Eventi » Philippe Daverio inaugura un ciclo d’incontri alla Voliera per Umani a Monza

Philippe Daverio inaugura un ciclo d’incontri alla Voliera per Umani a Monza

a cura di Redazione, il 26/04/2007

Il Parco di Monza – con oltre due secoli di vita, è il più grande giardino cintato d’Europa – ospiterà un ciclo d’incontri che vedrà alternarsi alcuni dei protagonisti assoluti della cultura, quali Philippe Daverio, Sergio Bonelli e Mario Botta, accolti nella “Voliera per Umani”, installazione realizzata da Giuliano Mauri. Il primo appuntamento sarà con Daverio sabato 28 aprile, alle ore 16, con intervento focalizzato sulla qualificazione dei parchi verdi italiani, analizzando il “caso Monza” e il suo programma di installare permanentemente delle opere d’arte all’interno.
Un progetto, fortemente voluto dal Comune di Monza, il cui fine è quello di superare i confini tra mondo esterno e interiore, tra luoghi aperti e chiusi, annullando così i limiti imposti dagli spazi espositivi, e inserirsi armoniosamente in luoghi di frequentazione quotidiana, instaurando un legame profondo con la natura circostante.
È questo il caso de “Lo Scrittore” di Giancarlo Neri, gigantesca opera, composta da una sedia alta 10 metri e da un tavolo alto 7,50 e largo 11 metri, in legno e acciaio per un peso totale di oltre 4 tonnellate – donata alla città da Rottapharm – collocata nel prato ex Fagianaia, o appunto come la “Voliera per umani” di Giuliano Mauri.
Il secondo appuntamento si terrà sabato 12 maggio, sempre alle ore 16.00 e vedrà come protagonista Sergio Bonelli, una delle ‘eminenze’ del fumetto italiano, editore delle più importanti collane come Tex, Il Comandante Mark, Martin Mystère, Dylan Dog, ed egli stesso autore. Alla sua penna si devono personaggi come Zagor, creato nel 1961 in collaborazione col disegnatore Gallieno Ferri, o come Mister No. Alla Voliera, Bonelli parlerà di ‘Avventura’, sia di quella vissuta e filtrata dai personaggi dei fumetti, sia di quella conosciuta di persona grazie ai suoi numerosi viaggi soprattutto in America Latina.
Il terzo incontro, sabato 26 maggio, alle ore 16.00, sarà con l’architetto svizzero Mario Botta accompagnato dal giornalista del ‘Corriere della Sera’ Dario Fertilio. I due dialogheranno di un argomento insolito come quello degli angeli e che li ha portati a dare alle stampe il libro “La lingua degli angeli per principianti” (Skira editore). Mario Botta parlerà delle ‘figure alate’, facendole trasmigrare dal loro contesto originale, classico, agli spazi architettonici che lui stesso ha creato in giro per il mondo, mentre Dario Fertilio descriverà il linguaggio celeste di quegli esseri superiori.
In contemporanea con il primo dei tre incontri in programma, dal 28 aprile al 28 ottobre 2007, sempre all’interno del Parco, si terrà la mostra “Obbiettivo Parco”, che presenterà le opere di quattro fotografi internazionali - Ron Nicolaysen (americano, è nato e lavora a New York), Akram Zaatari (libanese, è nato e lavora a Beirut), Pierrot Men (malgascio, è nato e lavora in Madagascar), Marta Mabel Pérez (portoricana, è nata e lavora a Portorico) – che hanno interpretato con le loro immagini il Parco di Monza, attraverso sensibilità che appartengono ad aree geografiche e culture diverse.

Scheda tecnica

Incontri alla “Voliera per Umani”

Parco di Monza
28 aprile, ore 16: Philippe Daverio
12 maggio, ore 16: Sergio Monelli
26 maggi, ore 16: Mario Botta

Orario apertura parco:
Ore 7-20.30

Per raggiungere la “Voliera per umani”:
ingresso da Porta Monza, proseguire a piedi per viale Cavriga, quindi viale Mirabello.
Per le auto, disponibile un parcheggio a Porta Monza (viale Brianza).

Info:
Ufficio attività culturali Comune di Monza
Tel. (+39) 23 02 192

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader