 aprile al 4 novembre...

a cura di Redazione, il 12/04/2008

OSVALDO LICINI. Errante erotico eretico

Inaugurano entrambe il 18 aprile 2008 ad Ascoli Piceno le mostre “Osvaldo Licini. Dalle Marche all’Europa” e “Osvaldo Licini da Monte Vidon Corrado. La Stagione dei paesaggi: i dipinti, i disegni, l’epistolario”, grandi protagoniste delle serie di iniziative dedicate nel 2008 ad uno dei più im...

a cura di Redazione, il 12/04/2008

OSVALDO LICINI. Dalle Marche all’Europa

L’evento più prestigioso delle manifestazioni previste per celebrare i cinquant’anni dalla scomparsa del maestro, è la mostra monografica “Osvaldo Licini. Dalle Marche all’Europa” che si terrà dal 18 aprile al 4 novembre 2008 presso il Polo Culturale di Sant’Agostino, ricavato da uno splendido...

a cura di Redazione, il 09/04/2008

Licini, Osvaldo

Artista che tocca i vertici dell’arte italiana del Novecento, Osvaldo Licini (Monte Vidon Corrado, AP, 1894 - 1958) si è fatto portatore di una ricerca solitaria ed appartata e di soluzioni figurative e spaziali inconsuete. ...