Cronaca » Il volto di Leonardo in un ritratto inedito

Disegno di Leonardo dalla mostra del 2008 al Castello Sforzesco di Milano "Leonardo. Dagli studi di proporzioni al Trattato della Pittura"

Il volto di Leonardo in un ritratto inedito

Scoperto in Basilicata un dipinto sconosciuto raffigurante Da Vinci: sono in corso le indagini scientifiche sulla tavola che sarà presentata in una mostra che aprirà il prossimo 28 marzo 2009

a cura di Redazione, il 24/02/2009

Uno sconosciuto ritratto raffigurante Leonardo da Vinci, databile al XVI secolo, è stato scoperto in Basilicata, ad Acerenza, piccolo comune in provincia di Potenza. L’autore del ritrovamento, Nicola Barbatelli, studioso di storia medievale, si è imbattuto nell’inedito ritratto, un olio su tavola di 60x44 centimetri, facendo ricerche all'interno di un palazzo di proprietà di una famiglia aristocratica meridionale che per ora ha richiesto l'anonimato.

Presto esami scientifici per accertarne la datazione e l'eventuale autore

La tavola mostra il volto e il busto di Leonardo di tre quarti, con un cappello in testa. L'eccezionale scoperta ha fatto parlare anche di un autoritratto oppure di un'opera di Cristofano dell'Altissimo, autore di un Profilo di Leonardo che si conserva agli Uffizi. Ma per ora è necessario sottoporre il ritrovamento al vaglio di esami scientifici puntuali per accertarne la datazione e l'eventuale autore.

La ricerca affidata ad Alessandro Vezzosi, direttore del "Museo Ideale Leonardo Da Vinci" di Vinci (FI)

Così il nuovo ritratto di Leonardo è stato affidato, per essere studiato ed esposto, ad Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale Leonardo Da Vinci di Vinci di Firenze, uno dei massimi esperti mondiali dell'artista-scienziato del Rinascimento, che dal 1980 compie ricerche sul tema dei ritratti leopardiani, giungendo a molte riscoperte.

L'opera è precedente o successiva a quella conservata nel museo di Firenze?

Vezzosi ha annunciato che sono già in corso le analisi storico-artistiche e presto prenderanno avvio le indagini scientifiche sul dipinto, come il cosiddetto Autoritratto degli Uffizi, considerato tale per due secoli, fino a quando, nel 1938, una radiografia ne smentì definitivamente l'autografia leonardiana. A parere di Vezzosi si tratta, per esempio, di accertare se il ritratto lucano sia precedente o successivo a quello conservato nel museo di Firenze (un olio su tavola di cm 73x58).

Rinviando la presentazione nel Museo Ideale di Leonardo a Vinci (momentaneamente chiuso al pubblico a causa di infiltrazioni d'acqua da strutture soprastanti), Vezzosi ha precisato che è stata programmata una mostra dell'inedito ritratto per l'interessamento del sindaco di Vaglio di Basilicata, Giuseppe Musacchio, con la partecipazione degli enti locali e delle istituzioni culturali della regione. L'esposizione avrà luogo nel Museo delle Antiche Genti di Lucania, aperto a Vaglio di Basilicata (in provincia di Potenza) dal 2006.

Il 28 marzo al via la mostra "I ritratti di Leonardo. Una tavola scoperta in Lucania e una sezione del Museo Ideale Leonardo Da Vinci"

La mostra intitolata “I ritratti di Leonardo. Una tavola scoperta in Lucania e una sezione del Museo Ideale Leonardo Da Vinci” sarà inaugurata in tempi brevissimi, il prossimo 28 marzo, anche per dare spazio ad altre ricerche in corso da parte dell'equipe del professor Vezzosi. La rassegna, aperta fino al 30 giugno, avrà come punto focale il “Ritratto di Leonardo” scoperto in Lucania, che sarà presentato per la prima volta al pubblico, e comprenderà 40 opere di pittura, scultura e incisione del Museo Ideale di Vinci (sezione esposta per la prima volta nella sua interezza e con nuove acquisizioni).

Con l'ausilio di facsimili, esami scientifici e multimedia, documenterà le otto tipologie dei ritratti che tramandano il presunto volto di Leonardo, dal XVI al XIX secolo. Mostra e catalogo (a cura di Agnese Sabato e Alessandro Vezzosi, con una nota introduttiva di Carlo Pedretti) illustreranno sorprendenti segnalazioni inedite, come le tracce di un “ Autoritratto” di Leonardo a Napoli, almeno fino all'inizio dell'Ottocento.

Le parole dello stesso Vezzosi

La clamorosa esistenza di una raffigurazione leonardiana a Napoli (perduta?) sarà oggetto di un'altra ricerca da parte del Museo Ideale di Vinci. «Il ritratto scoperto nelle scorse settimane in Lucania – ha dichiarato Vezzosi – è molto interessante in sé e significativo come nuovo elemento di un mosaico ancora incompiuto per ricostruire le sembianze del volto di Leonardo. Ed è importante in quanto introduce nuove ricerche concernenti Leonardo perduto, le sue tracce e gli echi leonardeschi nell'Italia meridionale. È inoltre misterioso poiché se ne devono ancora accertare la datazione e la più antica provenienza, ed è difficile individuarne l'autore; per tutto ciò è un tema da affrontare, avvincente per l'attualità e le più diverse implicazioni culturali, da quelle storico-artistiche alle nuove tecnologie, fino al contesto del ritrovamento».

(Fonte testo ed immagine: Culturaitalia)

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader