Cronaca » Furti d’arte: Carabinieri ritrovano putto alato dell’800

Il putto alato di epoca ottocentesca recuprato dai Carabinieri. Realizzato in legno dorato e di pregevole fattura, era stato rubato in una chiesa di Savona nel dicembre 2002

Furti d’arte: Carabinieri ritrovano putto alato dell’800

La statua, in legno dorato, era stata trafugata nel 2002 dalla Chiesa di Nostra Signora della Consolazione di Savona

a cura di Redazione, il 26/01/2009

I Carabinieri del Reparto Operativo Tutela Patrimonio Culturale (TPC) hanno recuperato un putto alato di epoca ottocentesca, rubato da una chiesa di Savona nel 2002. Il ritrovamento è il risultato di un’articolata attività di indagine, denominata “Castello”, nata per contrastare un vasto traffico illecito di importanti reperti trafugati da notissimi siti di Roma, la cui zona - in ragione del proprio immenso patrimonio artistico, censito e no - continua purtroppo ad alimentare il mercato di opere rubate, come testimoniano anche altre recenti operazioni di alto profilo condotte sempre dai Carabinieri TPC (denominate “Satricum”, “Feno” e “Domitilla”), di cui avevamo dato conto in un precedente articolo.

Centinaia i reperti recuperati, per un valore complessivo di circa 80.000 euro

Quest’ultima attività di investigazione, condotta sotto la direzione della Procura della Repubblica di Roma, si è conclusa con la denuncia in stato di libertà di un pensionato. Come reso noto dai militari dell’Arma responsabili dell’operazione, durante lo svolgimento delle operazioni di catalogazione delle centinaia di reperti recuperati, è emerso che la statua, in legno dorato, raffigurante un putto alato, era inserita nella Banca Dati delle opere illecitamente sottratte, gestita dal Comando TPC. I controlli appuravano che l’opera, di pregevole fattura, risultava essere parte del provento di un furto commesso nel dicembre del 2002 nella Chiesa di Nostra Signora della Consolazione di Savona.
Il valore complessivo dei beni recuperati si aggira intorno agli 80.000 euro.

stampa pagina stampa solo testo Segnala l'articolo Ascolta con webReader